Passa ai contenuti principali

Sulla fatturazione elettronica, 1° puntata

Dal 1° gennaio scatta l'obbligo della fatturazione elettronica, uno dei sistemi più complicati che si possa aver partorito per l'emissione di fatture che possano assicurare la tracciabilità delle fatturazioni, ma soprattutto di pagamenti.
La fatturazione elettronica interessa milioni e milioni di partite IVA, quindi si capisce bene quale sia l'interesse dei vari operatori delle Software House a far funzionare i loro sistemi, ed a far pagare in base alle fatture emesse/ricevute o allo spazio virtuale per la conservazione elettronica delle stesse.

E se da un lato la fatturazione elettronica, nonostante sia stata concepita nella maniera peggiore e trovi all'interno della stessa Amministrazione Finanziaria uno dei server più lenti della storia, superato solo da quello del Metafert, ecco che studiando a fondo il tutto, non è poi così da spaventarsi, e nei prossimi gironi scriverò anche il perchè, facendo anche alcuni raffronti fra costi di varie aziende produttrici di software apposito.

Certo che il contenuto del messaggio che appare sul sito della Agenzia delle Entrate, e che riporto in alto, è pessimo.
Ma come hanno potuto scrivere "è in arrivo la rivoluzione intelligente"????
Mah!
A volte mi stupisco come questi messaggi vengano approvati dai Dirigenti che sovrintendono l'emissione di comunicati!

... domani continua ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.