Passa ai contenuti principali

Sulla inutilità del "Fondo nazionale agrumicolo", 5° puntata

A chiusura di queste "puntate" su un Decreto di soli 10 milioni di euro con il quale si dovrebbero fare chissà quante cose, ma la cosa principale non si fa e non si farà, ovvero dare la possibilità agli agrumicoltori di reimpiantare i propri agrumeti colpiti dal virus della tristezza, o danneggiati dal mal secco, mi chiedo: ma chi le scrive queste cose?
E poi mi chiedo: ma a chi serve sbandierare un intervento sugli agrumi, quando lo stesso è "vuoto"?
Chi ha scritto il Decreto sa che per reimpiantare un ettaro di agrumeto ci vogliono mediamente 15.000,00 euro?
E con quei 10 milioni di euro, ammesso che in parte venga destinato al reimpianto (cosa che non credo) quanti ettari possono reimpiantarsi? Lo sanno?
Beh ... glielo diciamo noi: solo 666 ettari ... mentre la problematica interessa almeno 65/70.000 ettari.
Quindi se quei 10 milioni di euro andassero tutti alla riconversione degli impianti si potrebbe reimpiantare lo 0,95% della superficie agrumetata interessata.
Ecco che le cifre, come ho scritto in questi giorni, fanno ridere, ed ecco perchè questo "Fondo nazionale agrumicolo" è del tutto inutile.
E, poi, ribadisco: leggete bene l'art. 1. Applicando l'articolo 1 del Decreto, le "mirabilie" dell'art. 3 e dell'art. 4 non possono applicarsi.
Come dire "io ci ho messo i reimpianti, ed accontento l'opinione pubblica, ma tanto non solo non ci sono i soldi, ma soprattutto l'art. 3 e 4 non possono essere applicati".

Forse sarebbe il caso di ritirare il Decreto, perchè il comparto produttivo agrumicolo non se ne fa nulla!

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...