Passa ai contenuti principali

Una Pasqua agli "arresti domiciliari"


Questa Pasqua 2020 sarà ricordata come quella "agli arresti domiciliari", e lo stesso sarà per la pasquetta.
E mentre scrivo questo post leggo i dati diffusi sulla pandemia a livello mondiale:
- 1.782.982 contagiati (152.271 italiani)
- 108.891 morti (19,468)
Numeri impressionanti.
Quasi 20.000 morti in Italia, come 1/3 del Comune di Acireale, o due volte il Comune di Trecastagni.

E la prudenza nel rimanere a casa non è mai troppa.
Questa pandemia verrà scritta nei libri di storia, e la studieranno i nostri nipoti, così come verrà scritta nei libri di storia il crollo delle economia, pari ad una guerra mondiale.

Nonostante tutto, però, dobbiamo pensare al "dopo COVID-19", rimboccandoci le maniche e facendo sì che si possa ripartire per ritornare al "pre COVID-19"

Buna Pasqua a tutti i lettori del blog.

Commenti

  1. "
    Egregio Dott., guardi il lato
    "positivo" della vicenda...
    Per Sant'Alfio non rimarrà "murato vivo"
    Serena Pasqua a tutti.

    RispondiElimina

Posta un commento