martedì 24 novembre 2009

Il successo del PAI

Un successone, non c'è che dire!
Ieri mattina, dopo aver consegnato la "lista della spesa" (come la chiamo io) ad un mio cliente, ovvero le decine e decine di documenti che servono per preparare il PAI, ecco che arriva la telefonata:
"ma sono pazzi? tutte queste carte? e anche i miei conti, i mutui?", ecc. la telefonata è proseguita per altri tre minuti, ma si è conclusa così "non faccio nulla. Non appena ho quattro soldi faccio ciò che riesco a fare".
E questa telefonata è come le altre, al pari di tutti gli incontri con chi ha atteso ben tre anni per presentare un progetto ...
Non mi stupisce affatto che negli Ispettorato ci siano pochissime pratiche, ma certo è deprimente per i vertici Assessoriali. Hanno fatto in modo, ma non se ne comprende il motivo, che non funzionasse nulla, e comunque ciò che funziona, funziona malamente!
Un successone, un vero successo. Ma dimissioni ... niente, si tira dritto, come un Caterpillar D9H (ah, già, e che scrivo a fare la sigla, nemmeno la conoscono....il D9H è quello turbo....l'ultimo dei mitici D9, l'altro meno potente era il D9G).
Il D9H è uno dei vecchi Buldozer più potenti della Caterpillar, con 410 HP contro i 385 HP del D9G, che utilizziamo nei movimenti terra in campagna. Lo specifico prima che all'Assessorato, oltre al PAI, all'ACN, al METAFERT, all'IRRISIAS, al DURC, all'esame delle emoglobine ... ci chiedono anche il "modello D9H", inebriati dalla complessità della sigla.

3 commenti:

  1. Ed intanto noi tecnici cosa facciamo?
    Intendo dire come Ordini, Federazione, Corporazioni,Aggregazioni,Associazioni ecc ecc

    RispondiElimina
  2. L'esperienza di Corrado Vigo è già stata vissuta dal sottoscritto..e gli agricoltori hanno purtroppo ragione da vendere. Ma tutto ciò sembra fregare poco e niente alle ATTUALI amministrazioni regionali.... coff, coff, competenti (scusate la tosse.), che insistono e persistono nel percorrere una strada senza uscita e a propinarci inutile propaganda, fine a se stessa.
    Denunciate tutto ciò, e non abbiate paura di firmarvi con nome e cognome. Quando si è nel giusto, bisogna andare dritto per la propria strada come un ariete!

    Fabrizio la Carrubba

    RispondiElimina
  3. mai foto fu così eloquente.

    RispondiElimina