Passa ai contenuti principali

Un bell’oliveto

03082011087

I primi giorni del mese di agosto sono stato a visitare l’oliveto di Roberto Paternò Castello, Principe di Biscari, oliveto sito in contrada Aragona.
Con Roberto si diceva di fare questa visita da tempo e siccome ero in zona abbiamo concordato di vederci lì.
Ecco le meravigliose foto che ho scattato del suo bellissimo oliveto dal quale ritrae un olio particolare, apprezzatissimo nei mercati del “bio” e vincitore di moltissimi premi (leggi i premi).
Ma qual’è il “mix” fortunato? Non è solo la posizione orografica nella quale è inserita la coltura, ma è anche la varietà “stranamente” utilizzata. Come lui stesso riporta sul sito internet “I sapori robusti di erba e di natura incontaminata, addolciti da un sentore di pomodoro maturo e di carciofo, sono il risultato di un cultivar di Cipressino, appena arricchiti dalla fragranza della Nocellara Etnea. Il Cipressino, una varietà di oliva poco utilizzata, rappresenta la novità su cui l'azienda ha puntato; la Nocellara dell'Etna, con le sue magnifiche fronde fino a toccare a terra, coltivata lungo i confini della proprietà, sembra volerne proteggere il cuore pulsante.”
Qui sotto, per non farla lunga, pubblico alcune altre foto fatte il 3 agosto scorso.

03082011086 03082011089
03082011088 03082011090

Commenti

  1. Interessante...non è altro che il sovvertimento dei normali impieghi delle due cultivar: il Cipressino a contorno e difesa degli agrumeti e la Nocellara Etnea come principale artefice delle peculiarità dell'olio prodotto (e non solo) nell'areale etneo. Triste fine , però, per quest'ultima, relegata ai contorni dell' appezzamento. Evidentemente ci sarà una motivazione di carattere tecnico-agronomico che al momento mi sfugge...

    RispondiElimina
  2. ma i titoli nobiliari non sono stati abrogati alla fine della seconda guerra mondiale???? e se ci sono i principi,vertice della piramide organicistica polito-economica,chi sono i vassalli e i servi della gleba???

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC 2018

Maggio, e poi giugno. Ed entro fine giugno andrebbero pagati tutti i premi PAC, mentre c'è ancora chi attende l'acconto, ed infatti continuo a ricevere messaggi da agricoltori da mezza Italia. Rifaccio questo post per dare la possibilità ai lettori del blog di continuare a scambiarsi informazioni.