Passa ai contenuti principali

La qualità

Ieri mattina in uno dei tanti giri per supermercati, che principalmente faccio per vedere prezzi e provenienza dell'ortofrutta, ho notato questi limoni a dir poco "pessimi".
Per fortuna ... non erano soli ... gli facevano compagnia delle arance ... che noi in campagna buttiamo ...
Ma dov'è la qualità che produciamo? Dove va a finire?
E ... se qui da noi "a casa nostra" riscontriamo queste schifezze ... cosa arriva nei mercati nazionali o, peggio, esteri???




Commenti

  1. Pinella Costa Attaguile16 aprile 2012 08:03

    con il Distretto potremmo permetterci a monte un controllo qualità serio. Le speculazioni, che danneggiano solo chi fa prodotto di qualità, sarebbero notevolmente arginate. Pensiamoci

    RispondiElimina
  2. Tranquillo, Corrado.

    Sappiamo bene come fare a mandare merce scadente all'estero.

    Su questo siamo bravi, storicamente.

    Delfo Fusillo

    RispondiElimina
  3. Caro Dottore, questo è un bel dilemma.
    Nelle industrie agrumarie della mia zona, ogni giorno, vedo trasformare arance di un aspetto migliore di quelle da te rilevate, ottime e fresche.
    Vedo molti certificati di analisi dati ai produttori con
    gradi brix ottimi, inferiori a 13, acidità non inferiore ad 1.10, razio intorno a 11-12, antociani 600-900, vitamina c nella norma,giusto grado di maturazione, quindi di qualità elevata.
    Non riesco a capire come mai gli agricoltori preferiscono metterli nei bins e portarli a "Spremere".
    A quanto pare glieli pagano a 8-9 centesimi al kilogrammo, glieli pagano subito e la filiera è cortissima.
    La gdo paga a 90 giorni fine mese =120 Giorni e gli sottrae lo sfrido.
    Forse è questo uno dei tanti problemi del settore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Acconto PAC 2019

Ci risiamo. E' già iniziato il conto alla rovescia per l'acconto PAC 2019. Arriva, non arriva, è l'importo giusto, non lo è. Insomma, ogni anno la stessa storia, e gli stessi commenti da parte dei lettori del blog. E per questo ho voluto scrivere questo post, per dare la possibilità di inserire commenti, che nei precedenti post sono diventati ormai troppi, e viene difficile anche scrivere.

In attesa del saldo PAC 2018

I post del blog più letti e più commentati? Quelli del saldo PAC, ogni anno; da sempre. Eppure, nonostante le rassicurazioni di AGEA, ci sono moltissimi che continuano a scrivere che non hanno ricevuto nemmeno l'acconto di novembre. Entro il 30 giugno, però, AGEA deve completare i pagamenti.

Saldo PAC e saldo "bio" e la "patrimoniale a rate"

Ogni tanto una buona notizia: nei conti correnti degli agricoltori stanno arrivando i saldi del premio PAC 2019. Ma nei conti correnti degli agricoltori siciliani, poi, stanno arrivando pure i soldi del "bio". Controllate, quindi, i conti correnti, e li vedrete "arricchiti" di quanto vi spetta. Nota dolente, ahimè: da un lato si riceve, e dell'altro si dà. Giorno 16 dicembre, infatti c'è l'IMU da pagare, "la patrimoniale a rate" ... da pagare ogni anno ... una tassa calcolata su estimi catastali incoerenti ... e che a nessuno interessa rettificare, tanto meno ai Sindaci dei comuni ... che traggono da questa tassa patrimoniale il loro maggiore sostentamento ...