Passa ai contenuti principali

I lavori sulla Tangenziale di Catania, 1° puntata

La Tangenziale di Catania venne progettata negli anni '70, quando il traffico veicolare non era quello di oggi, ma nemmeno i mezzi circolanti avevano le dimensioni (soprattutto i camion) di quelli di oggi.
I lavori del primo tratto da "Primosole" a Misterbianco iniziarono nell'aprile del 1975 e terminarono nei primi mesi del 1983; questo primo tratto, di circa 14 chilometri, venne aperto a giugno 1983.
Poi abbiamo dovuto aspettare fino al 1995 (altri 12 anni) per il tratto da Misterbianco a San Gregorio di Catania.
Nel frattempo tutti in Circonvallazione di Catania, fra semafori e code lunghissime.
Ricordo che arrivando a "Monte Po" impiegavo da un'ora ad un'ora e mezza per raggiungere il casello autostradale di San Gregorio, tanto che ad un certo punto acquistai una BMW 324 TD automatica, poichè arrivavo al casello autostradale "stremato" con il piede sinistro stanco, a causa di centinaia di affondi sulla frizione.
Quindi per realizzare i primi 14 chilometri vennero impiegati 8 anni (1,75 km/anno), mentre per realizzare i secondi 10 km vennero impiegati ben 12 anni (0,83 km/anno).
La Tangenziale, come tutti sappiamo, è una arteria fondamentale della viabilità catanese, arteria che collega le autostrade CT-ME con CT-PA e CT-SR, oltre a collegare le varie città limitrofe a Catania e l'aeroporto e la zona industriale.
Certo la sua progettazione fu fatta, come ho scritto prima, negli anni '70, ma evidentemente non venne tenuto in conto l'eventuale sviluppo del traffico veicolare.
Oggi la Tangenziale di Catania è una arteria "stretta" per la mole di traffico che deve smaltire.

Commenti