Passa ai contenuti principali

Regione Siciliana - il ricambio che non c'è



A chi dovrei indirizzare questo post? Al Presidente della Regione Siciliana, all'Assessore alla Economia? O all'Assessore della Funzione Pubblica?
Insomma il problema è noto a tutti: da oltre un trentennio manca il "ricambio" negli Uffici della Regione Siciliana. Per ogni funzionario che va in pensione non ne viene assunto un altro che possa prendere il suo posto.
In questi 35 anni che svolgo la libera professione non ho visto, dopo gli anni '90, nessun concorso che immettesse negli uffici della Regione nuovi funzionari, da affiancare a quelli che sono andati in pensione.
Così avviene che gli Uffici si sono spopolati, il carico di pratiche per funzionario è aumentato a dismisura, oltre agli adempimenti derivanti da norme che si accavallano, e l'utenza rimane insoddisfatta.
Parliamo di burocrazia e ci lamentiamo delle "carte" o dei documenti da produrre per qualunque cosa, dai documenti più importanti, a quelli più inutili, ma non pensiamo che la burocrazia è figlia di quelle norme (spesso astruse ed inconcludenti) scritte dal "legislatore", che la maggior parte delle volte non ne capisce proprio nulla di ciò che ha scritto.
E poi ... quello stesso "legislatore" si accorge che quella "norma" non va bene, ma mai, dico mai, torna sui suoi passi per "cassarla" per renderla fruibile in modo chiaro, veloce e senza fronzoli.

E nel frattempo ... guardate gli Uffici regionali ... con una desertificazione umana continua ...
I timbri, però, rimarranno lì, ad attendere che qualcuno li prenda per utilizzarli ...

Commenti

  1. A mio avviso non bisogna sforzarsi nel cercare nuovi funzionari per i timbri rimasti orfani nei meandri degli uffici della Regione Siciliana. Meglio mettere a riposo anche loro. Ogni timbro è un'asperità sul percorso di una pratica, dove si può impigliare e restare ferma per diverso tempo, spesso senza motivo valido.
    Basta limitarsi a scrivere le Norme chiare e che non lascino spazi a libere interpretazioni.
    In poche parole SEMPLIFICAZIONE

    RispondiElimina
  2. E CHE DIRE DEI DIRIGENTI CHE NON VANNO A RICOPRIRE I POSTI VACANTI TANTO VENGONO PAGATI LO STESSO.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...