Passa ai contenuti principali

Fatturazione elettronica - "prova su strada", 3° puntata - i software gratuiti

Oggi descriverò brevemente come fare le fatture elettroniche in modo gratuito con gli strumenti forniti dalla Agenzia delle Entrate.
Innanzi tutto l'Agenzia delle Entrate mette a disposizione una "piattaforma web", un pò lenta nei passaggi fra le varie sezioni, ma funzionante (mai lenta quanto l'esasperante "Metafert").
Alla piattaforma web si accede attraverso la sezione "Fatturazione elettronica e Conservazione".
L'indirizzo per accedere alla piattaforma web è il seguente:

L'Agenzia delle Entrate mette a disposizione un software da scaricare ed installare sul proprio personal computer, un software in "Java", realizzato da Sogei, che funziona molto bene, ma che "graficamente" ci riporta indietro agli anni '90, ai tempi di IBM Assistant ... o giù di lì.
Il software si scarica da questo link:
Fate attenzione al fatto che appena scaricato il vostro browser vi indicherà che è "potenzialmente dannoso"; scaricatelo lo stesso ed avviatelo.
Verranno scaricati dal server dell'Agenzia delle Entrate i "file" necessari al funzionamento, e troverete il programma installato così come appare in questa immagine:


Il software, nonostante abbia una grafica davvero "scarna" e "scarsa" e ci riporti agli anni'90, funziona molto bene ed è molto semplice creare le fatture elettroniche, come vedremo nei prossimi giorni.

In ultimo l'Agenzia delle Entrate mette a disposizione una "app" per cellulari (o se preferite Smartphone) o Tablet.
L'app è presente sia per i dispositivi Android che per i dispositivi Apple.
I Link sono:



L'applicazione funziona molto bene, anche se l'accesso, come vedremo nei prossimi giorni, potrebbe essere semplificato.

... domani continua ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.