Passa ai contenuti principali

Al solito: due pesi e due misure

Quando avviene una calamità da noi in Sicilia arrivano sempre le briciole, vedi le ultime calamità pagate e/o in pagamento (gelate 2017 e siccità 2017). 
Quando la calamità è al nord, apriti cielo!
Ecco che dopo le gelate che hanno colpito il centro-nord Italia la politica si muove.
Nulla contro l'intervento politico per pagare i danni agli agricoltori, ma non ho visto lo stesso da parte della politica per la nostra regione; e lo stesso accade per la siccità. Il silenzio totale.
Al solito: due pesi e due misure, e la politica siciliana sta a guardare, anzi sta in silenzio.
Sul sito del Ministero per le Politiche Agricole appare questo comunicato:

Interventi mirati per le ondate di gelo che, nel mese di marzo e aprile, hanno investito gran parte del territorio nazionale e alcuni Paesi europei, causando danni al settore agricolo, con particolare riferimento al comparto ortofrutticolo e a quello vitivinicolo. È quanto condiviso e sottoscritto da Italia, Francia e Grecia in una missiva inviata oggi alla Commissione europea, per chiedere di mettere in campo idonee misure di aiuto urgenti e transitorie per sostenere le imprese danneggiate, conformemente a quanto consentito dall'articolo 221 del regolamento sulla Organizzazione unica di mercato.


Il settore agricolo, che ha già avuto pesanti ripercussioni provocate dalla pandemia da Covid - 19, ha continuato a produrre beni sicuri e di qualità per i cittadini europei. Purtroppo, l'agricoltura risente fortemente dei cambiamenti climatici in corso e le gelate che hanno colpito le produzioni nelle ultime settimane ne sono un esempio. 

Nella lettera congiunta è stata, inoltre, evidenziata l'importanza della proposta, fortemente sostenuta dal nostro Paese, di destinare una adeguata quota dei pagamenti diretti della Politica Agricola Comune alla creazione di una rete di sicurezza per tutte le aziende del settore, a supporto degli attuali strumenti di gestione del rischio.

La frequenza con cui si verificano questi eventi estremi comporta l'operatività di strumenti in grado di intervenire tempestivamente: solo un approccio integrato tra gli strumenti di gestione del rischio e il sostegno ad investimenti più mirati alla riduzione dei rischi stessi possono contribuire a migliorare la resilienza delle imprese agricole.

Quest'iniziativa si inserisce nel solco delle misure promosse dal Governo italiano per sostenere un settore strategico dell'economia come quello dell'agricoltura per il quale, da ultimo, il Mipaaf ha previsto, nel Dl Sostegni bis, uno stanziamento di 105 milioni a favore del Fondo di solidarietà nazionale disciplinato dal d. lgs. 102 del 2004 al fine di ristorare i danni a produzioni, strutture e impianti produttivi delle aziende colpite dalle gelate e brinate dell'aprile 2021.

Commenti