Passa ai contenuti principali

Firmare con penna nera o blu?

Molte volte durante una apposizione di firme mi forniscono una penna nera, ed io invece chiedo quella blu.
La penna blu, a mio modo di vedere, fa risaltare la firma originale, mentre quella nera potrebbe anche provenire da una copia ben fatta, o ben riprodotta con una stampante laser.
Alla mia insistenza per la penna blu, mi si dice "i notai fanno firmare con penna nera".
Innanzi tutto allorquando si appone la firma innanzi ad un notaio, è lui che poi ne certifica l'autenticità, ma l'uso della penna con inchiostro nero ha origini ben più lontane, e di tipo legale pure.
Infatti l'utilizzo della penna con inchiostro nero, garantiva l'indelebilità dell'inchiostro rispetto all'inchiostro nero, cosa oggi non più valida però.
E quanto sopra riferito, inoltre, venne messo "nero su bianco" (manco a farlo apposta) con apposita legge, e precisamente il Regio Decreto Legge 19 dicembre 1936, n. 2380 "Norme per garantire la conservazione della carta e della scrittura di determinati atti e documenti" e le successive leggi che da allora si sono succedute.
Ma quella norma, però, vigeva in un periodo ben lontano dal nostro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.