Passa ai contenuti principali

I ritardi dei rimborsi sisma '90

Era la notte del 13 dicembre 1990, "appena" 28 anni fa, quando avvenne il terremoto di "Santa Lucia", che interessò moltissimi comuni della provincia di Siracusa e di Catania.
Un sisma di magnitudo pari a 5.68° della scala Richter, durato ben 45 secondo, ed al quale seguirono diverse scosse di intensità minore.
Da allora ... si aspettano i rimborsi delle tasse pagate ingiustamente ... e tutto tace.
Eppure questo è ciò che accadde allora (fonte protezione civile) in ben 17 comuni, in modo grave, ed in altri 46 comuni con danneggiamenti minori:
ComuneEdifici inagibiliSenzatetto
Augusta15114700
Avola151148
Buccheri4-
Buscemi35
Canicattini Bagni510
Carlentini15951701
Cassaro4-
Ferla11-
Floridia1117
Francofonte143488
Lentini5792200
Melilli5091500
Noto180289
Pachino2469
Priolo Gargallo2679
Rosolini710
Siracusa309573
Solarino25
Sortino5942
Acicatena1216
Caltagirone1965
Catania473355
Grammichele78
Licodia Eubea45
Maletto1-
Militello129328
Mineo2252
Motta S. Anastasia8-
Palagonia58120
Ramacca1322
Scordia134250
S.Giovanni La Punta13
Santa Venerina1-
Tremestieri Etneo25
Vizzini4581

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.