Passa ai contenuti principali

Sulla libertà di parola e di pensiero

In questi giorni in cui abbiamo visto l'assalto a Capitol Hill, il Capidoglio americano, ci si pone il problema della libertà di parola, di pensiero e di stampa, diritti fondamentali delle democrazie di tutto il mondo.

Ed in molti hanno lamentato che alcuni "social", come Twitter, Instagram, Youtube, Facebook o Tik Tok abbiano "bannato" il Presidente americano Donald Trump, paventando la fine della libertà di parola.

Vorrei ricordare che l'art. 21 della Costituzione Italiana recita:

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.
Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.
In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'Autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'Autorità giudiziaria.
Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo di ogni effetto.
La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.
Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

Commenti

  1. Il problema è che molti identificano il mezzo, internet, con i social più diffusi e non conoscono, o non vogliono conoscere, l'enorme mondo che c'è oltre.

    RispondiElimina

Posta un commento

Popular Posts

Saldo PAC 2020

Continuo a leggere commenti di agricoltori a cui non è stato ancora effettuato il pagamento del così detto premio PAC. Se l'Agea è così "lesta" a produrre convenzioni insensate e penalizzanti, com'è possibile che non sia così "lesta" a pagare tutti quanti? Rimane il mistero dei due aerei ... mah!

Acconto PAC 2020

A leggere i commenti sul precedente acconto PAC 2020 ... l'acconto non è arrivato ancora a tutti. Chissà perchè l'Agea ci mette così tanto a pagare, in un mondo digitalizzato ed automatizzato. Ci sono cose che non comprenderò mai, come quei due arei Agea, di cui non si parla più ...

Saldo PAC dove sei che non ti vedo

  Ma è mai possibile che nel 2020, ormi a pochi mesi dal 2021, con l'informatizzazione di tutti i sistemi il saldo del Premio PAC debba ritardare così tanto? Ogni giorno sul blog si susseguono commenti di chi chiede a che punto siamo con i pagamenti, di chi non ha ricevuto nemmeno l'acconto. Eppure l'Agea ... i soldi per acquistare n. 2 aerei li aveva ...