Passa ai contenuti principali

Quel devastante articolo 28 del DDL sui Consorzi di Bonifica


Mentre alla Piana di Catania moltissime contrade non hanno ricevuto nemmeno un turno irriguo, da parte del Consorzio di Bonifica, la deputazione regionale sonnecchia su quel DDL dei Consorzi di Bonifica ...
Devo purtroppo ricordare che ... l'estensore del DDL ha inserito un articolo, il n. 28, a dir poco devastante, che ripropongo qui sotto, perchè "a cose fatte" gli agricoltori non vengano poi a lamentarsi.
Si lamentino, piuttosto, adesso con la deputazione regionale, che non persegue una "politica agraria".

Art. 28 - 1. I consorziati, in conformità al piano comprensoriale di bonifica e di irrigazione e di tutela del  territorio,  hanno  l’obbligo  di  eseguire  e  mantenere  le  opere  minori  di  interesse particolare dei propri fondi o comuni a più fondi necessarie per dare scolo alle acque, per completare la funzionalità delle opere irrigue e comunque per non recare pregiudizio allo scopo  per  il  quale  sono  state  eseguite  o  mantenute  le  opere  pubbliche  di  bonifica  e  di irrigazione. 
2.  In  caso  di  inerzia,  anche  su  richiesta  di  un  solo  interessato,  trascorsi  trenta  giorni  dalla costituzione  in  mora,  le  opere  di  cui  al  comma  1  sono  eseguite,  in  via  sussidiaria,  dal Consorzio in nome e per conto degli interessati stessi, ponendo a loro carico i relativi oneri che sono equiparati, a tutti gli effetti, ai contributi consortili di cui all'articolo 24.

Commenti