mercoledì 13 novembre 2019

Sui ruoli esattoriali dei Consorzi di Bonifica


Mentre il malato ancora non è nemmeno stato ricoverato ... e lentamente muore ... ecco che dopo "soli" 11 mesi di allarmi e di pressioni ... si comincia a parlare di sospensione dei ruoli esattoriali delle bollette faraoniche dei Consorzi di Bonifica.
Punto il dito ancora una volta contro l'Assessore all'Agricoltura ed il Commissario del Consorzio di Bonifica 2 Sicilia Orientale, avvisati a gennaio di quanto sarebbe successo, poi il silenzio istituzionale.
E adesso si parla di "sospensione" dei ruoli ... e non di "annullamento" ...
Non so se veramente sia chiara ai "vertici" la differenza fra le due parole "sospensione" e "annullamento" ... forse è bene spiegarglielo ...

E mentre si fa "passerella" sul quotidiano ... l'Esattoria è lì ... pronta ad aggredire i patrimoni dei malcapitati agricoltori, vittime di una politica agricola che non c'è, con grande nocumento per il territorio isolano, sempre più lontano da quella Europa che tanti anni fa tutti sognavamo, ma che è più lontana del Ponte sullo Stretto di Messina.

Evoluzione meteo - le piogge di questi giorni

La perturbazione (abbondantemente preannunciata) che si è abbattuta sulla nostra regione è ormai alle spalle.
Nella giornata di oggi ci sarà qualche altro strascico di piogge, e poi avremo qualche giorno di tregua.
La perturbazione, con piogge intense, ha lasciato dietro di sè l'evidenza dell'abbandono totale da parte delle Amministrazioni Pubbliche della manutenzione dei fiumi, dei torrenti e dei fossi di sgrondo.
Non mi stancherò mai di dirlo: le sezioni originarie di tutti i corsi d'acqua non esistono più, sono ormai "ridotte al lumicino" e l'acqua "non ha dove andare".
Quello che manca è la coscienza di "mettere mano" seriamente alla manutenzione del territorio.

Qui sotto il meteogramma previsionale e le mappe della piogge cumulate nelle ultime 24, 48 e 72 ore.






martedì 12 novembre 2019

35 anni di laurea e strana coincidenza di piogge alluvionali

Cambiamenti climatici o ricorrenze?
Esattamente 35 anni fa (12 novembre 1984) mi laureavo durante un evento alluvionale su Catania e su buona parte della Sicilia Orientale, evento alluvionale che si ripetè in tutta la Sicilia orientale nel mese di gennaio 1985.
Oggi, 12 novembre, riparliamo di piogge alluvionali e ci stupiamo della piovosità di questo mese di novembre, mese che ricordo essere fra quelli dell'anno statisticamente più piovosi.
Ma tutto ciò fa parte dei cambiamenti climatici o della ricorrenza degli eventi atmosferici che caratterizzano un pò tutto il nostro territorio, dove siccità ed eventi piovosi si alternano con una cadenza undecennale?

Certo nel 1984 i fiumi, i torrenti e tutti i fossi di scolo non erano nelle pessime situazioni in cui si trovano oggi, ovvero in 34 anni nella zona della Sicilia orientale ho visto fare solo nel 1986 il rimodellamento dell'alveo del fiume Costanzo e nel 2004, dopo l'alluvione su Lentini, una parte del fiume San Leonardo. Poi più nulla, tranne qualche sporadico, e ridicolo, intervento nei pressi dei ponti stradali.

In tutti questi anni quella che è mancata è stata la manutenzione programmata di tutti i corsi d'acqua, lasciati abbandonati a sè stessi e ... non mi stancherò mai di dirlo ... senza una visione politica della gestione del territorio, ma solo una inerzia politico/burocratica impressionante.
Il risultato, purtroppo, è sotto gli occhi di tutti.

Qui sotto il meteogramma previsionale e la mappa della nostra regione con le piogge cumulate nelle ultime 24 ore.



Delibera 387 del 1° novembre 2019 della Giunta Regionale di Governo

Pubblico, in formato grafico, la Delibera 387 del 1° novembre 2019 della Giunta Regionale di Governo relativa a "Prima ricognizione dei danni provocati da piogge alluvionali verificatesi nei giorni 25 e 26 ottobre 2019 nelle provincie di Siracusa e Ragusa"





lunedì 11 novembre 2019

Alla ricerca della lampada di Aladino dei Consorzi di Bonifica

Non si è ancora spenta l'arrabbiatura degli agricoltori che hanno ricevute le cartelle esattoriali, e gli avvisi di pagamento, nei quali sono stati inseriti importi fantasiosi, e soprattutto che si aggirano intorno alla folle cifra di 3.000,00 euro/ettaro.
E' come se ogni agricoltore avesse trovato la lampada di Aladino, e da lì facesse uscire i soldi con indifferenza, mentre un sistema consortile che dovrebbe garantire servizi puntuali ed economici, affonda nella totale indifferenza della politica siciliana, tirando al fondo anche cli agricoltori siciliani, che hanno fatto, e continuano a fare, il tessuto sociale/produttivo della nostra regione.

E dov'è finita la promessa fatta dal Presidente della Regione Siciliana, on.le Nello Musumeci, cioè quella di qualche giorno fa fatta con un comunicato stampa sul quotidiano LA SICILIA, nella quale si dichiarava "STOP AI PAGAMENTI DEI CONSORZI DI BONIFICA"?

A sentire i Consorzi ... non ci sono sviluppi, cioè non c'è stata alcuna disposizione (o intervento del Governo Regionale) che abbia imposto loro l'annullamento dei ruoli esattoriali.
Nel frattempo, però, l'ANCI Sicilia ha fatto le proprie richieste, considerato che i Sindaci dei comprensori consortili hanno compreso la problematica sociale, che investirà pesantemente i cittadini.

Pubblico qui sotto il comunicato stampa che è stato trasmesso dall'ANCI Sicilia ... sperando che prima o poi qualcuno illumini le menti governanti di questa regione, tanto bella, ma tanto abbandonata a sè stessa.



Piogge in arrivo, il bis dopo 35 anni esatti

Come previsto, oggi e domani piogge intense sulla nostra regione.
Domani, quindi, come 35 anni fa: era il 12 novembre 1984, infatti, quando delle piogge incessanti e con precipitazione oraria elevata si riversarono su Catania, determinando allagamenti imponenti un pò ovunque.
Era il 12 novembre 1984, il giorno della mia laurea, non potrò mai dimenticare quell'evento alluvionale....

domenica 10 novembre 2019

Sulla raccolta differenziata, 3° puntata

Esiste un altro grande problema, relativo alla raccolta del così detto "umido": i cani randagi, anzi i branchi di cani randagi.
Nelle giornate dedicate alla raccolta dell'umido, nelle città, sia in piena notte che in pieno giorno, decine e decine di cani randagi, che girano in veri e propri branchi, fanno razzia del cibo presente nei sacchetti di plastica, lasciato a fianco delle porte, dei portoni e dei cancelli delle varie abitazioni. E ciò su tutto il territorio della città.
Spesso, poi, questi cani aggrediscono anche le persone.
Oltre ai cani, poi, i gatti ed anche i topi, che eseguono veri e propri banchetti, lasciando per le vie cittadine uno scempio, una strage di spazzatura ...
E i marciapiedi ... diventano dei luoghi dove fare equilibrismo fra la spazzatura e il rischio di malattie ...

E le città si sporcano sempre di più, mostrando uno dei lati peggiori delle Amministrazioni.

... continua ...

Freddo e piogge

Una perturbazione raggiungerà la nostra regione già nelle prossime ore e sono attese piogge intense a partire da domani pomeriggio.
Le temperature hanno avuto un deciso crollo, che ci ha portato, finalmente, in autunno.
Qui sotto, oltre al meteogramma previsionale fino a venerdì, le mappe delle piogge cumulate sulla nostra regione a 24, 48 e 72 ore, estratte dal SIAS.




sabato 9 novembre 2019

Dottori Agronomi e Dottori Forestali d'Italia a Congresso

Oggi è l'ultimo giorno di Congresso dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali d'Italia.
Ed oggi ci sarà il resoconto dei coordinatori delle 4 Tesi Congressuali:
Tesi 1 Sicurezza alimentare ed agricoltura sostenibile
Tesi 2 Benessere, sicurezza e sostenibilità nelle città e nelle comunità
Tesi 3 Sicurezza ambientale e sostenibilità nei modelli di produzione e consumo
Tesi 4 Gestione sostenibile delle foreste
Il Congresso chiuderà con la lettura, approvazione e consegna della Carta di MATERA

venerdì 8 novembre 2019

Dottori Agronomi e Dottori Forestali d'Italia a Congresso

Entra oggi nel vivo il Congresso Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali.
Qui sotto le quattro tesi congressuali:
Tesi 1 Sicurezza alimentare ed agricoltura sostenibile
Tesi 2 Benessere, sicurezza e sostenibilità nelle città e nelle comunità
Tesi 3 Sicurezza ambientale e sostenibilità nei modelli di produzione e consumo
Tesi 4 Gestione sostenibile delle foreste




giovedì 7 novembre 2019

mercoledì 6 novembre 2019

Sulla raccolta differenziata, 2° puntata

Una delle criticità della raccolta differenziata come viene fatta da noi, ovvero quella così detta "porta a porta", è l'enorme dispendio di risorse e di mezzi messi in campo.
Decine e decine di mezzi che girano per le vie di ogni paese, per raccogliere i rifiuti solidi urbani lasciati innanzi le porte di casa di ogni cittadino.
Ogni giorno, ogni giorno, tutti questi mezzi girano tutte le vie dei paesi, e personale a piedi a fare chilometri e chilometri.
Inutile rimarcare il costo dei mazzi, il costo dei carburanti, il costo del personale, ma oltre a ciò è da segnalare che gli orari di raccolta la maggior parte delle volte coincide con l'avvio dei cittadini verso le zone di lavoro e ... le città vanno in tilt già prima ancora degli orari di punta.
Pere esempio: ogni mattina a San Giovanni La Punta la stretta via Etna è interessata dalla raccolta dei rifiuti, e il traffico veicolare rimane in attesa del furgoncino che si ferma ed attende che gli operai manualmente raccolgono le varie buste e le caricano su di esso.
Proprio ieri ho impiegato alle 6.40 del mattino oltre 10 minuti (di orologio) a percorre un tratto che normalmente si percorre in nemmeno un minuto.
E questo avviene in ogni paese, ed ogni giorno ...
Se, poi, moltiplichiamo il numero di mezzi impiegati nella raccolta porta a porta per il numero delle città ... da un lato facciamo un servizio alla collettività, raggruppando i rifiuti per categorie, dall'altro ... aumentiamo a dismisura i consumi di carburante e le emissioni nell'ambiente ...

... continua ...

Dottori Agronomi e Dottori Forestali d'Italia a Congresso

Da domani e fino al 9 novembre i Dottori Agronomi e Dottori Forestali d'Italia si riuniscono a Matera per il 17° Congresso Nazionale.
Da domani pubblicherò il programma giornaliero e le "tesi congressuali".

Sullo scempio del territorio: quando le segnalazioni sul blog hanno un effetto positivo


Qualche settimana fa mi ero lamentato dello scempio del territorio a causa delle discariche incontrollate che avvengono lungo le strade, grazie a incivili incuranti del territorio, che fra l'altro loro stessi vivono.
Ho ricevuto questa email dal collega dott. agr. Vincenzo Paternò, che ringrazio, perchè in seguito al suo intervento ... il comune ha provveduto.

Pregiatissimo Dott. Corrado Vigo,
le scrivo in riferimento al post del 12/10/2019, pubblicato su

Avendo riconosciuto da alcuni particolari i luoghi oggetto della Suo post, mortificato e dispiaciuto per lo stato in cui versavano, ho segnalato al Sindaco di Assoro le coordinate chiedendo se fosse possibile fare qualcosa.
Ieri sera ho ricevuto dal sindaco la lieta risposta: "fatto",  con allegata una foto della bonifica dei luoghi, che allego di seguito.

Tenevo tanto portarla a conoscenza di quanto accaduto al fine di diffondere un messaggio positivo, anche attraverso il Suo Blog, e per ringraziarla.
Con sincera stima
Vincenzo Paternò

In arrivo le piogge

Il meteogramma previsionale conferma le piogge per tutta la giornata di domani.
Pubblicherò, nei giorni prossimi, la mappa delle piogge cumulate, per verificare le quantità di piogge cadute sulla nostra regione.


martedì 5 novembre 2019

Cartelle del Consorzio di Bonifica: l'ammissione delle colpe


Finalmente il Presidente della Regione, on.le Nello Musumeci, se n'è accorto, si è accorto che gli agricoltori non possono pagare le bollette folli dei Consorzi di Bonifica, lievitate ad oltre 3.000,00 euro/ettaro.
Peccato che l'Assessore all'Agricoltura ed il Commissario del Consorzio 2 Sicilia Orientale ... da gennaio scorso ... non hanno dato risposte esaudienti alla problematica, e si è dovuto arrivare alla emissione dei ruoli.
Certo è che in dieci mesi ... si sarebbe potuta trovare la soluzione, e non correre ai ripari "a danno fatto".
Oltre a ciò ... rimane in piedi quel mostro di legge approvato dalla Giunta di Governo, la madre di tutti i "copia/incolla".
Mah!

Vedremo se l'annuncio dato dal Presidente della Regione, ripreso oggi dal quotidiano LA SICILIA rimarrà altri dieci mesi nei meandri regionali.