Passa ai contenuti principali

Il momento più brutto

2195457405_85c2a11b90

Povera arancia macinata dagli ingranaggi di un sistema perverso, e quanto mai dannoso. Un boomerang deleterio.
Ogni impresa, a qualunque tipologia appartenga, aspetta con trepidazione il momento più bello, quello della vendita della produzione, che corona gli sforzi per aver prodotto e gli anticipi di capitale.
Un tempo la vendita delle arance era una festa. Il momento più bello dopo un anno di “emungimenti” economici.
Da diversi anni, lo dico sempre a tutti, il momento più bello è solo quello relativo alla coltivazione, oscurato ed annebbiato dai costi, ma dove nessuno sta a sindacare sulla produzione.
Il momento più bello, invece, quello della vendita è diventato il momento più brutto. O le arance sono troppo piccole, o troppo grosse, o troppo pulite o … quest’anno uno mi ha detto “ma nel <giardino> ci sono le bacchette” ed io ho risposto “è in vendita solo il frutto, non l’agrumeto”!
Altre volte ci si sente dire “sono troppe” … “sono troppo poche”.
Insomma, ogni scusa è buona per affossare il prezzo.
Il momento più brutto è quello della vendita.
Rimane, finchè ce la facciamo, il momento più bello: un anno per coltivare senza nessuno che stia a … fare capricci (PAI, DIA, DURC, METAFERT, IRRISIAS permettendo).

Qualche giorno devo registrare una “trattativa” e la metto on-line, così chi non ci crede … ascolterà con le sue orecchie!

Commenti

  1. questi sensali vogliono trovare le proprietà belle sistemate!!
    I raccoglitori pure...danno a destra e a manca bigliettini per fare la potatura in estate perche non gli piace come sono sistemate le piante...tutti pretendono il meglio dagli agricoltori,ma quando ce da dare,gli si da il prezzo da fame,...la qualità ha un costo,e se non si prendono soldi tutti a casa,operai e potatori.

    RispondiElimina
  2. I commercianti ovvero i nuovi latifondisti hanno una loro filosofia,mi costa che a loro interessa fare nei propri latifondi soltanto quantità mentre la qualità la pretendono da noi. Una cosa è certa siamo alla frutta

    RispondiElimina
  3. Para mi,il momento più bello per le arance,sono quelle che mi regala - ogni anno - Corrado Vigo,frutto del ... suo sudore alla faccia del Metafert,Dia,Durc,Pai, etc.

    Finalmente sono arrivate - a titolo gratuito e direttamente a casa con grande generosità - la quintessenza della sua produzione.

    Ho " incassate " due buste piene di tarocchi,mandarini e limoni.

    In effetti,c'era - in macchina - una terza busta con un coliflor , ma la sua mano ferma e nello stesso tempo col suo tratto gentile, mi ha detto : min ... almeno lasciami mangiare a mezzogiorno un pò di verdura !

    Non ho potuto dire di no ed ho ringraziato sentitamente prenotandomi per il prossimo anno !

    Ammazza,però sono ottime le tue arance !

    Grazie.

    RispondiElimina

Posta un commento

Popular Posts

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.