giovedì 6 giugno 2019

#buongiornocimò - Il "bando settimino" colpisce ancora


C'è chi dice che mi sono "accanito" con l'ex Dirigente Generale dott. agr. Gaetano Cimò, con questi "buongiorno Cimò", che poi è anche un bell'hashtag "#buongiornocimò", ma ciò che vediamo (o meglio subiamo) del "bando settimino" (ex bando "siccagno") discende da ciò che l'ex D.G. si intestardì a portare avanti, nonostante le infinite proteste e lamentele, e nonostante ben 404 pagine di osservazioni trasmesse dalla Federazione degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Sicilia.
E quel 17 febbraio 2017, al Palazzo dell'ESA di Catania, allorquando abbiamo evidenziato le infinite criticità del bando settimino ... non fummo ascoltati ancora una volta!
Ed oggi, a distanza di oltre due anni ... ecco che quella "bancabilità" contestata viene a galla, viene tirata fuori per l'emissione di quei "ridicoli" 100 decreti, che nessuno sviluppo della Sicilia agricola porterà.
E adesso ... fiumi di rinunce, fiumi di documenti buttati al vento, fiumi di parole inascoltate ... un bando nato male, che morirà malissimo, in una regione che nel 2019 ... andrà a disimpegno somme PSR perchè non verrà raggiunto l'obiettivo di spesa ...
E ciò che è stato questo PSR Sicilia 2014/2020 è sotto gli occhi di tutti: un fallimento!
Oltre 2 miliardi di euro che avrebbero dovuto cambiare la faccia dell'agricoltura siciliana, ma l'unica faccia che hanno cambiato è quella degli agricoltori: da speranzosa a triste!

Buongiorno Cimò ...


3 commenti:

  1. Anche questa volta il "Principio di Causalità" non viene violato.

    RispondiElimina
  2. Buongiorno dottore vigo sono Santo Bono quello dei copia incolla, come va vedo che è sempre attivo a criticare tutto e tutti.
    Avevo bisogno di un suo parere sulla norma europea che autorizza lo zuccheragio dei mosti.
    E cosa si potrebbe fare per modificare la stessa.
    Non mi ricordo chi è stato il relatore.

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Dott. Vigo, in riferimento alla Circolare pubblicata ieri, in cui si chiede di dimostrare la disponibilità bancaria della copertura finanziaria della quota privata degli investimenti da finanziare, distinguendo tra apporto di mezzi propri e apporto di capitali provenienti da soggetti terzi. Verifica che deve essere rapportata all'importo dell'intero progetto! .... Chiedo cortesemente di scrivere il punto di vista dell'ordine degli agronomi e/o personale sulla vicenda, ....quanto sia legittimo "minacciare" la revoca di decreti già pubblicati o di condizionare l'emissioni di nuovi decreti al controllo sopraddetto, atteso che nelle Disposizioni attuative si specifica di dimostrare la capacità bancari solo nel caso di richiesta di "anticipo" e non subordina (come altri bandi fanno) la partecipazione al bando alla dimostrazione della bancabilità. Grazie Ing A Stabile

    RispondiElimina