Passa ai contenuti principali

PEC obbligatoria da oggi per i liberi professionisti


Scatta da oggi l'obbligo delle PEC per le aziende e per i liberi professionisti, obbligo che è in vigore, per essere precisi, sin dal 2012.
L’obbligo è previsto dall’art. 37 del Decreto Legge n. 76/2020 per favorire il percorso di semplificazione delle comunicazioni telematiche con le pubbliche amministrazioni.

Ma da oggi chi non ha comunicato la propria PEC al registro nazionale verrà sanzionato con una ammenda da € 206,00 a € 2.064,00 per le società e da € 30,00 a € 1.548,00 euro per le imprese individuali.

I liberi professionisti devono comunicare la propria PEC all’Ordine di appartenenza, che deve obbligatoriamente curare il corretto aggiornamento e la disponibilità per le amministrazioni pubbliche dell’elenco riservato di tali domicili.

L'art. 37 del Decreto Legge 76/2020 recita:
"Il professionista  che  non  comunica  il  proprio  domicilio   digitale all'albo o elenco di cui al comma 7 e' obbligatoriamente  soggetto  a diffida ad adempiere, entro trenta giorni, da parte  del  Collegio  o Ordine di appartenenza. In caso di mancata ottemperanza alla diffida, il Collegio o  Ordine  di  appartenenza  commina  la  sanzione  della sospensione dal relativo albo o elenco fino alla comunicazione  dello stesso  domicilio. 
L'omessa  pubblicazione   dell'elenco   riservato previsto dal  comma  7,  il  rifiuto  reiterato  di  comunicare  alle pubbliche amministrazioni i dati previsti dal medesimo comma,  ovvero la reiterata inadempienza dell'obbligo di  comunicare  all'indice  di cui all'articolo 6-bis del decreto-legislativo 7 marzo  2005,  n.  82 l'elenco dei domicili digitali  ed  il  loro  aggiornamento  a  norma dell'articolo 6 del decreto del Ministro dello sviluppo economico  19 marzo   2013,   costituiscono   motivo   di   scioglimento    e    di commissariamento del collegio o dell'ordine inadempiente ad opera del Ministero vigilante sui medesimi
".


Commenti

Popular Posts

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

Acconto PAC 2020

A leggere i commenti sul precedente acconto PAC 2020 ... l'acconto non è arrivato ancora a tutti. Chissà perchè l'Agea ci mette così tanto a pagare, in un mondo digitalizzato ed automatizzato. Ci sono cose che non comprenderò mai, come quei due arei Agea, di cui non si parla più ...