30 novembre, 2020

Agea: Istruzioni applicative - Bando Ministeriale agrumi

Con grande ritardo, anche troppo, l'Agea ha pubblicato oggi le Istruzioni Operative n. 106 del 27 novembre 2020

Disposizioni relative alle modalità di concessione dei contributi destinati al settore agrumicolo ai sensi dell'articolo 1, comma 131, della legge 27 dicembre 2017, n. 205. - Decreto Ministeriale prot. 9049776 del 10 agosto 2020 - Sostegno al reimpianto agrumeti 

Qui sotto i link:
- Istruzioni applicative

Le domande si possono presentare dal 3 al 5 dicembre prossimo.

Saldo PAC 2020


Continuo a leggere commenti di agricoltori a cui non è stato ancora effettuato il pagamento del così detto premio PAC.

Se l'Agea è così "lesta" a produrre convenzioni insensate e penalizzanti, com'è possibile che non sia così "lesta" a pagare tutti quanti?

Rimane il mistero dei due aerei ... mah!

Piogge - una tregua

Aspettando i dati dei volumi invasati nelle dighe della Sicilia, che sono aggiornati al 1° novembre 2020, riporto le mappe delle piogge cumulate nella nostra regione nelle ultime 24 e 48 ore.
Nei prossimi giorni torna il sole, ma le temperature rimarranno basse, soprattutto quelle notturne.
L'Etna ieri era vestita di bianco.


 

29 novembre, 2020

Sulla attuazione dei PSR in Italia

 

Sul sito internet di Rete Rurale Nazionale è stato pubblicato il report di ottobre sui dai della spesa dei vari PSR delle varie regioni d'Italia.
Il link per scaricare l'intero rapporto è questo: https://bit.ly/2KQzRoz
Si può scaricare il documento e spulcialo nelle sue 136 pagine.
Qui, invece, riporto la situazione della nostra regione.
Basta cliccare sulle immagini per effettuarne lo zoom.





Le piogge di ieri - da oggi torna il sole


La perturbazione che ieri ha interessato la nostra regione si allontana, e nella giornata di oggi dovrebbe anche spuntare il sole.

Ieri piogge intense nella zona orientale dell'isola, con allagamenti un pò ovunque, e qualche grandinata, soprattutto nelle zone alle falde dell'Etna, che stamattina apparirà con il mantello bianco.

Qui sotto le mappe (SIAS) delle piogge cumulate nelle ultime 24, 48 e 72 ore.






28 novembre, 2020

Coronavirus - da domani la Sicilia in zona "gialla"

 


Da domani la nostra regione passa in "zona gialla", nonostante i 28.352 nuovi casi italiani, di cui siciliani 1.566.
Ma che significa zona gialla, cosa si può e cosa non si può fare?
- obbligo di indossare la mascherina quando si esce di casa
- non serve nessuna autocertificazione per gli spostamenti dalle ore 5 alle ore 22
- divieto di uscire da casa tra le 22 e le 5 
- chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi
- aperti al loro interno i negozi alimentari, le farmacie, parafarmacie ed edicole
- chiuse mostre, musei e sale bingo
- mezzi pubblici: capienza ridotta del 50%
- scuola: DAD dalle superiori
- consentiti gli spostamenti sia all’interno del proprio Comune sia fuori
- possibile raggiungere un’altra regione purché anch’essa inserita in fascia gialla
- sport: consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all'aperto
- aperti nella fascia gialla i circoli sportivi
- chiuse piscine e palestre



27 novembre, 2020

AGEA sotto accusa per la convenzione CAA, 4° puntata - spunta una Delibera regionale

Mentre è ancora vivo lo scontro per la Convenzione Agea, ecco che il Governo Regionale Siciliano Delibera che i CAA possono:
- rinnovare il libretto U.M.A., relativo al gasolio agricolo di tipo agevolato;
- rilasciare l'attestato IAP;
- rilasciare gli attestati di Agriturismo e Fattoria didattica.

La Delibera  523 del 12 novembre 2020, che pubblico anche in formato grafico (link), nel consentire una semplificazione di alcuni procedimenti, "certifica" che le amministrazioni pubbliche non sono in grado di ottemperare in tempo alle richieste degli agricoltori, e non lo sono perchè ormai, come peraltro tutti sappiamo, non c'è più personale all'interno degli uffici, non essendoci stato alcun ricambio negli ultimi trent'anni.








 

Continuità territoriale dove sei che non ti vedo

C'era una volta un sogno, quello di poter andare a Roma o a Milano con pochi spiccioli, come si suol dire, visto che le strade e le autostrade non consentono di spostarsi con velocità, e visto che il ponte sullo stretto di Messina non si farà mai.
E la tanto promessa "continuità territoriale", peraltro sbandierata come grande conquista, invece non c'è.
Qualche giorno fa abbiamo appreso che il costo del biglietto Comiso - Roma è più caro del 12%, come riportato nell'articolo apparso qualche giorno fa sul quotidiano LA SICILIA




 

Piogge in arrivo

Un'altra perturbazione si sta dirigendo verso la nostra regione, perturbazione che porterà nuove piogge nella giornata di domani e  di domenica.




 

26 novembre, 2020

AGEA sotto accusa per la convenzione CAA, 3° puntata

Quando si dice "la testa dura come quella di un mulo".
Nonostante l'Agea abbia tutti contr, nonostante la nuova Convenzione non piace, ecco che, a dimostrazione che l'Agea agisce come fosse un ente totalitario (loro scrivono monocratico), si accorge del "tiro incrociato" sulla Convenzione, ma non torna indietro sui suoi passi.
Infatti in data 23 novembre scorso emette un comunicato stampa, che definirlo arrogante è poco.
Lo pubblico qui sotto, in formato grafico, ed in copia/incolla in versione testuale.
Recenti dichiarazioni contenute in alcuni comunicati stampa e note diffuse in questi giorni sul tema della nuova convenzione Agea – CAA, spingono a doverose e obbligatorie puntualizzazioni per  impedire  il  rischio  di  fraintendimenti  a  danno  del  corretto  svolgimento  delle  funzioni proprie di AGEA. 
La clausola in contestazione si pone nel quadro delle scelte strategiche avviate dall’Agenzia, in relazione alla evoluzione dei sistemi tecnologici di rilevazione dei dati e di digitalizzazione dei 
processi  e,  al  conseguente  arricchimento  delle  informazioni  del  fascicolo,  anche  nella prospettiva della nuova programmazione comunitaria post 2020 e, della necessità di rafforzare la funzione e l’utilizzo dei dati degli agricoltori contenuti nel SIAN, riconosciuta come banca dati di interesse nazionale, attraverso la quale Agea eroga oltre 5 miliardi di risorse pubbliche annue e, quindi, degna della massima tutela possibile anche in relazione alla sensibilità dei dati in essa contenuti. 
In questa prospettiva si è inserita la necessità di: una rigorosa disciplina degli accessi al sistema informativo  agricolo  nazionale  (SIAN)  rispetto  alla  quale,  già  nel  2018,  è  stata  modificata  la modalità di accesso, passando dalla vecchia password all’identità digitale Spid; ed una corretta e  controllata  procedura  di  erogazione  degli  aiuti  che  ha  visto  Agea,  tra  l’altro,  avviare  due progetti  di  collaborazione  con  il  Ministero  dell’Interno  nell’ambito  del  Programma  operativo legalità. 
Ciò premesso, occorre precisare che Agea non ha alcuna intenzione di escludere dall'accesso al SIAN  2.500  professionisti;  inoltre,  è  opportuno  ricordare  che  ad  oggi  gli  accessi  al  Sian autorizzati da Agea agli operatori dei CAA per le funzioni delegate, sono in totale circa 3.500 e che, di questi, meno di mille fanno riferimento a professionisti iscritti ad Albi e Collegi, molti dei quali  già  dipendenti  di  CAA.  È  anche  opportuno  precisare  che,  ad  oggi,  i  CAA  che  fanno riferimento  a  vario  titolo  agli  Albi  e  Collegi  gestiscono  meno  del  6%  del  totale  dei  fascicoli aziendali di Agea. 
Al fine di chiarire poi il carattere eminentemente istituzionale e la natura organizzativa della scelta convenzionale adottata da Agea, si sottolinea che la stessa consente di garantire che i  soggetti  privati,  preposti  all'esercizio  di  attività  amministrative  di  competenza  di  un  Ente pubblico, assicurino il rispetto del principio di imparzialità amministrativa. I Centri di Assistenza Agricola  operano  su  delega  di  Agea  Ente  Pubblico  e,  pertanto,  debbono  garantire  assetti organizzativi e funzionali conformi a quelli che la legge italiana pone a carico delle pubbliche amministrazioni in materia di imparzialità e conflitto d’interessi. 

È proprio questo uno degli obbiettivi chiari di questa nuova convenzione: più trasparenza nel rapporto  tra  l'esercizio  di  funzioni  pubbliche  e  l'attività  di  consulenza  privata,  minori  rischi sistematici  nella  gestione  di  attività  che  debbono  essere  caratterizzate  dal  perseguimento dell'interesse  generale,  consistente  nell’uso  proprio  delle  risorse  finanziarie  destinate 
all’agricoltura. Quindi: massima protezione possibile del sistema economico agricolo. 
Da  tutte  le  considerazioni  che  precedono  discende  la  necessità  che  i  Centri  di  Assistenza Agricola dispongano di un assetto organizzativo stabile e coerente con una gestione accorta di ingenti  flussi  di  denaro  pubblico,  fondato  sull'utilizzo  trasparente  di  contratti  di  lavoro subordinato per assicurare certezza e continuità nell'esercizio di ruoli, funzioni e responsabilità, a garanzia di tutti.  
Dal  punto  di  vista  socio-economico,  questa  scelta,  necessaria  e  doverosa,  non  fa  altro  che favorire la stabilizzazione di migliaia di persone oggi impiegate con contratti occasionali.  Pur 
non essendo questo l’obbiettivo principale perseguito da Agea, è chiaro che la stabilizzazione di un numero elevato di figure professionali appare un bene prezioso per l’intero sistema agricolo, un passo avanti nella direzione di un modello organizzativo più moderno, efficiente e adeguato alla realizzazione di un salto di qualità del lavoro in agricoltura. 
Alla  luce  del  tenore  istituzionale  delle  ragioni  in  argomento,  appare  del  tutto  improprio  il tentativo di delegittimare la scelta gestionale amministrativa compiuta, la Convenzione, infatti, costituisce  il  principale  strumento  di  regolazione  dei  rapporti  tra  Agea,  Ente  pubblico  non economico, e i Centri di Assistenza Agricola, soggetti privati delegati allo svolgimento di funzioni pubbliche. 
Nel  pieno  rispetto  delle  prerogative  di  ciascuno  dei  soggetti  intervenuti  in  questi  giorni  su questo  tema,  occorre  evitare  il  rischio  di  ledere  l'autonomia  organizzativa,  finanziaria  e contabile di un Ente pubblico che è, a sua volta, garantita dalla legge. Ciò perché ogni ostacolo o ritardo nell'adozione di scelte organizzative e strategiche necessarie all'efficacia, efficienza e al  buon  andamento  della  pubblica  amministrazione,  non  può  considerarsi  una  conseguenza giustificata  dalla  fisiologica  dialettica  che  caratterizza  il  confronto  di  opinioni  su  scelte  che debbono, tuttavia, restare assoggettate a valutazioni eminentemente tecniche. 
Le ragioni di Agea, oggetto di contestazione, sono ampiamente motivate, giustificate e coerenti anche con la regolamentazione Comunitaria, in ragione del fatto che rientra nei compiti della Stato  Italiano  garantire  il  corretto  esercizio  delle  funzioni  delegate  e,  della  Commissione europea controllare che ciò avvenga, pena pesanti correzioni finanziarie in capo ai contribuenti italiani. 
Sul  piano  dell'ordinamento  interno,  giova  ricordare  inoltre  che,  sulla  base  di  un  percorso ampiamente  partecipato,  sia  a  livello  istituzionale  che  politico,  le  scelte  contenute  nella convenzione  sono  state  corroborate  dai  necessari  approfondimenti  tecnico-giuridici  e, soprattutto,  dal  parere  specificamente  e  formalmente  reso  dall'Agenzia  Nazionale  per  la Concorrenza ed il Mercato (AGCM) che ha valutato positivamente l'intervento organizzativo di Agea. 

Coronavirus - ancora contagi

 

Ieri altri 1.317 nuovi casi di coronavirus nella nostra regione.
Questi i numeri per provincia, su 57.001 casi totali:
Palermo 16.727
Catania 14.795
Messina 5.517
Ragusa 5.195
Trapani 4.242
Siracusa 3.504
Agrigento 2.559
Caltanissetta 2.425
Enna 2.012



A leggere i dati italiani, nonostante un leggero calo dei contagiati, ecco che non c'è da stare allegri per nulla: ieri 25.853 nuovi casi, per un numero totale di 1.480.874 di contagiati, finora, e di 52.028 morti.
Ma ' l'America a pagare il prezzo più alto: 13.137.962 di persone contagiate con 268.219 morti, seguita dall'India e dal Brasile.
Strano che non si sente più parlare della Cina, con 1.436.801.015 di abitanti ...

Ancora piogge

Anche oggi avremo piogge sparse sulla nostra regione.
Tra sabato e domenica, invece, altra ondata di piogge intense.
Qui sotto le mappe delle piogge cumulate nelle ultime 24/48/72 ore, mappe estratte dal SIAS.




 

25 novembre, 2020

AGEA sotto accusa per la convenzione CAA, 2° puntata

 

Tutti noi sappiamo come l'Agea sia uno di quegli enti "a senso unico", ovvero che dispone, ma non risponde mai alle richieste e non intrattiene alcuna interlocuzione con l'utenza, che poi guarda caso è quella "che la fa campare".
Se non ci fossero gli agricoltori ... non ci sarebbe nemmeno l'Agea.
Ma forse questo all'Agea non l'hanno ancora capito.
Ma l'Agea, ripeto, è a senso unico. Quindi quando ha deciso (unilateralmente) una cosa, non torna indietro.
E nei giorni scorsi nemmeno le interrogazioni parlamentari hanno portato ad un ripensamento, nonostante le sollecitazioni inviate al ministro per le Politiche Agricole, purtroppo impegnata quasi esclusivamente sul caporalato ...
Per l'Agea le interrogazioni parlamentari, evidentemente, sono "acqua fresca" ...

Niente da fare: l'Agea va avanti per la sua strada, come sempre peraltro, senza ascoltare nessuno, "a senso unico".

Ma qualche giorno qualcuno dovrà pur dar conto di quanto fin qui fatto, compresi i due aerei spariti nel nulla ... due aerei ... mah!

... domani continua ...

In pagamento le istanze della Misura 21.1.1 del PSR Sicilia 2014/2020

Pubblicato ieri sul sito del PSR Sicilia 2014/2020 l'avviso per dar corso ai pagamenti della Misura 21.1.1, quella di sostegno alle aziende agrituristiche e alle fattorie didattiche.
Nell'avviso, che pubblico qui sotto in formato grafico, si legge:

Si   informano   i   beneficiari   dell'Operazione   21.1.1   che   sono   in  corso   di  pubblicazione i decreti di concessione del sostegno sul sito del PSR e che tale pubblicazione ha valore  di notifica a tutti gli effetti di legge.      
La mancata presentazione (art 2 del decreto di concessione) della domanda di pagamento entro i successivi 20 giorni dalla data di pubblicazione del   provvedimento di concessione determina la decadenza dal sostegno.
Pertanto, i beneficiari dovranno necessariamente presentare la domanda di pagamento immediatamente dopo la pubblicazione del decreto di concessione dell'Ispettorato dell'Agricoltura di competenza.


 

Ancora piogge in Sicilia

Questi ultimi giorni sono stati giorni con piovosità diffusa su tutta la nostra regione; in alcune aree le piogge sono state più copiose, in altre molto meno, come mostrano le mappe delle piogge cumulate nelle ultime 24/48/72 ore, stratte dal SIAS.
E i prossimi giorni? Ancora piogge, una pausa venerdì, poi di nuovo piogge.
Ormai "l'estate autunnale" siciliana può dirsi conclusa definitivamente, anche con la comparsa della prima neve di stagione sull'Etna.





 

24 novembre, 2020

AGEA sotto accusa per la convenzione CAA, 1° puntata

 

Il 6 novembre scorso l'Agea pubblica la la Delibera n. 25, con la quale approva la "Convenzione per gli anni 2020-2021 tra l’Organismo pagatore Agea e i Centri di Assistenza Agricola”.
La Convenzione, già pesantemente criticata da tutti, è andata avanti, come del resto fa l'Agea, che non sente nessuno, in regime dittatoriale, che non risponde a nessuno, ma va avanti, come un treno sparato in una folle corsa.
La convenzione non piace, ma all'Agea non importa, e va avanti, al pari di quei due aerei fantasma ... di cui non si sa chi li ha acquistati, il perchè  e dove siano finiti.
Ma torniamo alla Convenzione: non piace, ma l'Agea va avanti, ed eccola qui: https://bit.ly/3pVUO1m
Trentaquattro pagine dove troviamo molte incongruenze dove troviamo cose che non ci piacciono, fra cui una sorta di obbligo "dittatoriale", all'art. 4, e precisamente al punto 3 e 4, che riporto in copia/incolla:

3. Entro il 31 marzo 2021 almeno il 50 per cento degli operatori titolari abilitati ad accedere ed operare nei sistemi informativi dell’Organismo pagatore devono essere lavoratori dipendenti del CAA o delle società con esso convenzionate. A far data dal 30 settembre 2021 tutti gli operatori titolari abilitati ad accedere ed operare nei sistemi informativi dell’Organismo pagatore devono essere lavoratori dipendenti del CAA o delle società con esso convenzionate.
4. La mancata ottemperanza agli obblighi assunti con scadenza 31 marzo 2021 di cui al comma 3 comporta la riduzione del 20 per cento dei compensi spettanti al CAA per l’anno 2021. La mancata ottemperanza agli obblighi assunti con scadenza 30 settembre 2021 di cui al comma 3 comporta la disabilitazione delle credenziali di accesso al SIAN degli operatori interessati dalla medesima decorrenza.

... continua ...