Passa ai contenuti principali

INPS: come accedere ai benefici per calamità naturali

Allorqando le aziende agricole subiscono danni da calamità naturali (grandine, gelo, venti ciclonici, alluvioni, ecc.) viene effettuata una segnalazione agli Ispettorati Agricoltura competenti per territorio.
E dopo tutti i vari adempimenti burocratici allorquando si giunge ad una declaratoria da parte del Ministero, ecco che i benefici si ripercuotono (positivamente) anche sull'INPS, ovvero sugli importi a carico delle aziende agricole.
E per poter richiedere i banefici l'INPS ha diramato nel 2013 una apposita Circolare "Esoneri per calamità alle aziende agricole ex Decreto Legislativo 29 marzo  2004,  n.  102,  come  modificato  dal  Decreto  Legislativo 18 aprile 2008, n. 82. Modifiche e integrazioni alla circolare n. 35 del 6 marzo 2006." che riporto qui sotto.
Si legge nella Circolare "Pertanto  le  aziende  interessate  dovranno  presentare  istanza  ,  in via telematica, accedendo, secondo le consuete modalità, dal sito Internet dell’Istituto (www.inps.it), ai “Servizi on-line”  cliccando su “domanda esonero calamità naturali”. La procedura guiderà l’utente nei vari passaggi."








Commenti

Post popolari in questo blog

Saldo PAC 2018

Nonostante le rassicurazioni da parte di Agea sul pagamento di quasi tutte le domande del premio PAC 2018, continuo a ricevere moltissime segnalazioni di mancati pagamenti; forse quelle istanze sono "a controllo", o forse sono con anomalie ai fascicoli aziendali. Metto a  disposizione questo post per i commenti dei moltissimi lettori che utilizzano il blog per scambiarsi informazioni.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.

Niente IMU sui fabbricati rurali collabenti, lo dice la Cassazione

Finalmente si mette la parola "fine" alle "liti" che sorgono fra i Comuni che richiedono l'IMU anche sui fabbricati collabenti, o comunque non utilizzabili. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10122 dell'11 aprile 2019, che trovate per intero qui sotto in formato grafico, dice no al pagamento dell'IMU, ma dice pure che questi immobili degradati, collabenti o ruderi, per non pagare l'IMU devono comunque essere iscritti al Catasto. Unico neo di tutta la vicenda, però, è che il patrimonio edilizio rurale "va a farsi benedire", poichè moltissimi sono gli edifici che pur non essendo utilizzati godevano di buone condizioni statiche e di manutenzione, ma sono distrutti, proprio a casa della imposizione fiscale dell'IMU, una delle tasse più ingiuste e care che il Fisco si sia inventato.