Passa ai contenuti principali

Fondi europei: la Sicilia non va in disimpegno

Ho aspettato che sul sito di Rete Rurale Nazionale venissero pubblicati i dati relativi alla spesa fatta dalle regioni d'Italia sul PSR 2014/2020, anche perchè proprio su quel sito erano state avanzate molte perplessità sul raggiungimento della spesa per evitare il disimpegno automatico.
La Sicilia su una dotazione di € 2.184.171.900,83 ha effettuato una spesa di € 869.448.254,88 pari al 39,81% allontanando il rischio disimpegno.
La spesa certificata è stata, inoltre, superiore al tetto minimo, di circa 50 milioni di euro.

Vorrei ringraziare in modo particolare tutti i funzionari degli Ispettorati Agricoltura della nostra regione, e delle loro strutture periferiche, che hanno messo da parte ferie, orari di lavoro, sabato e domeniche lavorando a ritmo serrato, per far sì che non si perdessero fondi comunitari.

E durante le "corse"  per definire i progetti ... si è messo a nudo come i bandi predisposti dal duo "Cracolici/Cimò" abbiano creato tutte quelle criticità ampiamente denunciate durante la loro emissione, e per le quali non siamo venuti ascoltati.

Abbiamo lavorato malissimo, male, male, molto male, creando "mostri di carte" e tralasciando la parte tecnica, quella vera, quella di campo, ma inseguendo punteggi fuori da ogni logica, che hanno determinato un aumento della spesa progettuale ... 

Qui sotto la tabella con gli obiettivi di spesa regione per regione, dalla quale si evince che solo la Puglia è andata "sotto" con una quota a rischio disimpegno di € 86.098.394,97, pari al 78,32% di spesa certificata.

Commenti

  1. Infatti tutti sti soldi sono andati via per progetti e per quattro pratiche e tutti aspettano ancora che ste graduatorie siano finalmente definitive e finanziate.oltre a fare schifo questo bando a lasciato fuori chi veramente voleva partire da zero. grazie a chi a favorito solo le grosse aziende come sempre

    RispondiElimina

Posta un commento

Popular Posts

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.