Passa ai contenuti principali

L'IMU, una tassa che fa male a tutti

L'IMU, la tassa più odiata dagli italiani, è una vera e propria tassa patrimoniale!

Una tassa che è diventata insostenibile sia sui fabbricati che sui terreni.

Una tassa che si basa su valori catastali folli, che non hanno alcun riscontro con la realtà.

E se da un lato i proprietari di case e di terreni non riescono a pagare questa tassa, dall'altro lato i Comuni, che ormai vivono essenzialmente con le tasse raccolte sul territorio, non riescono ad incassare quanto avrebbero sperato, pur sapendo che questo prelievo fiscale è ingiusto, ma soprattutto insostenibile.

E che succede quando un Comune ha fatto un bilancio tenendo anche conto di questi incassi 'drogati', che invece non vengono incassati?

Ebbene...il Comune inizia ad indebitarsi, perché le uscite rimangono costanti, mentre le entrate crollano, e rimangono virtuali.

Il sistema, quindi, non regge ed implode.

E poi ci meravigliamo che i Comuni vanno in dissesto finanziario.

Purtroppo negli ultimi 30/35 anni la politica fiscale italiana è stata improntata a 'tappare buchi' nel brevissimo periodo, e non si è posta il problema della economia nel luogo periodo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.