Passa ai contenuti principali

Tristeza vs Xylella, due pesi e due misure

Due giorni fa l'ANSA riporta la notizia che il Ministro per le Politiche Agricole on.le Gian Marco Centinaio vola in Puglia a verificare gli effetti devastanti della Xylella fastidiosa sugli uliveti, e riporta che il Ministro esclama "... ho la pelle d'oca ... e più l'elicottero si soffermava su questi alberi diventati ormai dei tronchi bruciati e più mi arrabbiavo ...".
Immagino benissimo il senso di impotenza e la rabbia.
Non comprendo, però, come mai il Ministro non abbia fatto lo stesso con l'agrumicoltura siciliana, come mai non abbia preso un elicottero e sorvolato la piana di Catania, o se avesse voluto farlo in modo più economico con una macchina fra le strade (dissestate) delle varie contrade.
Altro che pelle d'oca, signor Ministro, altro che pelle d'oca, sarebbe ritornato al Ministero piangendo.
Quindi, caro on.le Centinaio, la invito a venire qui, a vedere cosa è successo e cosa continua a succedere a causa del virus della tristezza degli agrumi, e "a metterci una pezza", nonostante sia troppo tardi.
Ma se dovesse venire ... lasci stare il "codazzo politico" ... venga a girare nei campi, con chi nei campi ci sta veramente!

L'aspettiamo!

Commenti

  1. Egregio Dott., inviti pure Onorevoli, Ministri e affini, ma per offrirgli una granita mandorla con briosh. Non credo servino voli di Stato (come è in uso fare oggi), o scarrozzamenti da monte a valle per avere contezza del nostro dramma. Della "rabbia" di un ministro ne possiamo fare a meno, ne abbiamo già le tasche piene della nostra. Sul nostro territorio servono risposte, risposte concrete. FATTI NON PAROLE! Serve un piano economico per affrontare la "Tristeza", servono collegamenti ferroviari dignitosi, serve URGENTEMENTE un'Autostrada che colleghi il territorio Catania con quello di Ragusa, Serve un Restyling di tutte, e sottolineo tutte, le strade di secondo e terzo ordine.
    Insomma serve che ci venga ridata la dignità che negli anni ci è stata negata.

    RispondiElimina

Posta un commento

Popular Posts

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.