Passa ai contenuti principali

ADSL: sui disservizi

Questa storia, che capita a me, inizia a marzo 2017, nel bel mezzo della Misura 4.1 del PSR Sicilia, dove internet è indispensabile per la redazione del Bilancio Sempificato Crea e del WebPSA.
Dieci (10) giorni di disservizio alla linea internet. Proteste, segnalazioni, ed infine la linea viene ripristinata.
Operatore? TISCALI.
Poi un pò di pace. Da quattro mesi, però, la linea divine lentissima. Anche qui: segnalazioni, proteste, e la linea viene ripristinata in velocità, ma iniziano le disconnessioni continue.
Da quattro mesi, così, avviene che ogni mese e mezzo rimango senza linea ADSL e senza linea telefonica ... a nulla valgono le proteste.
E da giorno 5 luglio scorso riecco il disservizio: linea telefonica "morta", ADSL assente.
Ho fatto centinaia e centinaia di segnalazioni ... il nulla!
Infine ... ho chiesto il cambio operatore telefonico, vista l'assoluta incapacità di TISCALI di risolvere il problema!

Peccato: Tiscali nacque come operatore innovativo, alternativo, ma soprattutto serio.
Peccato vedere come le aziende possano decidere di suicidarsi così!

E mentre scrivo ... la linea è ancora "morta", e sono collegato ad un hotspot provvisorio ... ma a Milano si viaggia con la fibra a 100 Gbit/s!!!

Europa dove sei che non ti vedo!

Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.