Passa ai contenuti principali

il ritorno di "mamma li turchi"

Ecco i problemi di cui si sta occupando il neo-ministro per le Politiche Agricole Luca Zaia:
1. quote latte
2. suini
3. caro-gasolio per la pesca.

E tutti gli altri comparti produttivi?
1. caro-gasolio per l'agricoltura
2. danni per siccità al sud-italia
3. rimborso dei danni per le gelate del febbraio 2008
4. lotta al CTV (Citrus Tristeza Virus)
5. aumenti spropositati nella filiera agroalimentare
6. burosauropazzia
7. semplificazione delle procedure
8. delegificazione
e potrei fare una infinita elencazione ... di punti indispensabili e pressanti.
Cosa risponde il Ministro?

Commenti

  1. Il ministro Brunetta ha confermato quest'oggi,che si dimetterà entro un anno se non riuscirà ad evitare la follia burocratica del a P.A.,Statale e Regionale(vedi certificato di esistenza in vita con la presenza del richiedente,la follia dell'IPA di Siracusa con l'ultima dichiarazione partorita,etc.).

    Ci credo a questo piccoletto ...

    RispondiElimina
  2. http://www.corriere.it/politica/08_aprile_24/cazzullo_f1de75b6-11c2-11dd-8094-00144f02aabc.shtml

    RispondiElimina
  3. Il ministro in difesa anche dei prodotti del meridione.
    Durissimo Luca Zaia. Il ministro ricorda che, nonostante l’appello, in Consiglio Agricoltura dell’Ue, a prestare attenzione, nel quadro del negoziato multilaterale Wto, alla lista dei prodotti tropicali per evitare importazioni a dazio zero, il testo presentato a Ginevra inserisce tra i prodotti tropicali anche quelli propri delle nostre zone temperate, come le arance e i limoni o tutte e cinque categorie di riso, dal risone al riso lavorato E poi le patate, le cipolle, i peperoni, i cocomeri e i meloni. Nessuna novità nemmeno per quanto riguarda la protezione delle indicazioni geografiche e il Registro multilaterale. Di qui l’invito: le rappresentanze italiane, in tutte le sedi competenti, esprimano la più netta contrarietà al documento Falconer. Su queste basi – avverte Zaia – non esistono margini di negoziato.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.