Passa ai contenuti principali

Sulle arance egiziane alla Camera dei Deputati



In questi giorni si è fatto un gran parlare delle arance egiziane trovate alla Camera dei Deputati.
La cosa non è nuova. Tantissimi anni (1994) fa la senatrice Marisa Moltisanti esordì in Senato posando sul tavolo del Presidente un "tarocco spagnolo" e ed esattamente avvenne che "La senatrice afferra il tarocco (le agenzie non chiariscono se l' abbia pagato o meno) e corre verso l' aula gridando "Basta con le arance spagnole" (cit. La Repubblica).
Ma cosa è avvenuto nel frattempo?
Dal 1994 ad oggi in Italia i costi di produzione sono aumentati a dismisura, a partire dai contributi previdenziali, ai tributi consortili, ai costi energetici, alla imposizione di norme che hanno imposto adeguamenti costosissimi nelle aziende agricole.
Nel frattempo tutti i paesi del nord Africa hanno fatto investimenti imponenti nell'agrumicoltura, a partire dal Marocco, a continuare con la Tunisia o la Turchia.
Ma l'Egitto ha avuto una espansione impensabile: nel giro di 10 anni circa ha aumentato la superficie agrumicola da circa 33.000 ettari a ben  175.734 ettari (dato 2019), grazie ai bassissimi costi di manodopera, alla esenzione di tasse, all'IVA ridotta quasi a zero su tutto ciò che grava sulla agricoltura, ma soprattutto alla realizzazione di imponenti opere di bonifica idraulica, con la creazione di acquedotti e desalinizzatori, che hanno reso irrigue ampie zone del loro paese.
Ricordo a tutti che nel 2018 in Egitto venne completato un dissalatore da ben 59 milioni di metri cubi di acqua/anno, ed altri tre da 55 milioni di metri cubi di acqua/anno/cadauno stanno per essere completati.
Nel frattempo in Sicilia ... dai Consorzi di Bonifica, abbandonati al loro destino, piovono solo bollette, salatissime (ed ingiustificate).

Commenti

  1. Perché ci stupiamo di tanto!?
    Raccogliamo ciò che seminiamo.
    Mentre in altri paesi del mediterraneo si investe seriamente, in Italia si consumavano solo tonnellate di carta in documenti ripetitivi.
    Anziché crescere siamo solo diventati esperti nel girare i pollici, sia in senso destrorso che sinistrorso, aspettando mirabolanti soluzioni da parte di altalenanti governi spesso formati da persone improbabili.

    RispondiElimina
  2. direi ai Deputati: alle prossime elezioni andatevi a farvi votare dagli Egiziani

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...