Passa ai contenuti principali

Le emergenze fitosanitarie in agricoltura, 1° puntata

A causa della globalizzazione abbiamo assistito nel ventennio scorso a molte introduzioni nel nostro paese di insetti, virus, viroidi, funghi ecc.
Più ci avviciniamo ai giorni nostri e più vediamo che queste "emergenze fitosanitarie" in agricoltura aumentano.
La più dannosa a cui abbiamo assistito, qui in Sicilia, l'esplosione del CTV (citrus tristeza virus), ovvero il virus della tristezza degli agrumi, che ha interessato (ed interessa) decina di migliaia di ettari di agrumeti, azzerando il reddito degli agrumicoltori causando un disastro ambientale, passato sotto silenzio, e socio/economico.
Poi abbiamo avuto la tignola del pomodoro (tuta absoluta), il cinipide del castagno (Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu), e se torniamo indetto agli anni '95/96 la minatrice serpentina degli agrumi (Phyllocnistis citrella Stainton) o la mosca bianca degli agrumi (Aleurothrixus floccosus) negli anni '88/89.
Altra emergenza fitosanitaria, troppo spesso sottaciuta, è il malsecco degli agrumi (Plenodomus tracheiphilus), che ormai ha un inoculo tale nel territorio che è praticamente non debellabile, ma che causa ancora tantissimi danni, ripeto spesso sottaciuti, eh già, perchè qui in Sicilia quando una cosa è talmente vasta diventa "la norma", come per la siccità!
Per non parlare del colpo di fuoco batterico (Erwinia amylovora) o la vaiolatura delle pomacee (Sharka), di recentissima introduzione nei nostri territori, a causa dell'arrivo di materiale infetto da vivaio.
Però se andiamo ai giorni nostri vediamo che le emergenze fitosanitarie in agricoltura si moltiplicano e se ne velocizza l'introduzione, proprio grazie alla sfrenata globalizzazione delle merci ed anche grazie a sprovveduti operatori economici.

... domani continua ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.