Passa ai contenuti principali

Quando ero militare, 35° puntata (sottotitolo: le amicizie rimaste a vita)

Del mio servizio di leva cosa mi è rimasto, a parte aneddoti non raccontabili, alcune amicizie, che ci tengo a raccontare, in ordine alfabetico (per nome).

Andrea Grassi, il milanese, con il quale incontrato a Catania per caso, dopo il congedo, ci siamo visti moltissime volte, anche quando lui tornò a Milano.
Lui nel 1998 mi chiese di fargli testimone di nozze, a Reggio Emilia, e la sua "bomboniera" è appesa al mio studio: un vecchio spartito.
Lui ha proseguito la sua attività di clarinettista, ed è docente dell'Accademia Teatro alla Scala, gira il mondo con il suo quartetto, esibendosi nei "teatri" più "in".
Nel 1999 fu mio testimone di nozze.

Fabrizio Poidomani: Fabrizio mi chiese di fargli il testimone di nozze nel dicembre 1986, e per un lunghissimo periodo ogni fine settimana andavo a Modica a casa loro, e d'estate a Marina di Modica.
L'amicizia è rimasta tale da quei giorni di militare, nonostante la vita divida le persone, perchè fra famiglia e lavoro, ognuno di noi ha impegni ed orari spesso inconciliabili.

Francesco Ferrara: la "meteora" Francesco Ferrara è rimasta tal quale da allora. Non ho potuto raccontare, nè posso farlo, l'addio al celibato al quale mi invitò, perchè è vietato ai minori di anni 65, accompagnati dai genitori!.
Con Francesco continuammo, e continuiamo a vederci e sentirci, ed il suo stato di "ragazzino" è rimasto tal quale, come la sua "esplosiva" comunicazione; ma quando Francesco deve fare la persona seria la sa fare eccome, mostrando, senza ostentarlo, le due laure conseguite dopo il militare (Economia e Commercio e Giurisprudenza).
E con Francesco abbiamo anche avuto alcune vicende che ci hanno unito professionalmente.

... domani continua ...

Commenti