ieri il blog ha avuto 8.659 accessi

martedì 31 dicembre 2013

I "fuori pista" - un cero ai caduti

Mentre con mia moglie e mia figlia eravamo a San Martino di Castrozza in settimana bianca è arrivata una nevicata imponente, che ci ha bloccato in albergo una intera giornata. Una nevicata che sulle piste ha superato il metro di neve.
Hanno, di conseguenza, bloccato gli impianti di risalita, ed il giorno dopo alcuni impianti erano chiusi per "rischio valanghe".
Del resto immaginate tonnellate e tonnellate di neve fresca, sparsa su centinaia e centinaia di ettari ... ancora non assestata ... instabile ...
Ed ecco che i "fuori pista" diventano più pericolosi del solito.
Non solo con la neve fresca, se caduta in quantità, non si vedono i crepacci, ma spesso rocce non sono visibili, e nemmeno è quantificabile lo "sprofondamento" da neve fresca.
E tutto ciò è già pericoloso.
Se, poi, aggiungiamo che facendo i "fuori pista" in zone con pendenze elevate spesso con il passaggio degli sci, o peggio degli snowboard, si "taglia" la neve e si "mina la stabilità" interessando "il piede" della zona sommitale di una massa enorme di neve fresca ed instabile, ecco che si formano le valanghe, dalle quali non si può scappare e non ci si salva. In pochi secondi, infatti, tonnellate e tonnellate di neve fresca, instabile viene giù e travolge tutto e tutti.
A mia figlia ho spiegato tutto ciò, mentre risalendo con le seggiovie vedevamo degli scriteriati andare in "fuori pista".
E mi dispiace per Michael Schumacher, in coma dopo aver sbattuto a forte velocità proprio in un "fuori pista", ma penso ancor di più ai genitori di quei ragazzi che in "fuori pista" hanno causato valanghe e nelle quali sono stati travolti e sono morti.
Mia figlia ha compreso, per fortuna, il pericolo e mi chiedo: ma se in 35 anni che scio non ho fatto mai un "fuori pista", perchè mai si deve insistere a farli??? Non lo capirò mai.

Oggi, ultimo giorno dell'anno, dedico questo post ai genitori dei "caduti nei fuori pista", ai genitori che pensavano che i propri figli fossero a divertirsi, ed invece non li hanno visti più tornare.

In montagna, come al mare, la prudenza non è mai troppa.

Pioggia di fine anno

image

Credo sia superfluo commentare la mia felicità in questa giornata di pioggia, dopo un 2012 siccitoso, e dopo un 2013 altrettanto siccitoso: le campagne ringraziano.
Una perturbazione di origine africana, come ho scritto giorni fa, staziona sulla nostra Regione, e lo farà per tutto oggi.
Oggi piogge diffuse in tutta la Sicilia, quindi, per il bene delle campagne, degli invasi di raccolta, delle tasche degli agricoltori, che non dovranno irrigare … insomma … l’anno (almeno secondo me) non poteva finire meglio.

Ecco i meteogrammi previsionali per tutte le province dell’isola

 

Eruzione dell'Etna

Pare assopirsi la fase eruttiva dell'Etna.
Ieri l'intera giornata è stata scandita da boati ed emissione di cenere e lapilli.
E sempre ieri sul web, in particolare sui social network (Facebook e Twitter) sono state diffuse foto spettacolari dell'eruzione.
Segnalo il sito internet di Turi Caggegi www.ietna.it, dove trovate foto bellissime.
Il tremore vulcanico è andato via via scemando, così come dimostrano i tracciati dei sismografi.
Non sono disponibili (al momento in cui scrivo il post) le immagini dalle webcam dell'INGV, poste ai fianchi dell'Etna.


lunedì 30 dicembre 2013

PSR Sicilia - Misura 112

Riporto quanto pubblicato sul sito internet del PSR Sicilia, relativamente alla Misura 112 "Pacchetto Giovani".

Misura 112 - “Primo Insediamento Giovani in agricoltura” – PACCHETTO GIOVANI – Essendosi reso necessario riposizionare le istanze già inserite nelle graduatorie regionali definitive delle domande di aiuto ammissibili, delle domande di aiuto non ricevibili e non ammissibili inerenti il bando 2010, di cui al D.D.G. n. 1218 del 20/05/2011, si è proceduto, con DDG n. 4427 del 04/10/2013, ad approvare le modifiche ed integrazioni della graduatoria regionale delle domande di aiuto ammissibili e degli elenchi delle domande di aiuto non ricevibili e non ammissibili, rispettivamente “Allegato A, B, C”, parti integranti del provvedimento dirigenziale.
Documenti allegati: AvvisoDDG n. 4427 del 04/10/2013All. A - Graduatoria regionale definitiva domande di aiuto ammissibiliAll. B - Elenco regionale definitivo domande di aiuto non ricevibiliAll. C - Elenco regionale definitivo domande di aiuto non ammissibili.

Complimenti all'ENEL!

Debbo fare i miei complimenti all'ENEL
Arrivata oggi una bolletta, relativa all'utenza agricola del pozzo (quindi con importi elevati - grazie alla siccità ed alle irrigazioni infinite) con scadenza domani!

COMPLIMENTI

Eruzione dell'Etna.

Riporto il comunicato dell'aeroporto di Catania, mentre sull'Etna continua l'eruzione.

In merito all'attività stromboliana del vulcano Etna, la Sac informa che l'unità di crisi, riunitasi stamattina alle ore 05.30, ha deciso la chiusura dei settori n. 1 e 2 dello spazio aereo della Sicilia Orientale. I settori n. 3 e 4 sono invece aperti. Lo scalo di Fontanarossa è pienamente operativo.

Il terremoto del Napoletano

Una lunghissima lista di scosse di terremoto hanno scandito la serata e la nottata delle zone colpite dal fortissimo sisma di ieri pomeriggio.
Evidentemente c'è un movimento della crosta terrestre di notevole entità.
Speriamo bene.

Aggiornamento eruzione Etna


Non si ferma (almeno in questo momento che scrivo il post che sono le ore 04.23) l'eruzione dell'Etna, iniziata ieri.
Fontane di lava, cenere e lapilli vengono espulsi in quantità.
Queste le fotografie riprese dalle webcam poste ai fianchi dell'Etna dall'INGV, il cui sito internet da ieri è "intasato" di richieste di accessi.
L'eruzione continua, e con essa i disservizi.
Sul sito internet dell'aeroporto di Catania, invece, non c'è ancora nessun avviso su una eventuale chiusura dello scalo.

 


Altra immagine: è relativa alla previsione di ricaduta cenere.
Qui sotto, invece, due tracciati di tremore sismico, il primo del sismografo di Mascalucia, il secondo della rete sismografica dell'INGV 






domenica 29 dicembre 2013

Aggiornamento eruzione Etna

Le foto dalle webcam poste ai fianchi dell'Etna, e la previsione della ricaduta della cenere.

Terremoto nel Napoletano

Ecco l'ultima strisciata del terremoto nel Napoletano.
Una scossa violenta, e poi uno sciame sismico.

Terremoto nel Napoletano

Anche il sismografo di Mascalucia ha registrato la scossa

Forte scossa di terremoto fra Caserta e Benevento

Riporto dal sito internet dell'INGV

Evento sismico ML 4.9 tra le province di Caserta e Benevento, 29 dicembre
Un terremoto di magnitudo (ML) 4.9 è avvenuto alle ore 18:08:43 italiane del 29 dicembre 2013 (17:08:43 29/Dic/2013 – UTC).  Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV tra le province di Caserta e Benevento ad una profondità di 10.5 Km.

Visitatori del blog per Città

L'immagine riporta la suddivisione per gli ultimi 500 visitatori.

Visitatori del blog per Regione


L'immagine riporta la suddivisione per gli ultimi 500 visitatori.

Aggiornamento Etna

In aumento il tremore vulcanico.
Già stamattinal'Etna ha fatto un paio di "sbuffate"!
Adesso ci riprova?
Qui sopra il tracciato del sismografo di Mascalucia, del dott. Mario Di Guardo.

Etna irrequieto

Stamattina l'Etna è irrequieto.
Fumi e gas dal cratere.
Intanto l'aeroporto è aperto.
I turisti attendono una eruzione, gli agricoltori gridano BASTA!

Fine anno

Ecco la situazione meteo a Trecastagni mentre scrivo.
Freddo di "fine anno".
Del resto siamo in pieno inverno: il meteogramma pubblicato sotto riporta anche le previsioni meteo per i prossimi giorni.
Siamo a fine anno e le temperature sono quelle invernali.

Tutto a posto

Ieri ... di ritorno da una settimana bianca a San Martino di Castrozza (prenotata a luglio scorso) ... stranamente è andato tutto per il verso giusto.
Aereo Venezia - Roma puntualissimo.
Aereo Roma - Catania in anticipo.
L'Etna ... silente, non ci ha fatto dirottare l'aereo ...
Tutto a posto, una volta tanto ...

Pioggia in arrivo

Due le perturbazioni in arrivo.
La prima di origine africana, porterà piogge già a fine anno.
La seconda, invece, deve ancora arrivare in Gran Bretagna; interesserà l'Italia a partire da giorno 2 di gennaio e, forse, la nostra regione, a partire da giorno 4 gennaio.
 Meteogramma su Catania
Meteogramma su Palermo

sabato 28 dicembre 2013

Ciliegie natalizie

L'avevo giusto scritto qualche giorno fa.
Le ciliegie a Natale...provenienti dal Cile...prezzo...un botto...
Acquistate frutta e verdura di stagione. Meglio se regionale! Meglio ancora se arance!!!

Bel tempo

Dati meteo aggiornati a Trecastagni

Foto dell'Etna

Ultime foto dalle webcam poste ai fianchi dell'Etna.

Evoluzione meteo

Un fine settimana all'insegna di temperature basse, ma con sole. Questo ci attende da questa mattina.
Martedì transiterà una perturbazione, e saranno possibili isolati piovaschi.
A capodanno ritorna il bel tempo.

Auguri a tutti di buon anno.

venerdì 27 dicembre 2013

Detassare il lavoro

In agricoltura ogni due occupati se ne paga un terzo...fra INPS e tasse. Questo "terzo" non viene a lavorare, ma costa e basta.
In altri settori è ancora peggio.
Ogni impiegato negli uffici costa un altro...di tasse...
Detassate l'occupazione ... l'economia ripartirà immediatamente!

Arance, Coca-Cola e dintorni

Ricevo e pubblico

COMUNICATO STAMPA

 

AMBIENTE: The Coca-Cola Foundation finanzia progetto Distretto Agrumi Sicilia per energia da biomassa

Il pastazzo degli agrumi: da scarto a risorsa per la filiera agroenergetica in Sicilia 

 

Catania, 23 Dicembre 2013 – La The Coca-Cola Foundation investe negli agrumi e in Sicilia. L'associazione no profit della multinazionale di Atlanta, infatti, finanzierà un progetto del Distretto Agrumi di Sicilia di ricerca industriale sul pastazzo, lo scarto della lavorazione degli agrumi che, trasformato in biomassa, verrà destinato alla produzione di energia.

            A darne notizia è Federica Argentati, presidente del Distretto Agrumi di Sicilia al quale nei mesi scorsi The Coca-Cola Italia nell'ambito della mission filantropica di The Coca Cola Foundation, aveva rivolto un invito a presentare una proposta di valorizzazione delle produzioni agrumicole siciliane.  Si tratta di un progetto-pilota per la produzione di energia dalla biomassa del pastazzo degli agrumi che coinvolge la Cooperativa Empedocle, società impegnata nella produzione di energie alternative e l'Università di Catania (Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali, Di.Ge.Sa.). Quest'ultima, sottoscrittrice del Patto di Sviluppo siglato fra enti e aziende della filiera agrumicola, è stata indicata dalla Fondazione come l'ente no-profit che, insieme al Distretto, gestirà il finanziamento.

            Si comincia dal mese di gennaio 2014, quando una delegazione della The Coca-Cola Italia verrà a Catania per perfezionare gli aspetti operativi e logistici del progetto la cui durata è di due anni. Verrà realizzato un impianto-pilota, una piattaforma tecnologica per avviare una filiera agroenergetica del comparto agroindustriale.

"Una magnifica opportunità – sottolinea la Argentati – sia per l'economia della filiera che per l'ambiente e il territorio visto che il pastazzo, ovvero il 60% del quantitativo di agrumi destinati alla produzione di succo, è stato sinora un rifiuto il cui corretto smaltimento ha rappresentato un costo con problemi non indifferenti per le aziende. Proprio per questo il suo riutilizzo è stato da sempre una delle nostre priorità alla quale lavoravamo da qualche anno. Grande evidenza internazionale, poi, per il Distretto Agrumi di Sicilia, strategica aggregazione di filiera individuata da The Coca-Cola Foundation come l'interlocutore ideale per un progetto innovativo che investe nel territorio siciliano. All'orizzonte è un ricco ventaglio di opportunità sia per le aziende esistenti che per l'indotto generato dalla nuova filiera agro-energetica, senza contare le buone pratiche agricole che, oltre a diminuire l'impatto sull'ambiente della trasformazione degli agrumi in succhi, rafforzeranno un'agricoltura rispettosa della natura".

Infine, proprio il reimpiego sostenibile degli scarti della lavorazione degli agrumi è stato inserito nella Legge di Stabilità in via di approvazione al Senato: autorizza il MISE (Ministero Sviluppo Economico) alla spesa di 2mln di euro per progetti di ricerca e sviluppo nel settore agro-industriale della Sicilia Orientale.

 

IL PASTAZZO, notizie

La produzione industriale di succo di agrumi lascia un residuo umido, il "pastazzo", che rappresenta il 60% del quantitativo trattato. Si tratta di un rifiuto che sinora, smaltito con costi elevati e imprevedibili, anziché essere considerato una risorsa, come componente nella produzione di biogas, è stato un "collo di bottiglia" per la filiera agrumicola. Attualmente, infatti, il pastazzo viene utilizzato come fertilizzante in agricoltura e, in minime quantità, come mangime per animali, additivo per alimentazione umana o compost (con un lentissimo processo di trasformazione). Ma nessuna di queste soluzioni è stata sinora in grado di assorbire l'ingente quantitativo prodotto in Sicilia cosicchè le aziende, impossibilitate ad affrontare costi elevati di smaltimento, in alcuni casi hanno commesso illeciti che, oltre a provocare danni ambientali, hanno avuto conseguenze civili e penali per gli amministratori. Di recente il pastazzo è stato individuato come componente nella produzione di biogas, avviando un processo virtuoso di recupero degli scarti che, oltre a generare un ritorno economico, contribuisce a generare energia elettrica e termica rinnovabile. Al momento non esiste in Italia un'esperienza industriale consolidata perché quello del pastazzo è un problema della agroindustria meridionale (Sicilia e Calabria in particolare) dove il biogas muove i primi passi. Due gli impianti attualmente operativi che producono biogas, uno in Calabria di 2 MW, in attività da due anni, uno in Sicilia di 1 MW, entrato in attività da pochi mesi.
 

DISTRETTO AGRUMI DI SICILIA, notizie

Nato nel 2005 come "Distretto Produttivo Arancia Rossa" – nome modificato nel giugno 2011 per poter valorizzare, riuniti sotto il brand "Sicilia", tutte le tipologie di agrumi prodotti nell'isola – il Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia è storicamente il primo grande esperimento di coesione fra aziende private, enti pubblici e rappresentanze agricole mai realizzato nella regione nel campo dell'agrumicoltura. 144 i partner: da un lato le imprese della filiera (105) dall'altro i consorzi di tutela dei prodotti IGP e DOP (Arancia rossa di Sicilia, Arancia Bionda di Ribera, Limone Interdonato Messina, Limone di Siracusa, Mandarino di Ciaculli, quest'ultimo in fase di riconoscimento) le associazioni di categoria, le amministrazioni locali, enti di ricerca scientifica, turismo relazionale e cooperazione per un totale di 39 organismi. Il Distretto Agrumi di Sicilia rappresenta 2 mila addetti, oltre 21 mila ettari coltivati e produce un fatturato annuo all'ingrosso di oltre 400 milioni di euro. Nel giugno 2011 i 144 partner hanno sottoscritto un Patto di Sviluppo per individuare le azioni necessarie al reale sostegno delle imprese della filiera.

 

Siccità 2012/2013

Come ho già scritto tantissime volte, nella Sicilia orientale gli ultimi due anni ha piovuto la metà della piovosità media.
Anche se in questi giorni ha piovuto,  ciò non riuscirà a colmare il deficit idrico.
Il SIAS ha più volte affrontato l'argomento, e sul sito internet trovate anche dati e grafici.
Quello che preoccupa non è solo il problema irriguo contingente, ovvero quello di continuare ad irrigare in periodi in cui non si dovrebbe, con costi altissimi, ma il fatto che le falde e gli invasi non si sono ricaricate/riempiti.
Eh già. Gli invasi della Sicilia orientale sono vuoti.
Non ha piovuto, ma l'acqua precedentemente accumulata (giustamente) è stata utilizzata in questi due anni siccitosi.
Le previsioni per gennaio non sono rosee, sembrerebbe che pioverà pochissimo.
E il biennio passato...non ce lo scorderemo facilmente.

giovedì 26 dicembre 2013

Un altro incidente funesta il Natale

Ma quando faranno questa benedetta autostrada Catania - Ragusa?
E non per farci avvicinare all'Europa, ma per evitare gli incidenti che si susseguono senza sosta.

Per Natale, ahimè, c'è chi soffre.

Leggete qui:
http://m.catania.livesicilia.it/2013/12/26/scontro-sulla-catania-ragusa-un-morto-e-quattro-feriti-la-vittima-e-un-24enne-di-grammichele_274342/

Il POS nei nostri studi

Mi viene da ridere davvero a leggere la norma che impone a tutti i professionisti di avere il POS obbligatorio per il pagamento delle parcelle.
Innanzitutto mancano le norme attuative.
Poi...si dovrebbero dotare del POS in professionisti con fatturato superiore a 200.000,00 euro, come se potessero essere fatti pagamenti col bancomat per importi superiori a 1.000,00 euro.
Poi...quanti direbbero...faró un bonifico...
Infine...questi costi aggiuntivi...a carico di chi?
I benefici... invece...lo sappiamo...chi li percepirà! Al solito...le banche!
Spero tanto che questa norma abortisca prima di entrare in vigore.
Immagino "Massaro Peppe" che...esce il suo bancomat...per pagare...piuttosto me lo immagino che viene a pagare portando un coniglio...da cucinare in agrodolce!!!

Maltempo in arrivo

Il maltempo che ha colpito l'Europa (quella vera, quella che conta), dopo aver interessato l'Italia del nord, con piogge e abbondanti nevicate, è arrivato anche nella nostra Regione.
Palermo è stata colpita da venti fortissimi.
A Catania piove.
A Messina piove.
Disagi per i collegamenti con le isole minori per il mare agitato.
Insomma...è inverno...aspettiamo il 2014!

Il pensiero va a Stefano Toscano

Oggi è Santo Stefano. Avrei fatto gli auguri a Stefano Toscano, ma non c'è più!
È stato uno dei pilastri dello STUDIO SARDO; mi ha insegnato a disegnare sui lucidi, a fare i rilievi piante in campagna, a usare gli strumenti topografici.
Lui e il dott. Vito Sardo sono stati i miei genitori professionali...e oggi sono orfano...
Un saluto a Stefano...un saluto a Vito...

mercoledì 25 dicembre 2013

Evoluzione meteo

Una perturbazione interessa la nostra regione già nelle prossime ore.
Un po' di piogge e  poi ritornerà il sereno.
Fra sabato e domenica scorsa, per dovere di cronaca, in alcune contrade sono caduti ben 50 millimetri di pioggia.

Aggiornamento Etna

Situazione calma sull'Etna.
La webcam non mostra segnali di attività.
Il tracciato del sismografo di Mascalucia sembra anch'esso non preoccupare.
Buon Natale

Che Natale triste...

Che tristezza. Oggi una signora in un bar era alle prese di un tablet. Pensavo stesse navigando su internet. Stava, invece, giocando on line alle slot machine. Dopo un po' si è alzata ed è andata a giocare alla slot machine del bar...che Natale!!!

martedì 24 dicembre 2013

Auguri

Buone feste a tutti.
Che dire quest'anno?
Per me è un Natale come gli altri, ma con un gravoso e piacevole peso in piú, il peso di dover interessarmi degli Agronomi e Forestali non solo della mia Provincia, ma di tutta la Sicilia.
Una novità che supera le sfide a cui siamo abituati, una novità che stimola la mente, una novità che impegna tanto, tantissimo.
Dedico, come ho già detto più volte, il quadriennio dell'Ordine di Catania al meraviglioso prof. dott. agr. Vito Sardo. Un faro che non si è mai spento.
Mi sarebbe piaciuto che anche mio papà avesse potuto festeggiare con me i nuovi eventi, e con lui il mio amico Cesare Santuccio e la sua mamma Rossana Grasso. Quest'anno debbo aggiungere anche Stefano Toscano...

Questo Natale...loro sono nei miei pensieri.

Un augurio a tutti. Ma proprio tutti.

E...grazie a tutti per essermi sempre vicini.

lunedì 23 dicembre 2013

Etna

L'Etna questa mattina fuma

Terremoto sullo Stretto di Messina

Una forte scissa di terremoto è stata registrata sullo Stretto di Messina alle ore 05:20 di questa mattina. La scossa ha avuto una magnitudo pari a 4* della scala Richter, ed è stata localizzara ad una profondità di 7,3 chilometri.
Un'altra scossa di 2,8 gradi è seguita alle ore 05:58.
Il sismografo di Mascalucia, del dott. Mario Di Guardo, ha registrato gli eventi.