Passa ai contenuti principali

Quando ero militare, 9° puntata (sottotitolo: finalmente a Catania)

E finalmente arrivammo a Catania, dopo 68 giorni di CAR e CAR avanzato.
Ci portammo al Distretto Militare e anche stavolta lì non ci aspettava nessuno.
Praticamente nei vari spostamenti nessuno comunicava che c'erano dei militari che si spostavano e che venivano presi in carico in altra caserma.
Dopo aver atteso una mattinata intera, ed essere presi in carico definitivamente, ci trasferimmo alla Caserma Sommaruga, ma non la caserma operativa, bensì dalla parte del Consiglio di Leva e Selezione, quello con l'ingresso da Largo Taormina.
In quegli uffici, composti da decine di civili, e decine di ufficiali, colonnelli, tenenti colonnelli, maggiori, capitani, tenenti e sottotenenti, avevamo un pò tutti il ruolo di supporto alle attività logistiche delle visite di leva e selezione, ovvero dove "si passava la visita di leva", che sanciva l'idoneità o meno dei ragazzi diciottenni a compiere il servizio militare.
Era quello li luogo delle visite mediche ed attitudinali (insomma?!?) che avrebbero deciso le sorti dei vari ragazzi.
Il Colonnello medico era il dott. Franco, impeccabile e sempre puntualissimo.
La camerata ... beh ... una sorta di stanzona, equiparabile ad una stalla a stabulazione libera dove i letti erano paragonabili a quelli della guerra mondiale, dove i lavandini dei bagni erano con sola acqua fredda.
Ricordo che in inverno farsi la barba la mattina con l'acqua gelida era un supplizio.
E durante tutto l'inverno nella camerata sognavo le pale antigelo dell'AID, quelle che alla piana di Catania durante le gelate rimescolavano l'aria per far alzare le temperature di qualche grado.
In quella caserma noi non avevamo nessun ufficiale che dormiva lì la notte, eravamo del tutto sganciati dalla caserma operativa e ... alcuni avevano le chiavi del catenaccio del cancello di ingresso, che veniva aperto e chiuso ad un certo orario dal caporale di giornata.
In questa caserma trascorsi i miei dieci mesi di militare fino al congedo, tranne l'ultima settimana passata alla Sommaruga.
Cosa ho fatto in questi dieci mesi lì? 
Domani ve lo racconto.

 

Commenti