giovedì 31 agosto 2017

La matemetica non è una opinione

Nell'allegato Allegato 4 - Costi Semplificati - del PSR Sicilia 2014/2020, a pagina n. 14 c'è l'esposizione dei costi relativi ai vigneti per uva da tavola, e se guardate bene c'è scritto: "Le densità d’impianto risultano comprese tra 1.600 (3x3) e 2.200 piante/ha (2,5 x 2,5)".
Ma ... al sesto di impianto di m. 3 x 3 le piante ad ettaro sono 1.111  e non 1.600 (mq 10.000/m 3/m 3), mentre al sesto di impianto di m. 2,5 x 2,5 le piante ad ettaro sono 1.600 e non 2.200  (mq 10.000/ m 2,5/m 2,5).
Poi, però, nel calcolare i costi standard l'Amministrazione indica il numero di piante per ettaro "Da 1100 a 1500 piante/ha" indica (basta la calcolatrice) un sesto di impianto variabile da 3 x 3 a 2,58 x 2,58 (quegli 8 centimetri sono bellissimi da leggersi).
Mah!

Elezione Ordine agronomi e Forestali di Enna

L'Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Enna ha proceduto già a metà luglio alle operazioni di votazione per il rinnovo del Consiglio.
Questa la composizione del nuovo Consiglio per il quadriennio 2017/2021:
- Presidente: Dott. Agr. Giuseppe Fabio Varelli;
- Vicepresidente: Dott. Agr.Vito Moschitta;
- Tesoriere: Dott. Agr. Federico Marcellino;
- Segretario: Dott. Agr. Francesco Scoto;
- Consigliere: Dott. Agr.Santi Di Fede;
- Consigliere: Dott. Agr.Valeria Di Mulo;
- Consigliere: Dott. Agr.Carmelo Nasello;
- Consigliere: Dott. Agr. Angelo Pinnisi;
- Consigliere: Dott. Agr. Savoca Gaetano.

Biciclette a pedalata assistita per turisti

La settimana scorsa mi sono recato a Castellana Sicula (PA), e con mia grande sorpresa ... il Comune ha messo a disposizione dei turisti delle biciclette a pedalata assistita ... e la stazione di ricarica? Alimentata da un pannello solare ...
Ottima idea ... da replicare negli altri comuni siciliani!


mercoledì 30 agosto 2017

Le "operazioni" assessoriali

Un tempo nel POR, nei PSR, avevamo le "misure", le "sottomisure", adesso abbiamo le "operazioni" ...
Eh già, le operazioni!
Ieri sul sito internet del PSR Sicilia 2014/2017 la Sottomisura 6.4.a ... è diventata "Operazione 6.4.a" ...

PSRN: la versione 4.1, 5° puntata

Pubblico questa mattina l'allegato del PSRN, versione 4.1, sui rischi assicurabili.

PSR Sicilia 2014/2020: Misura 6.4.a - aggiornamento

Sul sito internet del PSR Sicilia 2014/2020, nella giornata di ieri è stato pubblicato:

OPERAZIONE 6.4.a – regime de minimis - "Supporto alla diversificazione dell’attività agricola verso la creazione e sviluppo di attività extra-agricole" – AVVISO – Si comunica che nell’applicativo del PSA web Sicilia dell’ Operazione 6.4.a – regime de minimis – è stata attivata la funzione di “consegna” informatica.

Guidando con il braccio che vaga

C'è una categoria di automobilisti che guidano con il braccio "agganciato" al sedile destro ... poi spostano la mano per cambiare marcia ... ma il braccio ritorna sempre lì ... al sedile destro ...
Ho provato a guidare così: innanzitutto è scomodissimo, ma poi ... dopo 5 minuti ho provato fastidio al braccio ... ed ho anche avuto la riprova della scomodità di guida ...
Eppure, fateci caso, sono tantissimi gli automobilisti che guidano col braccio che vaga ...

Evoluzione meteo

Una perturbazione proveniente dall'Africa si sposta verso l'Italia, e lambirà la nostra regione, ma non dovrebbe portare piogge.
Nei prossimi giorni caldo moderato, tranne sabato mattina con una impennata fino a 37°C.
Da domenica temperature in calo, e nella media stagionale.
E a settembre ... aspettiamo le piogge ...

martedì 29 agosto 2017

Siccità Sicilia: il risveglio

Ci sono voluti "appena" 5 anni, ma alla fine la Regione Siciliana si è accorta che c'è un problema in Sicilia, che si chiama "siccità".
Sul sito internet dell'Assessorato Agricoltura, infatti, nella giornata di ieri è apparso un comunicato che invita gli agricoltori ad effettuare le segnalazioni della calamità.
Riporto sotto l'intero documento, anche se ormai gli agricoltori ... sono talmente sfiduciati dall'inutilità delle precedenti segnalazioni ... che prevedo che stavolta le segnalazioni che perverranno all'Amministrazione saranno poche rispetto alla problematica che è, e rimane, serissima; negli anni scorsi, le precedenti segnalazioni, non hanno prodotto nulla ...

PSRN: la versione 4.1, 4° puntata

Oggi pubblico il documento sulla "Biodiversità" allegato alla versione 4.1 del PSRN (Programma Sviluppo Rurale Nazionale).

Qui sotto l'intero documento.

Agea: accesso assicurazione vino

Pubblico la Circolare AGEA.66074.2017 del 25 agosto 2017

Riforma PAC - Modalità e condizioni per l'accesso ai contributi comunitari per le assicurazioni vino di cui all'art. 49 del Reg. (UE) n. 1308/2013 - Modificazioni ed integrazioni alla circolare AGEA prot. n. 15861 del 6 luglio 2016

lunedì 28 agosto 2017

Elezione Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali

Dopo quattro anni, eccoci di nuovo qui ad affrontare le elezioni per il rinnovo dei Consigli degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali.
Presso alcuni Ordini Territoriali si è già votato, come ad Enna, ed in altri si inizia oggi, come a Palermo.

Personalmente, sono nuovamente candidato assieme alla stessa squadra, con piccole variazioni, con la quale mi candidai nel 2013, ma ne scriverò più diffusamente dopo giorno 31.

Nei prossimi giorni scriverò sui risultati elettorali degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Territoriali della Sicilia.

PSRN: la versione 4.1, 3° puntata

Pubblico l'analisi di "demarcazione tra PSR nazionale e PSR regionali" e l'"Ipotesi di modello organizzativo per l’AdG del PSR Nazionale", che sono alcuni degli allegati della versione 4.1 del PSRN.

L'estate continua

Continua l'estate siciliana, nonostante ormai agosto è agli sgoccioli.
Da domani è previsto un leggero calo di temperature, e purtroppo niente piogge, nonostante sia in arrivo una perturbazione proveniente dall'Africa, ma che probabilmente lambirà la nostra regione, senza apportare le piogge tanto sperate.

domenica 27 agosto 2017

Sciame sismico fra Adrano e Biancavilla

Durante la serata di ieri, e questa notte, uno sciame sismico sta interessando la zona fra Adrano e Biancavilla.
Qui sotto la tabella con i 12 eventi registrati, ed il tracciato del sismografo di Mascalucia, gestito dal dott. Mario Di Guardo.



PSRN: la versione 4.1, 2° puntata

Pubblico la versione 4.1 dell' 8 agosto 2017 del Programma Sviluppo Rurale Nazionale (PSRN) .

Attenzione ... sono "solo" 334 pagine ... 

L'invasione della liquirizia

Giorni fa ho scritto sull'invasione dell'ailanto, dell'erigeron e delle canne.
Oggi aggiungo un'altra pianta: la pianta della liquirizia (Glycyrrhiza glabra).
Non la troviamo ovunque, ma quando la troviamo ... non riusciamo più a toglierla; grazie alle sue radici rizomatose riesce a colonizzare il terreno circostante.
Resiste a tutto, al gelo, ai ristagni idrici, alla siccità ... e "va avanti" senza sosta ...

Dalle radici si estrae la liquirizia che viene utilizzata in attività industriale; si utilizza pure, però, la radice tal quale ... da masticare lentamente ...

Modifica disciplinare di produzione del limone Interdonato

Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 199, è stato pubblicato:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI 

PROVVEDIMENTO 11 agosto 2017  
Modifica del disciplinare di produzione della denominazione «Limone Interdonato Messina», registrata in qualita' di indicazione geografica protetta in forza al regolamento (CE) n. 1081/2009 dell'11 novembre 2009.

Qui sotto il documento, in formato grafico

sabato 26 agosto 2017

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 10° puntata

Oggi ultima puntata sui Consorzi di Bonifica.
Una domanda che ci si potrebbe porre, relativamente al reperimento delle risorse per il rifacimento delle reti irrigue è: ma i soldi dove si prendono?
Premesso che la nostra Regione è a Statuto Speciale e nessun governo si opporrebbe ad una legge speciale per interventi effettuati su scala regionale ed a favore di un settore produttivo, e quindi l'ARS potrebbe pur legiferare in merito mettendo in campo risorse finanziarie; ma la risposta è ancora più semplice.
Il PSRN, il Piano di Sviluppo Rurale Nazionale, ha tre interventi:
- Gestione del rischio con dotazione di 1,64 miliardi di euro
- Investimenti irrigui con dotazione di 300 milioni di euro
- Biodiversità animale con dotazione di 200 milioni di euro
Ecco che una progettazione, programmata nel tempo, potrebbe pur attingere a parte di quei 300 milioni di euro messi a disposizione, ma ovviamente se mai viene dichiarato lo stato di calamità per siccità, e se mai nessuno richiede con appositi progetti parte di quei soldi ... è chiaro che mai arriveranno, e mai si potrà intervenire sulle carenze delle reti irrigue consortili siciliane.

Sul sito internet del Ministero per le Politiche Agricole tempo fa (2015) veniva scritto "La misura sugli investimenti irrigui punta invece a sostenere la competitività del settore, inserendosi anche nella Direttiva Quadro sulle acque 2000/60, che costituisce il riferimento normativo europeo per la salvaguardia e la tutela dei corpi idrici. La valutazione dei progetti di investimento nel settore dell'irrigazione sarà effettuata a livello di bacino idrografico interregionale. Ulteriori finanziamenti al settore potranno essere assicurati dal Fondo di Sviluppo e Coesione, soprattutto per il Mezzogiorno."

Beh ... sarebbe il caso di rimboccarsi le maniche e cominciare a richiedere questi soldi ...

PSRN: la versione 4.1, 1° puntata

E' stato approvata la versione 4.1 del PSRN (Programma Sviluppo Rurale Nazionale), e da oggi per qualche giorno pubblicherò i vari atti e documenti.

Innanzi tutto pubblico l'istituzione del Comitato di Sorveglianza, dell'8/3/2016.

Sulla crisi delle pesche e delle nettarine

Sulla crisi del mercato delle pesche e delle nettarine, che ha portato i prezzi in campagna a meno di 15 centesimi di euro al chilo, interviene il Ministero dell'Agricoltura, autorizzando un ritiro di 7 mila tonnellate.
Ottimo e tempestivo intervento; peccato che quando avviene lo stesso per gli agrumi ... il Ministero è del tutto silente!

Questo il comunicato stampa

Crisi pesche e nettarine: Italia ottiene oltre 7 mila tonnellate di ritiri a favore dei produttori

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che la Commissione europea, nell'ambito del regolamento a favore del settore ortofrutticolo colpito dall'embargo russo, ha aumentato i quantitativi di ritiro delle pesche e nettarine assegnando in totale all'Italia oltre 7 mila tonnellate. 

Già lo scorso 8 agosto, per far fronte alle difficoltà del comparto, il Ministero aveva convocato un tavolo di coordinamento che aveva reso disponibili i ritiri per 1500 tonnellate di pesche e nettarine, oggi triplicati dalla Commissione europea. Era stata inoltre avviata, insieme alla Spagna, un'azione comune per richiedere l'attivazione di misure straordinarie.

Terremoto in zona Belpasso

Questa notte, alle ore 00.09, è stato registrato un sisma di magnitudo 2.3 della scala Richter, nella zona fra Ragalna e Santa Maria di Licodia.

venerdì 25 agosto 2017

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 9° puntata

Proseguo la lunga "mini-carrellata" sui Consorzi di Bonifica, nell'ambito del problema siccità, problematica ancor oggi disattesa dalla Amministrazione regionale ormai da ben 5 anni ("mica un giorno"!).
Cosa serve, riepilogando in alcuni punti "flash", per far funzionare i Consorzi di Bonifica?
1 - rinnovo del personale andato in pensione e che non è stato sostituito nel corso degli anni
2 - progettazione e finanziamento del rinnovo delle reti di captazione e di distribuzione
3 - progettazione e finanziamento del reperimento di risorse idriche (es. dissalatori auto-alimentati da pannelli fotovoltaici)
4 - pulizia dei detriti dei laghi, per ripristinare la capienza originaria
5 - manutenzione delle reti di captazione ed irrigue attuali, in periodi extra irrigazione, per non dare disagio agli utenti
6 - equo costo di irrigazione, per consentire una maggiore utenza ed un minor costo/utente
7 - manutenzione fossi di sgrondo

Ma soprattutto ci vorrebbe che una classe politica, di qualunque colore essa sia, si interessasse veramente del problema, perchè le varie fusioni, controfusioni, commissariamenti, ecc., tutto hanno fatto tranne che il bene degli utenti e dei Consorzi stessi.

... continua ...

PSR Sicilia 2014/2020: Misura 6.1 - PSA

Sul sito internet del PSR Sicilia 2014/2020, ieri è stato pubblicato:

24 agosto 2017 
SOTTOMISURA 6.1“Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori” – AVVISO – Con riferimento al Bando pubblicato il 29/05/2017 si rende disponibile il modello cartaceo editabile del Piano di Sviluppo Aziendale (PSA) contenente tutte le informazioni che dovranno essere successivamente implementate sull’applicativo PSAWeb Sicilia.

Alla data odierna non è ancora disponibile il WebPSA; gravissima lacuna dell'Amministrazione che ci costringerà, quindi, a fare il lavoro due volte ... ritorna il bando settimino ...

Qui sotto il PSA, in formato grafico.

PSR Sicilia 2014/2020: Misura 8.1 - piani di conservaione

Sul sito internet del PSR Sicilia 2014/2020, nella giornata di ieri è stato pubblicato:

SOTTOMISURA 8.1 “Sostegno alla forestazione e all’imboschimento” – AVVISO - Si pubblicano n. 3 facsimile dei Piani di coltura e conservazione da allegare alla domanda di partecipazione al Bando pubblico.

Qui sotto i facsimile.

giovedì 24 agosto 2017

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 8° puntata

La diga Pietrarossa, nelle campagne tra Ramacca e Mineo: era il 1982 quando venne pensata ... nel 1989 iniziarono i lavori di realizzazione, bloccati nel 1997.
Avrebbe dovuto contenere 35 milioni di metri cubi, al servizio di 21.000 ettari.
Intanto è bloccata, non solo dalla mancanza delle risorse per il suo completamento, ma soprattutto da una serie di ostacoli burocratici e una "lite" fra ambientalisti e uffici.
E questi 35 milioni di metri cubi (c'è chi ne ipotizzava 50) mancano all'appello.
Secondo me non si completerà mai, e farà parte di una di quelle tante opere italiane iniziate e mai completate.
Per chi non ha memoria, o per chi legge il blog da pochi anni, segnalo il link di un post scritto sulla diga Pietrarossa il 15 giugno 2013:

ed un altro il 3 agosto 2010:

... continua ...

Legge sulle ferrovie turistiche

Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 196, è stata pubblicata:

LEGGE 9 agosto 2017, n. 128  
Disposizioni per l'istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico.

In Sicilia quattro risultano le tratte inserite nella legge:
- Alcantara-Randazzo
- Castelvetrano-Porto Palo di Menfi
- Agrigento Bassa-Porto Empedocle
- Noto-Pachino

La legge entrerà in vigore dal 7 settembre prossimo.

Qui sotto la legge in formato grafico.

La truffa del "fiore che non marcisce"

E' successo ad Acicatena, e se ne sono accorti, potrebbe essere successo altrove,e potrebbe succedere ancora.
Durante un funerale alcuni, che non 'centrano niente col funerale, vanno el banchetto dove si onorano delle offerte sottoscrivendo i così detti "fiori che no marciscono". Pagano con venti euro falsi, indicando generalità false, e si fanno tornare il resto ... poi dopo un pò vanno via.
Questa operazione fatta più volte a settimana ed in più persone ... e si spacciano le banconote false.
Lo ha riportato il quotidiano La Sicilia il 19 agosto scorso ... ed ancora questa non l'avevamo sentita!

mercoledì 23 agosto 2017

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 7° puntata

Oggi elenco gli invasi da cui i Consorzi di Bonifica della Sicilia orientale si approvvigionano per la distribuzione delle acque agli agricoltori, e non solo. Già! Non solo ... perchè il Consorzio 10 - Siracusa fornisce l'acqua, pompandola, all'area industriale di Siracusa, con una lunghissima tubazione. Praticamente le acque del bacino imbrifero dei vari fiumi e torrenti della zona nord di Siracusa, vengono invasate nel Lago di Lentini e "portate fuori territorio" non al servizio dell'agricoltura, ma dell'industria.
Questi i laghi e le capacità di invaso:
- Lago di Lentini - capacità di invaso 135 milioni di metri cubi;
- Lago di Ancipa - capacità di invaso 30 milioni di metri cubi;
- Lago di Pozzillo - capacità di invaso 150 milioni di metri cubi;
- Diga di Ogliastro - capacità di invaso 124 milioni di metri cubi;
- Lago di Nicoletti - capacità di invaso 124 milioni di metri cubi;
- Diga di Sciaguana - capacità di invaso 19 milioni di metri cubi;
- Diga Morello (o di Villarosa) - capacità di invaso 16 milioni di metri cubi.

E poi c'è l'invisibile diga "Pietrarossa", di cui scriverò domani mattina.

E a fronte di tutti questi laghi e dighe, e di tutti questi milioni e milioni di metri cubi di acqua ... "moriamo" di sete?

Certo la siccità è da cinque anni che la subiamo, nonostante la nostra Amministrazione Regionale non ha ritenuto di "muovere un dito" per fare ciò che al centro e nord Italia fanno dopo un mese di mancate piogge, ma la cosa più scandalosa e che molte di queste dighe e laghi al loro interno hanno, ormai, una quantità di depositi detritici accumulati negli anni, che contribuiscono a ridurre fortemente la capacità di invaso, per cui anche nelle annate più piovose, ecco che non tutta l'acqua accumulabile viene invasata, proprio perchè la capacità di invaso, rispetto a quella originaria, è di molto inferiore.

E di ciò ... i Consorzi di Bonifica non hanno alcuna colpa, diciamo le cose come stanno!
E' mancata, e manca, una seria programmazione della pulizia di tutti i laghi/dighe (comprendo che è costosissima), per far sì che si mantenessero i volumi di invaso originari.

... continua ...

La stabilità delle piante in città

A ferragosto a Madeira (Portogallo) una pianta secolare si è schiantata durante una festa popolare.
La caduta della pianta ha causato 15 morti e 52 feriti.
Abbiamo visto un pò tutti alcune immagini, ma abbiamo anche letto che la pianta era stata "legata" ... una pianta secolare "legata" per proteggerla dalla caduta?
Sicuramente è stato sottovalutato il peso della pianta, la pericolosità durante una eventuale caduta (che poi c'è stata).
Ma era stata fatta la VTA (Visual Tree Assessment), cioè la Valutazione della Stabilità dell'Albero?
Era stata fatta una valutazione su eventuali fitopatie esistenti alla base del tronco o, peggio, nelle zone di inserzione delle branche principali?
Beh ... proprio questi morti e questi feriti potevano evitarsi.
Ed è proprio questa una raccomandazione che faccio puntualmente a tutti gli Amministratori comunali, quando ho il piacere di incontrarli, ma tutti ... proprio tutti ... si trincerano dietro il "non ci sono i soldi".

Rialzo delle temperature

Dopo qualche giorno di temperature più miti, e caldo sopportabile, ecco che da domani le temperature inizieranno a rialzarsi.
 Non avremo quei valori che abbiamo avuto tra la metà di luglio e la prima decade di agosto, ma si raggiungeranno i 35°C.
E nel frattempo la siccità continua, senza che la nostra regione abbia "alzato il dito" per dire "ci siamo anche noi".

martedì 22 agosto 2017

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 6° puntata

Proseguendo il "mini esame" dei Consorzi di Bonifica della Sicilia orientale, che sono quelli che conosco, oggi è la volta del Consorzio 10 - Siracusa.
Il Consorzio 10 Siracusa era originariamente costituito esclusivamente dal Consorzio di Bonifica del Lago di Lentini; negli anni '80 annesse il Consorzio di Bonifica del Pantano di Lentini, contiguo, e per certi versi una naturale fusione auspicata da tempo.
Fra il 1995 ed il 1997 venne annesso anche il Consorzio di Bonifica delle Paludi Lisimelie, che divenne per il Consorzio di Bonifica di Lentini un peso economico non indifferente e difficilissimo da gestire, visto che si trova a circa 65/70 chilometri di distanza, che non ha reti consortili interconnesse ed aveva uffici decentrati; ma nella operazione il Consorzio di Bonifica del Lago di lentini annesse anche una marea di debiti di quello "Lisimelie".
Il Consorzio 10 - Siracusa serve una superficie irrigua di Ha 32.585, di cui 28.650 in provincia di Siracusa ed Ha 3.935 in provincia di Catania.
Le attività svolte dal Consorzio 10 sono: irrigazione, per gravità e per sollevamento, pompaggio acque di falda della zona dei pantani di Lentini.
Ma al Consorzio 10 manca la liquidità necessaria per l'espletamento delle più banali funzioni, così come avviene in quasi tutti gli altri consorzi.
Più volte abbiamo assistito al "Consorzio al buio", ovvero senza energia elettrica negli uffici, ma anche nelle stazioni di pompaggio.
Manca, e si avverte tantissimo, il ricambio dei funzionari andati nel corso degli anni in pensione.
La rete irrigua, tranne qualche nuova realizzazione degli anni 2006/2008, è quella della metà degli anni '80, senza manutenzione (v. foto) e spesso de tutto inutilizzabile.
Ma mi chiedo: come può un Consorzio fornire una utenza senza avere le risorse necessarie?
E come può (domanda ricorrente) fornire acqua irrigua senza effettuare le manutenzioni nel periodo non irrigatorio?
E con quale "animo" gli agricoltori possono pagare le bollette dei Consorzi andando avanti così le cose?

E purtroppo ... ogni anno, ed in ogni consorzio, è sempre la stessa storia ..

Un ultimo dato: fino al 2008 l'irrigazione (più o meno puntuale) costava 250,00 €/Ha, costo sopportabile ed in concorrenza al costo energetico di emungimento dai pozzi; oggi il costo è superiore ai 750 €/Ha, principalmente perchè la regione ha dismesso i trasferimenti di risorse ai consorzi, ed è tornato attuale e meno costoso l'approvvigionamento idrico dai pozzi (per chi li possiede).

Incendi 2017

Qualche giorno fa, percorrendo l'autostrada Catania .- Palermo, ho visto cosa è successo ad Enna: tutta la zona incendiata.
Sembrava una città presa volutamente d'assedio ...
Non si comprende quale sia l'effettiva "molla" che fa scattare nei piromani il gusto di appiccare il fuoco ovunque.
Incendi pericolosissimi: flora e fauna "ammazzati" in pochi minuti; paesaggi devastati ... e vedere queste cose addolora ...
Questa estate ... ce la ricorderemo per il record di incendi!



Compensazione dei crediti

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 194:

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE 

DECRETO 9 agosto 2017  
Compensazione, nell'anno 2017, delle cartelle di pagamento in favore di imprese e professionisti titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, nei confronti della pubblica amministrazione.

Qui sotto il decreto.

Proposta DOP Cappero delle Eolie

Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 194, è stato publbicato:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI 

COMUNICATO   
Proposta di riconoscimento della denominazione di origine protetta «Cappero delle Isole Eolie» 

Qui sotto i documenti

lunedì 21 agosto 2017

PSR 2014/2020: il report di spesa semestrale

Qualche giorno fa è stato pubblicato il report di spesa del PSR di tutte le regioni.
Vediamo in Sicilia cosa è successo.
A fronte di un PSR con dotazione finanziaria pari a €  € 2.212.747.000,00 sono stati messi a bando €  € 839.049.999,99, ovvero il 37,92%.
Messi a bando non significa che sono stati spesi, ma che sono stati resi disponibili per la pubblicazione dei bandi, alcuni già chiusi, altri ancora aperti.
E la spesa complessiva, cioè i soldi già liquidati, è stata pari a € 222.766.835,36, ma di questi gli importi di "trascinamento", ovvero di spesa sulla vecchia programmazione, sono € 111.255.745,36 per la Misura 4 (ex 121 del vecchio PSR), € 69.008.584,64 per la Misura 11 (ex 214 del vecchio PSR), e 18.146.770,68 per la Misura 8 (ex 222/223 del vecchio PSR).

Complessivamente, dati alla mano (che pubblico sotto), la spesa relativa al trascinamento è pari a circa € 198.411.100,68.
Facendo una semplice operazione di matematica, e sottraendo la cifra di € 198.411.100,68 alla spesa pubblicata sul sito di Rete Rurale Nazionale di € 222.766.835,36, si ottiene l'importo di € 24.355.734,68, che è pari a 1,10% della dotazione complessiva.
Con le spese dei "trascinamenti", invece, la spesa è pari al 16,64%.

Ma la spesa "vera" è quella col trascinamento, o quella scaturente dai nuovi bandi???

Qui sotto tutti i dati prelevati dal sito internet di Rete Rurale Nazionale.

Siccità: sui Consorzi di Bonifica, 5° puntata

E parlando di siccità e dei Consorzi di Bonifica, oggi è la volta del Consorzio 7 - Caltagirone.
Giusto ieri pomeriggio un agricoltore di Caltagirone mi ha trasmesso questa foto: uva semi appassita, nella contrada "Mazzone"; quindi il problema nella viticoltura non è relativo solo alla zona occidentale ...
Il Consorzio 7 Caltagirone ha una utenza irrigua di circa 8.300 ettari, un invaso con capienza massima (teorica) di 110 milioni di metri cubi ed una rete di distribuzione di 450 chilometri, e 25 chilometri di rete stradale.
E' un consorzio molto più piccolo di quello di Catania, ma fornisce acqua dalla diga Ogliastro sia al Consorzio 9 Catania che al Consorzio 10 Siracusa.
Anche qui gli stessi problemi: rete obsoleta, nessun intervento nei canali consortili ... manutenzione invernale zero ... e risorse pubbliche agli sgoccioli; quindi tutto piano piano si riversa agli agricoltori.