Passa ai contenuti principali

I ragazzi "emigranti", 1°puntata

Scrivo oggi sulla triste e cruda realtà dei "ragazzi emigranti", quelli che vanno via dalla Sicilia per andare a lavorare, perchè qui non trovano alternative.

Ieri su Facebook ho scritto:
Oggi un ragazzo della provincia di Trapani, figlio di un collega, mi ha detto che si trasferisce a Milano per lavorare.
Un altro che va via.
Una emorragia inarrestabile.
Un'altra ferita per la nostra regione.
Non si è fatto abbastanza per farli restare, non va bene.
Sono molto dispiaciuto.

Ed in seguito a questo post proprio quel ragazzo mi ha scritto:
Eh, caro Corrado, oggi è stato un giorno che non dimenticherò facilmente, perchè sembra non finire mai, soprattutto quando ho messo alle mie spalle in autostrada i terreni dove andavo giornalmente.
Lascio i miei genitori in Sicilia.
Non vedo l'ora che finisca oggi così domani mi metto al lavoro, e cerco di non pensarci.
Grazie per il tuo pensiero Corrado; sono fortunato perché sabato verrà mia sorella con suo marito. anche loro lavorano qui a scuola. Almeno nei weekend ci riuniamo in famiglia.
Corrado, è stato fatto poco o nulla per trattenerci in Sicilia. 
I nostri paesi sono completamente spopolati. i pochi giovani rimasti vivono nell'apatia. io non vedo tempi floridi per la sicilia. mi dispiace dirlo.

Finisce così l'aspettativa di un ragazzo laureato in ingegneria, mentre c'è chi con la terza media occupa posti ministeriali, creando danni da decenni e decenni ...

... domani continua ...

Commenti

  1. Mi dispiace dirlo ma la colpa e anche e soprattutto nostra.noi non siamo come i francesi che si ribellano e devono vincere.noi caliamo la testa come la pecora e andiamo via xk non c'è nulla da fare.non siamo stati mai capaci di smontare un piccolo governo regionale che ci soffoca.ma ci avrebbe voluto poco a riunire na Sicilia e distruggere un palazzo.manca la volontà dei siciliani di combattere come i francesi.e mi dispiace dirlo xk anche io sono tra questi ma sto cercando di lottare per non andare via

    RispondiElimina
  2. Purtroppo oggi non solo i ragazzi si trovano costretti a transumare. Peggio chi ormai di bianco pelo si trova costretto ad andar in esilio per sbarcare il lunario, in quanto troppo giovane per la pensione e contemporaneamente troppo vecchio perché qualcuno gli affidi un lavoro dignitoso.
    E 'nce ne costa lacrime sta terra......

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.