Passa ai contenuti principali

Le letterine di Lina Arena

Ricevo, e pubblico, un'altra "letterina" dall'avv. Lina Arena.
Leggo Repubblica ed il supplemento   che lei dirige e mi pare di aver notato in un trafiletto di un articolo  pubblicato sull'ultimo numero del supplemento , una notazione che si riferiva certamente alla trasmissione della De Filippi, Uomini e donne.  Mi sorprende un fatto: perchè tanto riserbo da parte della stampa nazionale  sulla trasmissione di cui sopra è cenno ? i partecipanti ai quotidiani incontri tra Uomini e donne rivelano  di essere affette da un disturbo che li rende nocivi non solo a loro stesse ma anche alla platea degli ignoranti che  per svariati motivi li seguiamo. Addirittura una di queste signorinette che nei giorni scorsi ha  scelto il suo compagno di vita ha riconosciuto, tra una battuta e l'altra, di essere in cura  da circa sette mesi.  Sia beninteso, non si tratta di dover proporre la censura di questo indegno spettacolo  ma di invitare la curatrice  ad essere più accorta e rimettere il tutto sul binario  di una quasi normalità  per consentire a persone , banali , leggere e modestamente acculturate, di trovare un sito o un luogo di pubblicità  senza arrecare danno al pubblico degli ascoltatori. Le donne, in particolare , da una trasmissione del genere ne escono mortificate e degradate e si espongono a giudizi che involgono non solo la loro persona ma anche la società in generale che le vuole accasate e con un uomo al fianco. Per mio conto, è una vergognosa  trasmissione che la stampa ed i critici non  hanno scalfito nel timore di non disturbare i proventi di una famiglia di speculatori che da quella iniziativa trae ingenti guadagni. La De Filippi addirittura viene omaggiata e ringraziata per le occasioni di pubblicità che offre anche se l'occasione è degna di un'attività di prostituzione  o di mortificazione  nella dignità della persona.  Mi scuso per il mio intervento, ma il vostro silenzio  lo ritengo colpevole  del degrado  in cui versa la donna   e la nostra società in generale. 
Lina Arena 
 

Commenti