Passa ai contenuti principali

Fatturazione elettronica - "prova su strada", 4° puntata - fatture dal portale web


Oggi cercherò di spiegare come fare una fattura elettronica dal portale web del sito internet dell'Agenzia delle Entrate, dal seguente indirizzo:
Per prima cosa dovete selezionare che tipo di fattura dovete fare:
- Fattura ordinaria 
- Fattura semplificata 
- Fattura PA (Pubblica Amministrazione)
Per prima cosa il sistema vi chiederà di inserire i vostri dati, e ciò dovrebbe avvenire per la prima volta sola.
Inserendo già la Partita IVA il sistema attiva una "icona/pulsante" pigiando il quale potete recuperare automaticamente i dati già inseriti nel portale, a seguito della vostra registrazione.




Fatto ciò il sistema vi porta alla pagina successiva, indicandovi che i vostri dati sono stati salvati, ma adesso è l'ora di inserire i dati del cliente a cui fatturare.
Fatto ciò il sistema vi porta ad un'altra pagina nella quale cominciare ad inserire la fattura, indicando anche il tipo di regime fiscale a cui siamo sottoposti.

Poi, a seguire, è da aggiungere il tipo di "bene e servizio" da fatturare, all'interno del quale indicare la "descrizione" e gli importi.
Inseriti tutti i dati, il sistema vi porta ad una pagina successiva dove vi indica se ci sono errori, come nel caso di prova che ho appena fatto (errori riscontrati perchè non ho inserito appositamente alcuni dati per non generare la fattura)
e sistemati i vari errori (qualora ci siano) potete:
- confermare i dati
- salvare il documento in xml
- visualizzarlo in "pdf"
- "sigillarlo"
- inviarlo

La fattura verrà trasmessa all'indirizzo PEC del vostro cliente, che è rimasto memorizzato in rubrica, o al "Codice Destinatario" attraverso il sistema di interscambio (SdI).
Dovrete poi, per sicurezza, stampare la fattura generata in pdf e conservare anche questa, come avveniva in passato.

... domani continua ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.