Passa ai contenuti principali

Regione Siciliana - l'aggiornamento dell'hardware/software che non c'è

Anche questo post non so a chi indirizzarlo: al Presidente della Regione Siciliana, all'Assessore alla Economia? O all'Assessore della Funzione Pubblica?
I processi di digitalizzazione di tutti i processi amministrativi, spinti con gran velocità dall'emergenza sanitaria, mostrano sempre più le carenze degli Uffici della nostra Regione, a causa di hardware obsoleto, che non consente spesso di ottimizzare il lavoro dei Funzionari, o addirittura lo frenano.
Computer lenti, lentissimi (di decenni fa), scanner inadeguati, caselle di posta elettronica dalla capienza a dir poco ridicola, software inadeguati ed obsoleti.
Insomma andiamo tutti verso una digitalizzazione spinta (finalmente), ma gli Uffici rimangono indietro, troppo indietro, ed i Funzionari ... sono vittime di questa mancanza di aggiornamento hardware e software.
La mancanza, poi, delle risme di carta o del toner ... beh ... quella è un'altra storia ...

Commenti

  1. Non diamo tutta la colpa alle macchine, negli uffici pubblici non credo ci sia bisogno di tutta questa potenza di elaborazione. Diciamo pure che, più che le macchine ad essere troppo obsolete sono i dipendenti ad essere un po indietro con le conoscenze informatiche (non tutti ovviamente). Di fronte ad "elementari" suggerimenti, su come fare una determinata procedura, ho visto volti smarriti nel vuoto, incapaci di riprendersi per il resto della giornata.
    Un conto è nascere con delle tecnologie un conto è adattarsi.

    RispondiElimina
  2. Non sono i PC lenti ma il SIAN a non funzionare, i programmi non risiedono più nei computer locali, le anomalie sulle domande imperversano, talune anche improprie, i funzionari possono fare poco in un sistema blindato. Il SIAN dovrebbe "volare" come gli aerei di AGEA che invece stanno a terra.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...