Passa ai contenuti principali

ora "x": lettere inevase

Oggi sono esattamente 30 giorni che l'arch. Giuseppe Morale, dirigente dell'Assessorato Agricoltura e Foreste non ha risposto alla lettera con la quale gli comunicavo che non ho potuto partecipare al Bando POR scorso. Non c'era una norma che impone le risposte entro 30 giorni? L'ha disattesa? Ahi, ahi, ahi! Se ne occuperà l'Assessore Ilarda; a lui, infatti, mi rivolgerò stamane per segnalare come un Dirigente Generale, il cui indirizzo email è reso pubblico sul sito Assessoriale, non risponde, non dà soddisfazione, nè tanto meno si preoccupa di delegare qualcun altro. La lettera la trovate qui. Vi farò sapere cosa ne pensa l'Assessore Ilarda, e nel caso di silenzio ... ricorrerò al Ministro Brunetta!

Commenti

  1. La cafonaggine dell'arch. Giuseppe Morale, dirigente dell'Assessorato Regionale dell'Agricoltura e Foreste è riconosciuta nell'ambiente palermitano.

    Consiglio il buon Vigo di richiedere i danni diretti morali e civili sulla incapacità del dirigente.

    Consiglio di bloccare il bando POR 2000/2006, Misura 4.06, Azione 1,2 e 4,creando un blocco totale dell'attività Regionale.

    Gli estremi ci sono,occore un buon avvocato specializzato in ricorsi Comunitari.

    Vedrai,come il Chávez siciliano,non potrà più dormire e verrà a ... Canossa !

    RispondiElimina
  2. LO STATO E' ANTISTATO
    La concentrazione degli interessi su argomenti economici a favore di determinate aree geografiche da sempre caratterizza le forze politiche del quasi 150enario progetto politico italia, in alcuni periodi sono addirittura stati oggetto di accese campagne elettorali.
    Ma le "determinate aree geografiche" sono sempre state delimitate nella zona settentrionale dell’italia, anche quando si parlava di Cassa per il Mezzogiorno, o per dirla con parole più attuali , POR, FAS.
    Colonizzare un paese, terza potenza europea, e creare una "questione meridionale" è stata la miglior azione denigratoria che un governo ha potuto mai realizzare.
    Ed è una propaganda ancora oggi molto attiva nel nostro paese.
    Oggi basta una probabilità di intossicazione di un prodotto del meridione per bloccar tutta una grande industria del mezzogiorno, mentre i topi che pascolano nei depositi del grande consorzio di formaggio di parma, passano nell'indifferenza delle notizie.
    Ma le notizie sono diffuse dalla televisione del regime, ma non inteso come quello che qualcuno attribuisce a Berlusconi, ma quel regime del perforzaunitarista che grida a voce alta l'arretratezza del meridione.
    Se a Napoli la guerra di camorra ammazza 5 extracomunitari, è razzismo.
    Se a Milano uno stadio intero grida "Vesuvio pensaci tu" e goliardia sportiva.
    Se a Napoli un assessore, difende la propria terra fino alla morte, lottando contro la legge emanata con intenzioni ed atteggiamenti prepotenti e colonizzatori, è un malvivente che viene ESILIATO.
    Se al nord qualche politico IDIOTA difende la propria terra, chiudendosi a riccio nei confronti dell'avanzata ed il diffondersi di una religione diversa dalla sua, è un buon patriota.
    Se a Salerno gli studenti dimostrano il proprio disappunto nei confronti di una legge, vengono portati in questura e trattenuti per una notte.
    Se a Torino 200 giovani, che occupano una piazza con le proprie auto e per puro divertimento, dimostrano con la violenza nei confronti di una pattuglia dei vigili urbani, si parla di mancanza di posti di aggregazione per i giovani.
    Se qualcuno reclama la diffusione della verità storica sulla cacciata dei Borbone, è un nostalgico.
    Se il governo organizza i festeggiamenti per i 150 dell'unità di italia solo nei paese del nord, è giusto.
    Se a Napoli un povero in canna disoccupato raccatta rifiuti ferrosi per rivenderli e guadagnare il pane da portare a casa, viene processato per inquinamento ambientale ed arrestato.
    Se il governo italiano antepone gli interessi economici delle industrie del nord a quelli ambientali, è legge.
    La differenza nell'esporre i fatti che riguardano i due poli della penisola italica, creano divisione di pensieri, distinzioni sociali e con l'estremizzazione dei pensieri degli idioti, il razzismo e l'odio.
    L'uso degli strumenti legislativi per tirare acqua al proprio mulino (del nord), il federalismo, gli aiuti ALLE SOLE AZIENDE DEL NORD, i regali fatti agli amici del nord, facendoli passare per aiuti alle zone del mezzogiorno, denotano l’inconsistenza della classe politica meridionale.
    Oggi assistiamo a politicanti come DI PIETRO che chiedono le dimissioni di un nullafacente come BASSOLINO, o magistrati del sud che si fanno la lotta a suon di inchieste.
    Ma è giusto imputare la colpa del disagio attuale a chi amministra o giudica da pochi anni? Abbiamo sperato negli anni che qualcuno riuscisse a risollevare le sorti di un popolo depredato di beni ed orgoglio, abbiamo sperato quando Gramsci, in piena ascese parlava di errori nell'unire l'italia , abbiamo sperato nel vedere l'On.Manna sedere in parlamento, abbiamo sperato finche l'On. Silvio Vitale era in vita, ma poi?
    Se siamo in queste condizioni lo dobbiamo alla classe politica di TUTTO il meridione, che è INESISTENTE, come lo è sempre stato da 150 anni ad oggi.
    I problemi del Sud sono innumerevoli e di varia natura, ma tutti provengono dalla stessa base: La mancanza del valore PATRIA.
    Ma la mancanza del valore patriottico viene diffuso dall’atteggiamento filosettentrionale della patria stessa, passa attraverso gli amministratori delle regioni del sud che si accontentano di essere assistiti dagli aiuti statali, senza pensare alla crescita della loro terra, e trova sfogo nell’atteggiamento antipatriottico del popolo.
    Non è facendo il tifo per la squadra di calcio che si dimostra il proprio patriottismo.
    Non a caso l’antistato è una mentalità che colpisce principalmente le regioni del Sud.
    Ma è il popolo l’unico imputato in un processo contro la mentalità antipatriottica, accusato dal antistato che lo governa.
    Il disagio che il Sud sta vivendo è causato dall’intreccio di tanti mali, provocati da un progetto politico sbagliato in partenza e peggiorato in fase di esecuzione, i cui esecutori sono chi oggi banchetta con i beni RUBATI 150 anni fa.
    Fino a quando i media riusciranno a nascondere al popolo il disagio provocato dal progetto politico italia? fino a quando il popolo sopporterà ancora l’intreccio dei mali provocati dal senso di antistato profuso dal governo? Il disagio prolungato di una parte del popolo di una nazione o lo riduce in schiavitù o li rende attori di una guerra civile.
    Il compito dei meridionalisti è quello di creare una alternativa a queste due soluzioni che porterebbero comunque alla decimazione del popolo, bisogna agire ed agire in fretta per creare una nuova classe politica che sostituisca quella passiva presente nelle regioni del Sud.
    Agire contro qualcosa, significa concentrarsi sull’obbiettivo da raggiungere senza perdersi in distrazioni causate da lotte interne.
    Gramsci diceva: “Solo chi fortemente vuole identifica gli elementi necessari alla realizzazione della propria volontà”
    Nello Esposito

    RispondiElimina
  3. MACARI
    Macari ca mi dati oru zicchinu
    e mi faciti prìncipi ndianu,
    sceiccu, gran pascià o mannarinu,
    suvranu d l' imperu pirsianu,
    o capu di lu regnu saracinu,
    o re assolutu di lu munnu sanu,
    ju vi mannassi a lu vostru distinu
    pirchì vogghiu ristari sicilianu.
    Turi Lima
    (6.9.1983)

    RispondiElimina
  4. Il Dirigente Generale del Dipartimento Interventi Strutturali dell'Assessorato Agricoltura e Foreste, Arch.Giuseppe Morale è troppo impegnato per poter solo pensare di controllarsi le e-mail.
    Con tutto il suo staff di validissimi collaboratori dirigenti ed impigati delle varie aree e servizi stanno seriamente occupandosi dell'agricoltura siciliana. Programmano e coordinano interventi nel settore agricolo, agro-ambientale e rurale
    favoriscono lo Sviluppo locale e attività agro-ambientali
    lottano per la Produzione Vegetale e gli impianti Agro-industriali
    hanno incrementato la Produzione Animale e gli Impianti Zootecnici
    grazie al lorto lavoro, Strutture Agricole, Riordino Fondiario e Sostegno al reddito e alla Produzione sono realtà tangibili
    Inoltre la Tutela, la valorizzazione e la Promozione dei Prodotti Agro-alimentari è sotto gli occhi di tutti.
    Infine il Monitoraggio e specialmente il Controllo dei Fondi Comunitari lo fanno con impegno tale che i suddetti fondi non riescono a muoversi dalla sede dell'assessorato. Li controllano "ad uomo", non gli lasciano il minimo respiro, praticamente sono immobili. Manco fossero marcati da Gentile ( arcigno difensore degli anni 80).
    E' grazie al loro impegno, e anche a quello dell'assessore di turno,che abbiamo visto pubblicati ben tre bandi nell'arco di sette anni.E' grazie al loro lavoro che progetti presentati nel 2003 stanno collaudando ora. E sempre grazie a loro l'agricoltore riceve il contributo concesso sulle opere realizzate nel tempo record di 4-5 mesi dal collaudo. Anche per le anticipazioni richieste i tempi sono da record. Ai pochissimi che non hanno potuto usufruire della valanga di aiuti, chi non ricorda il bando del 2005, e sobbarcandosi del lavoro extra, hanno dato la possibilità di migliorare le condizioni aziendali con un bando supplementare.
    Ora è da ben due anni che preparano l'uscita dei bandi relativi al PSR 2007-2013.
    Siamo ormai nel 2009 e restano cinque anni al 2013, ma non preoccupiamoci, loro continueranno a stupirci ancora. Più di quanto finora hanno fatto e di quanto noi possiamo immaginarci

    RispondiElimina
  5. Stai attento perchè il fatto di non rispondere ad un interrogativo di un interessato rende l'atto annullabile.Il manager non può ignoare le richieste degli utenti o degli interessati al provvedimento, anche negativo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.