Passa ai contenuti principali

Arance spagnole pigmentate

downloadChe in Spagna o in Sudafrica, o in Australia si stiano cominciando a coltivare arance pigmentate ormai è risaputo; arance moro ed arance tarocco, oltre ad altri cloni leggermente pigmentati.


Ed oltre al Cara - Cara, la cui pigmentazione non deriva dalle antocianine, ma dal licopene (al pari del pompelmo rosa), adesso arrivano sui mercati internazionali la "Kirkwood Red navel", di origine sudafricana, che proviene da una mutazione dalla arancia navel "Palmer", e la "Ruby Valencia", di origine sudafricana, che proviene da una mutazione dell'arancia valencia "Olinda", entrambe con coloritura rosa, derivante dal licopene.


Insomma: il mondo vuole arance rosse, o rosate, e noi che ne avevamo a mai finire ... non riusciamo ad imporci commercialmente come dovremmo, facendo sì che altri, con frutti che nemmeno lontanamente assomigliano ai nostri, ci surclassino abbondantemente.


 

Commenti

  1. Ciccio Castiglia16 giugno 2018 11:36

    Non riusciamo ad imporci!?
    Purtroppo la GDO detiene il potere, e commercialmente non abbiamo una classe di operatori in grado di dettare condizioni. La maggior parte di essi malgrado possessori e gestori di strutture all'avanguardia, sono solo dei semplici intermediari che si accontentano di leccare il fondo della padella pur di non perdere la commessa di qualche pedana di arance, e quasi sempre si rifanno vessando l'estremo anello della filiera, ovvero i produttori, con tutto quello che ne consegue.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.