Passa ai contenuti principali

Il gratuito patrocinio, 2° puntata


Ieri ho scritto su "che cos'è il gratuito patrocinio", e cioè la possibilità che ogni cittadino venga ad essere garantito sulla possibilità di esperire una controversia giudiziaria anche se il proprio reddito non lo consenta.
Ma una delle cose che non va in questo "gratuito patrocinio", invece, è la salvaguardia del lavoro dei Consulenti Tecnici d'Ufficio, i CTU.
Infatti, allorquando in una controversia con gratuito patrocinio devono essere nominati dei CTU, ecco che ... questi non vengono pagati, nè nell'acconto generalmente disposto dal Magistrato, nè nel corrispettivo della parcella depositata a fine lavoro e liquidata dai magistrati.
Quindi: se da un lato lo Stato (giustamente) tutela il cittadino che intenta una procedura giudiziaria, dall'altro lato non tutela (ingiustamente) i coadiutori dei Magistrati stessi.
E anche se il comma 3° dell'art. 131 del Testo unico in materia di spese di giustizia (D.P.R. 115/2002) così recita:

3. Gli onorari dovuti al consulente tecnico di parte e all'ausiliario del magistrato, sono prenotati a debito, a domanda, anche nel caso di transazione della lite, se non è possibile la ripetizione dalla parte a carico della quale sono poste le spese processuali, o dalla stessa parte ammessa, per vittoria della causa o per revoca dell'ammissione.

in realtà i CTU non riescono mai (o quasi mai) ad essere pagati nelle loro spettanze.

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.