mercoledì 28 febbraio 2018

Arance a caro prezzo

Prendo spunto da un articolo pubblicato ieri sul quotidiano LA SICILIA per segnalare ancora una volta l'enorme differenza fra i prezzi delle arance in campagna, e quelli che si ritrovano nei banchi vendita.
Arance amare per marmellata a 3,90 euro a Monaco di Baviera, come mostra la foto qui sotto; un prezzo scandaloso, che mortifica le vendite e ne riduce i consumi.
E questo avviene anche con le altre arance.

Regolamento delle Zone economiche speciali (ZES)

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio u.s. è stato pubblicato:

DECRETO  DEL  PRESIDENTE  DEL  CONSIGLIO  DEI 
MINISTRI 25 gennaio 2018, n. 12.

 Regolamento recante istituzione di Zone economiche speciali (ZES). 

Qui sotto il documento.

martedì 27 febbraio 2018

Saldo PAC

Purtroppo continuo a leggere, nei vari commenti, che non è arrivato a tutti il saldo PAC.
Ma continuo pure a leggere che in molti non hanno avuto il saldo "bio" per le tre annate, ovvero 2015, 2016 e 2017.
E' ora che l'Agea si dia una smossa ...

Ancora siccità

Ancora qualche giorno di freddo intenso, ma non come quello che sta vivendo "mezza  Italia", e poi una rapida risalita delle temperature.
Le piogge di qualche giorno fa hanno attenuato i disagi derivanti dalla prolungata siccità; purtroppo non sono previste altre piogge significative.

Origine del pomodoro in etichetta

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 47:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI 

DECRETO 16 novembre 2017 
Indicazione dell'origine in etichetta del pomodoro.

lunedì 26 febbraio 2018

Agrumi di stagione - il mandarino tardivo di ciaculli

Il mandarino "avana" è stato praticamente soppiantato dal Mandarino Tardivo di Ciaculli, una mutazione del mandarino "avana", ritrovato nella frazione "ciaculli", nel palermitano, ed ormai diffuso in tutta la Sicilia.
Al pari del mandarino "avana" soffre di alternanza di produzione, ma la pianta è molto generosa.
I Frutti sono quasi apireni, con pochissimi semi, al contrario del mandarino "avana.
Il frutto è molto apprezzato, e matura dai primi di febbraio, nelle zone precoci, a fine marzo, nelle zone tardive.
In gergo viene chiamato "marzaiolo" o "marzolo", a causa della maturazione tardiva nel mese di marzo, e poi storpiato con nomi siciliani italianizzati del tipo "mazzola", ecc.
La pezzatura è appena inferiore a quella del mandarino "avana", ma i frutti, soprattutto in zone con terreni sciolti, tende ad "asciugare" nella zona della rosetta in caso di piovosità ridotte, per cui anche in pieno inverno spesso si effettua qualche irrigazione.

Decreto controlli "bio"

Riporto un comunicato stampa del Ministero per le Politiche Agricole:

Comunicati stampa
Biologico: approvato in via definitiva il decreto controlli
Martina: settore rafforzato e maggiori garanzie per i consumatori 

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che il Consiglio dei Ministri ha approvato oggi in via definitiva il decreto legislativo recante disposizioni di armonizzazione e razionalizzazione della normativa sui controlli in materia di produzione agricola e agroalimentare biologica. La norma attua la delega contenuta nel Collegato agricoltura e aggiorna le disposizioni ferme al 1995, adeguandole anche alle sopravvenute leggi europee.  

Evoluzione meteo

Le temperature si sono abbassate, ed anche molto, ma non soffriremo il freddo ed il gelo così come sta avvenendo in tutta Europa, ed anche in mezza Italia, dove nevica a quote molto basse.
Avremo qualche altra giornata di piogge, di modesta entità, e poi una graduale risalita delle temperature, che ci faranno capire che marzo è ormai arrivato.
Permane il deficit idrico per la siccità! 


domenica 25 febbraio 2018

Violenta grandinata a Noto e Rosolini

L'altro ieri, mentre in tutta la Sicilia si gioiva per le piogge, in una vastissima area fra Noto e Rosolini, invece, c'era chi piangeva.
Una violenta e persistente grandinata ha devastato tutte le colture presenti sul territorio, ed anche molte serre.
Le foto, del collega dott. agr. Salvatore Schifitto, non possono mostrare lo scoramento degli agricoltori, nessun comparto escluso.

Incontro su incendi boschivi

Il quarto ed ultimo incontro sugli incendi boschivi, organizzato dall'Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Messina insieme all'Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Sicilia, il Dipartimento Sviluppo Rurale e Territoriale, l’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, l’Ispettorato Agricoltura, il Genio Civile di Messina, la Società Italiana di Restauro Forestale, si terrà martedì 27 febbraio p.v., alle ore 15,30, ad Acquedolci, presso l'Aula Consiliare.

sabato 24 febbraio 2018

Agrumi di stagione - il tacle

Altro mandarino "simile" è il TACLE, e non taclè come molti lo chiamoano.
Il Tacle è stato ottenuto dall'incrocio del clementino monreal con il tarocco, da cui il nome TA, dal tarocco, e CLE, dalle clementine.
La pianta è molto vigorosa, espandendosi sia in larghezza che in altezza, è fornita di tantissime spine, molto lunghe ed anche molto lignificate, e produce tantissimo. Una pianta di tacle, infatti, riesce anche a produrre 200/220 chilogrammi.
Il frutto diventa rosso all'interno, nel periodo di fine dicembre/metà gennaio, ma non ha la colorazione marcata del tarocco.
I frutti, purtroppo, ricevono molti danni causati dalle spine, e molta produzione cade senza essere raccolta.
Un grande neo di questo mandarino simile è la debolezza della così detta "rosetta", ovvero della zona in cui il frutto è attaccato alla pianta: alle prime gelate ... il frutto si stacca e cade. Non è raro, infatti, che dopo le prime gelate buona parte della produzione si perda per una cascola abbondante.

L'azzeruolo

Uno dei frutti "minori", ed allo stesso tempo "antichi" è l'azzeruolo, pianta che molti giovani nemmeno conoscono.
La pianta fa frutticini piccoli, ma gustosi, e di vari colori; esistono infatti diverse varietà con colorazioni diverse, dal giallo all'arancione al rosso.
Questa pianta mi ricorda molto la mia infanzia, poichè a casa mi c'è sempre stata, e c'è ancora, sia con frutti rossi che gialli.

Agea: istruzioni operative gestione del rischio

Pubblico le Istruzioni Operative Agea n. 8 del 23 febbraio 2018

Misura 17 "Gestione del rischio" - sottomisura 17.1 "Assicurazione del raccolto, degli animali e delle piante" del Programma di Sviluppo Rurale Nazionale (PSRN) 2014-2020, ai sensi del Reg. (UE) n. 1305/2013 - Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di sostegno - Decreto n. 4047 del 7 febbraio 2018 di approvazione dell'Avviso pubblico invito a presentare proposte Campagna assicurativa 2017 - Produzioni vegetali.

venerdì 23 febbraio 2018

Cumulo gratuito dei contributi ai liberi professionisti

Il Presidente dell'Epap, dott. agr. Stefano Poeta, mi segnala un importante risultato ottenuto dalle Casse di Previdenza professionali e l'INPS, ovvero il cumulo gratuito dei contributi anche per i liberi professionisti, esteso dalla Legge di Bilancio 2017 (n. 232/2016, art. 1, commi 195-198).

«L’impegno del nostro Ente – ha commentato Stefano Poeta – è quello di assicurare la prestazione sempre e nel minor tempo possibile. Siamo in attesa della conclusione delle procedure istruttorie dopo l’accordo-convenzione tra le Casse dei professionisti (rappresentate dall’Adepp) e l’INPS i cui frutti saranno a breve riscontrabili».

Potete trovare un articolo più dettagliato al seguente link, dal quale ho estratto (in copia/incolla) le dichiarazione del Presidente dell'Epap:

Ieri in Gazzetta Ufficiale

Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 44, è stato pubblicato:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 12 ottobre 2017  
Criteri, modalita' e procedure per l'attuazione degli interventi finanziari a sostegno delle imprese del settore agricolo e agroalimentare, effettuati dall'Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare - ISMEA. 

Qui sotto il decreto.

Agea: rettifica dichiarazioni di vendemmia

Pubblico la Circolare AGEA.14379.2018 del 22 febbraio 2018

Ravvedimento Operoso e Rettifiche per Diffida dell'O.d.C. - Rettifica delle Dichiarazioni di vendemmia e di produzione 2017/2018.

giovedì 22 febbraio 2018

Sulla siccità

Ritorno ancora una volta sulla siccità che sta interessando da almeno cinque anni la nostra regione.
Ho già espresso le problematiche ed i disagi che qualunque arboricoltore sta attraversando, così come i cerealicoltori, ma anche altri produttori: insomma tutti i settori.
E prendo spunto per segnalare che anche gli allevatori incontrano serissimi problemi per il loro bestiame.
La siccità, quindi, colpisce tutti, nessuno escluso.
E la portata negativa dell'evento è stata fin qui sottostimata.
Non basta emettere un Decreto di declaratoria di danni, ed effettuare una delimitazione ai sensi della normativa vigente.
Va studiato come risolvere (o attenuare) il problema, e siamo già in netto ritardo.

La ritenuta d'acconto

Sulla folle invenzione della ritenuta d'acconto ho già scritto in passato, ma ripropongo la problematica che ci vede "vigilantes" del pagamento di imposte da parte di altri soggetti fiscali.
Riporto in "copia/incolla" quanto già scritto nel 2013.

Lo Stato ci trasforma in Ispettori e Vigilatori Fiscali.
Quando emettiamo una fattura sull'imponibile aggiungiamo una percentuale del 2%, relativa alla Cassa di Previdenza e l'IVA, ancora del 21%.
Poi per il saldo della stessa scorporiamo il 20% dell'imponibile che è la RITENUTA D'ACCONTO.
Cosa succede? Una serie di cose "belline belline":

  1. Lo stato trattiene quel 20% anche per oltre un anno e mezzo prima del naturale versamento. Ad esempio: in una fattura emessa a gennaio la ritenuta d'acconto viene operata a febbraio, cioè pagata a febbraio, ma noi nella denuncia dei redditi possiamo utilizzare quell'importo nel giugno/luglio dell'anno successivo.
  2. Se il cliente, che diviene a tutti gli effetti un sostituto di imposta, non opera il pagamento, per vari motivi, innanzi tutto noi non possiamo ottenere l'anno dopo la certificazione del pagamento e di conseguenza non possiamo defalcare l'importo dal pagamento delle tasse, ma è da sottolineare che in questo caso non avendo riscosso quell'importo lo versiamo "di tasca".
  3. Se il cliente non ha operato il versamento a tempo debito ... dopo nemmeno un anno dalla denuncia dei redditi nostra, e quindi da due a tre dal mancato versamento, l'Agenzia delle Entrate non effettua l'operazione "recupero" al cliente "moroso", ma direttamente a noi ... che "non abbiamo vigilato" sulla effettuazione del versamento stesso. Dovremmo., quindi, divenire dei "vigilatori fiscali"!
  4. L'Agenzia delle Entrate, perciò, persegue chi ha emesso la fattura e non chi ha omesso il versamento, addebitando anche sanzioni ed interessi che ... di fatto spetterebbero a chi ha omesso il pagamento e non a chi ha emesso la fattura.
Forse sarebbe da chiarire al FISCO l'esattezza del verbo emettere e del verbo omettere ... che vede "imputati" due soggetti diversi!

Le "app" per i vini

Se andate su "Play Store" di Google e inserite la parola "vini" trovate decine e decine di applicazioni scaricabili sul vostro smartphone.
Ognuna ha il medesimo "compito": quello di indicare informazioni sui vini, anche puntando con il cellulare stesso sul codice a barre, sul QRcode o anche semplicemente sulla etichetta.
Le "app" più complete vi indicano, oltre al produttore, la zona di produzione, i vitigni utilizzati, ma anche una breve storia della cantina che produce quel vino di cui avete effettuato la richiesta.

mercoledì 21 febbraio 2018

Agrumi di stagione - il mandarino avana

Il "classico" mandarino è il mandarino "avana", che matura già nel periodo natalizio, e che sprizza di profumi ed aromi ineguagliabili da altri mandarini.
Venne coltivato in moltissime contrade della Sicilia, ma pian piano venne abbandonato a causa delle elevatissima presenza di semi, in un mercato che è andato sempre più verso i frutti apireni.
Le piante hanno una elevata vigoria, ed una espansione della chioma che consiglia la posa a dimora a sesti larghi.
La produttività risente della elevata alternanza di produzione, ma io stesso tanti anni fa in una contrada di Catania notoria per la produzione di mandarini, ho potuto osservare e fotografare un impianto con una produzione di oltre 650 q.li/Ha.
Ottimo frutto, ottima sbucciabilità, sapore eccellente, succosissimo, ma con troppi semi, e ormai gli impianti di mandarino "avana" sono davvero pochi, tutti soppiantati da altre varietà selezionate nel tempo.
Negli anni '90 venne introdotta pure la selezione "apirena", che non era apirena totalmente, ma riduceva moltissimo la presenza di semi all'interno dei frutti. Questa varietà dopo un decennio venne abbandonata, a causa di una ridotta produttività, scaturente da problematiche di allegagione, irrisolte anche dopo interventi di incisioni anulari, utilizzo di giberelline, ecc.


Seminario sulla gestione delle acque nella filiera agrumicola

Segnalo che si terrà sabato 24 febbraio a Ribera un seminario sulla gestione delle acque nella filiera agrumicola, organizzato dal Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia.

Durante il seminario verranno trattati i seguenti temi:
• Sistemi di invaso e distribuzione delle acque ad uso irriguo 
• Il Sistema Informativo Agrometeorologico Siciliano (SIAS) 
• Rapporto tra clima e necessità irrigue delle colture agrumicole 
• La qualità delle acque per l’irrigazione degli agrumeti 
• Moderne tecniche di irrigazione finalizzate all’uso più efficiente delle risorse      
 idriche 

Interverranno in qualità di relatori: 
• Prof. Ing. Antonino Marco Cancelliere: Professore Ordinario di Costruzioni Idrauliche e Marittime e Idrologia (ICAR02), Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura, nell’Università di Catania 
• Dott. Agr. Giuseppe Pasciuta: Dirigente UOS Agrometeorologia, Ricerca applicata e servizi innovativi Assessorato Reg. Agricoltura e Presidente del Consorzio di tutela dell'arancia di Ribera DOP 
• Dott. Agr. Corrado Vigo: Libero professionista e Presidente Federazione Regionale degli Ordini dei Dottori Agronomi e Forestali della Sicilia. 

La partecipazione è gratuita. Per motivi organizzativi è consigliabile l'iscrizione online. 

Per i Dottori Agronomi e i Dottori Forestali, iscritti ai rispettivi albi di appartenenza, il seminario da diritto ai crediti formativi professionali. 


Energia elettrica: paghiamo per gli altri

Provo solo indignazione alla notizia che tutti gli italiani pagheremo in bolletta la cifra di 200 milioni di euro circa, relativi ad un "ammanco" scaturente da bollette impagate da concittadini.
E' scandaloso come supinamente veniamo caricati di un costo che non ci compete.

Pioggia in arrivo

Così come previsto arriva la pioggia.
Già questa mattina il risveglio è sotto una leggera pioggia, ma da domani pomeriggio, e soprattutto venerdì, dovremmo avere piogge abbondanti in tutto il territorio siciliano.


martedì 20 febbraio 2018

Elezioni 2018: i programmi per l'agricoltura?

In questi giorni precedenti alle votazioni, nei quali i  vari candidati e responsabili dei partiti altro non fanno che insultarsi e trovare le pecche l'uno dell'altro, ho cercato di leggere i programmi relativi all'agricoltura.
Praticamente zero.
Eppure investe tantissimi occupati, interessa la maggior parte del territorio; praticamente zero.

PSR Sicilia 2014/2020: proroga misura 6.4.c

Sul sito internet del PSR Sicilia 2014/2020 nella giornata di ieri è stato pubblicato:

OPERAZIONE 6.4.c " Sostegno per la creazione o sviluppo di imprese extra agricole nei settori commercio - artigianale - turistico - servizi - innovazione tecnologica" regime de minimis – AVVISO – Si pubblica comunicato di proroga al 18/04/2018 del termine per la presentazione delle domande di aiuto relative al Bando in regime de minimis pubblicato nella news del 26/09/2017.

qui sotto il documento

Autorizzazioni nuovi impianti viticoli - anno 2018

Pubblico il Decreto del Ministero per le Politiche Agricole relativo alle  disposizioni sul rilascio di nuove autorizzazioni viticole per l'anno 2018.

qui sotto il decreto

Incontro su Incendi Boschivi

Segnalo che questo pomeriggio, alle ore 16:00, si terrà a Giardini Naxos, presso l’Aula Consiliare, il terzo incontro sul tema GLI INCENDI BOSCHIVI, organizzato dall'Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Messina.

Sarò presente

lunedì 19 febbraio 2018

La distruzione del paesaggio rurale

La cecità legislativa, insieme a quella fiscale, contribuisce ogni giorno alla distruzione del paesaggio rurale, fatto anche delle costruzioni storiche, che caratterizzano l'edilizia rurale.
L'accanimento fiscale sui fabbricati rurali, già privi della manutenzione ordinaria a causa dei redditi sempre più prossimi allo zero, fa sì che moltissimi agricoltori provvedano all'abbattimento dei propri fabbricati rurali.

L'imposizione "coatta" dell'IMU, fra l'altro esosa, sui fabbricati rurali ha determinato, e continua a farlo, l'abbattimento di moltissimi fabbricati, che un tempo erano funzionali alle aziende agricole, e che hanno caratterizzato il paesaggio rurale di ogni contrada.
E la cecità legislativa e fiscale non si accorge che questo patrimonio rurale si perde per sempre, ed ogni giorno il territorio perde qualcosa del suo passato.

La pioggia all'improvviso?

Questa mattina ho trovato "la sorpresa": il meteogramma previsionale restituisce un grafico con piogge di scarsa entità nei prossimi giorni, ma piogge più intense per la giornata di venerdì.
Speriamo bene, perchè i campi sono "assetati" e le falde "piangono". 

Sul regime di importazione dei prodotti "bio"

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 40 del 17 febbraio scorso è stato pubblicato:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 6 febbraio 2018  
Disposizioni per l'attuazione del regolamento (CE) n. 1235/2008, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio, per quanto riguarda il regime di importazione di prodotti biologici dai Paesi terzi e che abroga il decreto n. 18378 del 9 agosto 2012.

Qui sotto il decreto

domenica 18 febbraio 2018

Agrumi di stagione - il tarocco, 3° puntata

Anche sulle piante dell'arancio cv. tarocco ci sarebbero da scrivere libri, poichè i vari cloni hanno habitus differenti.
La caratteristica principale, però è una elevata vigoria, una elevata produzione di "succhioni", una sensibilità agli stress idrici, una sensibilità ai venti freddi, tant'è che spesso a causa di venti freddi persistenti i frutticini appena allegati necrotizzano e cadono, una elevata cascola, ed una accentuata alternanza di produzione.
I quantitativi di produzione per ettaro non raggiungono quelle della cv. "moro", eccezion fatta per le linee da clone nucellare.
Ma il tarocco è il "re delle arance", ed alcuni cloni hanno colore e sapore ineguagliabile.
Purtroppo, e non possiamo nasconderlo, il valore aggiunto di questo frutto non arriva mai agli agricoltori, cioè il prezzo di vendita del frutto non è quello che dovrebbe essere, e ciò a maggior ragione allorquando constatiamo che in campagna i prezzi raggiungono anche quotazioni da elemosina, mentre al dettagli raggiungono quotazioni da "gioielleria".

Ma il tarocco, a mio parere, rimane l'arancia più buona.

LibreOffice versione 6.0

Da qualche giorno è disponibile per il download la versione 6.0 della suite gratuita LibreOffice, che di fatto ha soppiantato Openoffice.
Questo il link per procedere allo scaricamento:

Protezione contro introduzione e diffusione di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali

Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 40, è stato pubblicato:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI 

DECRETO 22 dicembre 2017  
Modifica degli allegati da I a V del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214, in applicazione di direttive dell'Unione europea concernenti le misure di protezione contro l'introduzione e la diffusione di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali: recepimento della direttiva di esecuzione (UE) 2017/1279 della Commissione.

qui sotto il decreto

Evoluzione meteo

Continua lo stato di siccità, e per i prossimi giorni, eccezion fatta per qualche acquazzone, non sono previste piogge.
Le temperature rimarranno nelle medie stagionali.


Scossa di terremoto a Resuttano

Durante la notte una scossa di terremoto ha interessato la zona di Resuttano.
Il sisma è stato registrato alle ore 03:58 con magnitudo pari a 2,9° della scala Richter, ed è stato localizzato ad una profondità di 29 chilometri.

sabato 17 febbraio 2018

Sul pomodorino del Camerun

Nei giorni scorsi ha fatto scalpore la notizia del pomodoro del Camerun venduto a Pachino.
Un polverone che ha interessato la politica, con giuste prese di posizione da tutte le parti.
Il ministero ordina una ispezione e si scopre ciò che accade troppo spesso: la provenienza indicata è frutto di errore umano.
Ma questo "errore", che ripeto accade troppo spesso, è un errore, che mette fine a situazioni incresciose, o è un errore "camuffato"?
Troppe volte, infatti, l'errore suddetto viene ripetuto, e ciò è riprova che la tracciabilità "va a farsi benedire" ad ogni passaggio di merce da un operatore all'altro, anche perchè non ho mai trovato assieme alla indicazione della provenienza anche il "lotto" di provenienza, al fine di effettuare un controllo vero sulla tracciabilità.
E poi: ma allorquando un gigante, quale la GDO, acquista tonnellate e tonnellate di prodotto ... durante la manipolazione per la distribuzione nei vari punti vendita siamo sicuri dei vari passaggi nei frazionamenti degli stessi?

La "partita" si è chiusa con qualche sanzione per errata indicazione sulla provenienza, ma è il sistema della tracciabilità che non regge, e che è spesso "solo sulla carta".

Movimenti terrestri

Vi invito a leggere un interessante articolo pubblicato sul quotidiano LA SICILIA, sulla attività della crosta terrestre nella zona dell'isola Lachea di Acitrezza "Una piega della crosta terrestre sta sollevando l'Isola Lachea ad Acitrezza"

venerdì 16 febbraio 2018

Agrumi di stagione - il tarocco, 2° puntata

Prima di descrivere, per grandi linee, le peculiarità delle piante di arancio cv. "tarocco", va fatta una lunga lista dei vari cloni passati e presenti, e sicuramente me ne dimenticherò qualcuno, perchè proprio per la sua predisposizione a mutazione, i cloni selezionati nel corso degli anni sono tantissimi.
Ecco alcuni dei più noti cloni, oltre al tarocco "comune":
- tarocco dal muso
- tarocco catania
- tarocco galici
- tarocco scirè
- tarocco gallo
- tarocco rosso
- tarocco ippolito
- tarocco lempso
- tarocco TDV
- tarocco messina
- tarocco tapi
- tarocco s. alfio
- tarocco meli
- tarocco nuc. 898
- tarocco nuc. 57
- tarocco nuc. 61
- tarocco nuc. 2062
- tarocco sciara