Passa ai contenuti principali

La fatturazione elettronica - le modalità

Prima di descrivere come poter espletare la fatturazione elettronica in modalità del tutto gratuita, o a pagamento, vorrei far comprendere a chi legge quale sia la modalità di trasmissione e di conservazione di questo modo perverso inventato dalla Agenzia delle Entrate.
Se vi collegate al sito 
trovate una serie di sezioni che dovrebbero semplificare l'utilizzo della fattura elettronica.
Dico dovrebbero, perchè invece appena iniziate a leggere le modalità con cui deve avvenire ... uscite dal sito e spegnete anche il computer!
Nella sezione "Strumenti" trovate:
  • Verificare la firma SdI
  • Controllare la FatturaPA
  • Visualizzare i file del SdI
  • Autorizzare gli amministratori degli incaricati
  • Accreditare il canale
  • Inviare via web la FatturaPA
  • Monitorare la FatturaPA
  • Gestire il canale

E siccome appena leggete tutte queste sezioni ... cominciate ad innervosirvi ... ecco che vi spostate nella sezione "La FatturaPA", per cercare di capirne un pò di più; in questa sezione trovate:
  • Cos' è la FatturaPA
  • Il formato della FatturaPA
  • Esempi
Ed anche da questa sezione, nella quale le spiegazioni sono fatte davvero male, scappate senza pietà!

Allora, per cercare un conforto, vi rifugiate nella sezione "Il Sistema di Interscambio", quel sistema perverso inventato probabilmente per far fare migliaia e migliaia di errori ai contribuenti in modo tale da poter comminare sanzioni, ed aggiungere incassi non dovuti alla tassazione già altissima del nostro paese.
Nella sezione "Il Sistema di Interscambio" trovate:
  • Cos’è il Sistema di Interscambio (SdI)
  • File, fatture, messaggi
  • Controlli ed errori
In parole povere, per ogni fattura emessa si dovrebbe fare:
  1. Verificare la firma SdI
  2. Controllare la FatturaPA
  3. Visualizzare i file del SdI
  4. Inviare via web la FatturaPA
  5. Monitorare la FatturaPA
  6. Gestire il canale
Continuo a non comprendere il perchè viene effettuato
un sistema di fatturazione elettronica così complesso!

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.