Passa ai contenuti principali

Fatturazione elettronica - "prova su strada", 2° puntata

Ieri ho spiegato, spero in modo semplice, come accedere al servizio gratuito di fatturazione elettronica messo a disposizione dall'Agenzia delle Entrate.
Prima di passare, però, ai vari metodi con i quali è possibile usufruire del servizio, vanno fatte alcune operazioni preliminari ed indispensabili.
Bisognerà indicare l'indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata); per quanto riguarda il Codice Unico, esso è indispensabile allorquando la fatturazione va a "soggetti privati".
Il Codice Unico è un codice a 7 cifre e nel caso in cui oltre alla PEC dovrete utilizzarlo (anche se nella emissione/ricezione con PEC non è necessario, il Codice da inserire è "0000000".
Il Codice Unico può essere acquistato presso i vari fornitori di servizio "fattura elettronica" oppure dal 9 gennaio gratuitamente prossimo attraverso il sito internet www.fatturapa.gov.it - pagina Strumenti - Gestire il canale.



Altra informazione che debbo dare è che dovete fornirvi del QR Code personale.
Il QR Code è quella immagine formata da tanti piccoli quadratini che quando viene letta da un apposito lettore, sia esso "pistola scanner" o anche dallo smartphone, restituisce tutte le informazioni che servono (nella fattispecie, alla fatturazione elettronica.
Esempio: fate degli acquisti (materiale di cancelleria, servizi vari, carburante, ecc.) e volete la fattura elettronica, basterà mostrare il QR Code personale e colui il quale dovrà emettere la fattura si ritroverà automaticamente tutti i vostri dati all'interno del programma che utilizza per la gestione della fatturazione elettronica.
Il QR Code si trova all'interno della pagina "Servizi Disponibili" (sempre sul sito della Agenzia delle Entrate - Fatturazione Elettronica) e basta scaricarlo e poi stamparlo, e portarselo con sè, o salvarlo sullo smartphone e mostrarlo all'occorrenza.
Qui sotto la schermata relativa a come ottenere il QR Code.


... domani continua ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.