Passa ai contenuti principali

478 giorni di vergogna, tratto dal film "Europa dove sei che non ti vedo"

Ieri mattina mi sono trovato a percorre nuovamente una delle poche strade che consente di spostarsi velocemente fra la strada statale Catania Caltagirone e la strada statale Catania Gela, all'altezza del paese di Scordia.
La strada è la provinciale n. 69/II, che è franata subito dopo la contrada Xirumi in direzione "canalotto".
Ma è franata in seguito alle piogge del 18 e 19 ottobre 2018, cioè 478 giorni fa.
E ... la Provincia Regionale di Siracusa ... l'unica cosa che ha saputo fare è stata quella di mettere un cartello di divieto di transito e ... se n'è lavata le mani, come si suol dire.
Evidentemente per questa strada non passa nessun deputato regionale ...

Europa dove sei che non ti vedo!


Commenti

  1. Così come le strade provinciali dell' ennese.i deputati ci sono ma a Palermo.di qua non passano manco sanno che c'è la provincia di enna

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.