Passa ai contenuti principali

Tristezza degli agrumi: silenzio assoluto

Una delle "calamità" più grosse capitata alla nostra regione è certamente l'arrivo e la velocissima diffusione del "virus della tristezza degli agrumi" (CTV), che sta devastando decine e decine di migliaia di ettari di impianti arborei, che sta distruggendo economie familiari, che sta modificando il territorio della piana di Catania, ma anche di vaste aree delle province di Siracusa, Enna, Messina ed Agrigento.
E se da un lato assistiamo alla lenta agonia di un settore importante per la nostra agricoltura, dall'altro lato assistiamo al silenzio assoluto delle istituzioni a questo drammatico disastro fitosanitario.
Eppure in altre "regioni" più civili delle nostre, come la Spagna, quando alla fine degli anni '70 arrivò questo virus ... riuscirono a mettere in campo un imponente piano di riconversione di tutti gli impianti agrumicoli.
Vero è che "erano altri tempi" e che non c'erano le restrizioni che oggi impone l'Unione Europea, ma l'allora "Comunità Europea" finanziò le riconversioni con alcuni regolamenti CEE che vorrei ricordare ai miei coetanei, ed indicare ex novo ai più giovani ed ai "fuori settore", questi ultimi che parlano senza conoscere il passato: il regolamento CEE 1204/82 ed il 1130/89.
Con questi due regolamenti CEE, poco utilizzati nella nostra regione, e per di più con istanze (dell'epoca) non finanziate per 35 miliardi di lire, la Spagna in un lungo periodo riuscì a riconvertire la maggior parte dei propri impianti agrumicoli.

Noi, invece, assistiamo al silenzio assoluto, nonostante i vari "alert" lanciati da tempo.

Mah!

Commenti

  1. Il Silenzio si rivela ancora una volta il carattere fondante di noi Siciliani.....

    RispondiElimina
  2. Vuoi vedere che alle prossime regionali spunta il deus ex machina della situazione?
    Non certamente per virtù dello Spirito Santo, bensì per virtù della politica e alla ignorantaggine di alcuni che credono ancora a babbo natale.

    Qui il discorso si fa serio e se non c'è una mobilitazione pacifica(Puglia non docet)si dovrà aspettare che la manna cada dal cielo.(MAI) I miracoli avvengono solo una volta.

    Saluti
    Marco

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...