Passa ai contenuti principali

aranciata senza arancia

Poche parole: solo sdegno sulla vicenda delle aranciate senza arancia!

Commenti

  1. A quando, invece, una agriburocrazia più semplice e logica senza metafert nè irrisias, senza autocertificazioni per ogni starnuto che parte da Bruxelles o per ogni mal di testa di un funzionario panormita?
    E poi, l'aranciata finta come potrà chiamarsi aranciata se nell'etichetta dovrà scriversi che non è fatta con succo di arancia?
    Cordialità disperate.

    RispondiElimina
  2. Caro Brancolatore, tra pochi giorni sarà introdotta una nuova innovazione metodologica presso la REGIONE SICILIANA, la cosidetta " VAS " (Valutazione ambientale strategica).

    Allegria,allegria!

    RispondiElimina
  3. Egregio Beppe S., L'innovazione che corrisponde al nome di VAS non è una nuova invenzione del Brontosauro di turno. E' già stata adottata in altre regioni e consente ai progettisti di redarre la Valutazione di Impatto Ambientale potendo contare sui risultati di indagini ambientali sul territorio svolte dagli stessi Enti preposti al rilascio dei giudizi di conformità e delle autorizzazioni ambientali.
    Si tratta di Linee Guida che semplificano la redazione del S.I.A (Studio di Impatto Ambientale), avendo gia in sede di indagine preventiva individuato gli elementi di criticità e la metodologia di intervento in un particolare areale. Ad esempio, La provincia di Enna ha già deliberato una propria VAS per il territorio di sua competenza...

    Nulla pertanto di paragonabile a quell' orrida invenzione che prende il nome di Metafert!


    Fabrizio La Carrubba

    RispondiElimina
  4. Egregi Tutti, con tutto il dovuto rispetto per la teoria e la modellazione matematica sinanco dell'aria che potremmo respirare se si verificasse la condizione a patto che la supercassola prematurata .... etcetera etcetera.
    L'approccio metodologico in sede di valutazione di impatti di varia natura a seguito dell'insediamento di progettande strutture avrebbe un senso, è il mio modesto parere, se ciò non dipendesse da tutta una serie di verifiche parametriche che poca attinenza hanno con la realtà e se il tutto, alla fine, non si riducesse (il più delle volte) ad un comodo copiaeincolla.
    Mi ricordano molto i business plan redatti a corredo di progetti ex L. 488/92: tutti perfetti e tutti acclaranti l'assoluta fattibilità e redditualità dell'opera progettata. Per i risultati chiedere all'apposito nucleo di verifica della GdF.
    Cordialità

    RispondiElimina
  5. Oddio, non ci bagnamo prima di piovere..vediamo prima se sarà qualcosa di utile o meno.

    F.L.C.

    RispondiElimina
  6. Ma la commissione agricoltura della camera perchè non viene commissariata?

    RispondiElimina
  7. ma la dia non avrebbero dovuto farla più semplice e snella?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.