Passa ai contenuti principali

Sul consumo di carta delle fatture elettroniche (!?!?!?!?!?)

Qualche settimana fa ho scritto una serie di post dedicati alla fatturazione elettronica.
Ho dimostrato che non c'è bisogno di acquistare un pacchetto software, o un pacchetto servizi, ma basta e avanza ciò che l'Agenzia delle Entrate mette a disposizione fra piattaforma web, software per il personal computer o il proprio smartphone.
E a distanza di due mesi dall'utilizzo devo ammettere che il sistema funziona, nonostante sarebbe stato possibile renderlo meno macchinoso.
Però, c'è un però! Le fatture elettroniche ci riempiono di carta, tutto il contrario di quanto sarebbe dovuto avvenire.
È proprio l'impostazione della fattura che 'allunga la stampa', nel numero delle pagine.
Faccio un esempio capitato proprio a me: tagliando auto. L'officina mi consegna una fattura cartacea di due pagine, dove sono descritti gli interventi, dal cambio olio, al cambio filtri, alla manodopera, ecc.
Dopo qualche giorno mi arriva la fattura elettronica: trentadue (32) pagine!! Tutte da stampare e unire alla prima fattura ricevuta.
Quindi la fattura da 2 sole pagine diventa di 34 pagine (2 + 32).

Quindi la fattura elettronica moltiplica il numero del cartaceo "appena" del 1.600%!

E non credo che fosse questo uno degli intenti del legislatore, anche Se il legislatore...avrebbe potuto fare meglio... 

Commenti

Popular Posts

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

Acconto premio PAC 2020

Rinnovo il post sul pagamento dell'acconto PAC 2020, su richiesta dei lettori che su questo blog si scambiano notizie.
E nel frattempo spero che l'Agea non si faccia "pregare" per effettuare i pagamenti dovuti.