lunedì 31 agosto 2015

WAAforEXPO - CONAF - "Protagonisti ad Expo"

Ricevo dal Conaf e pubblico.

WAAforEXPO - CONAF - "Protagonisti ad Expo", gli Agronomi onorati per parole ministro Martina. Sisti: «Insieme per sviluppare la Carta di Milano».

Ad Expo il padiglione La Fattoria Globale del futuro 2.0 dell’Associazione mondiale Agronomi
“Protagonisti ad Expo”, gli Agronomi onorati per parole ministro Martina. Sisti: «Insieme per sviluppare la Carta di Milano»
Il presidente Conaf ricorda l’impegno degli agronomi italiani ad Expo per la sfida sul futuro del cibo


“Gli Agronomi protagonisti all’Expo”: questo il titolo dell’articolo a firma del ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, sulla sua rubrica “Diario all’Expo”, sulle pagine de L’Unità , e pubblicato anche sul suo sito ufficiale. Martina ha parlato del ruolo degli Agronomi e della Fattoria Globale del futuro 2.0, il padiglione della World Association of Agronomists ad Expo 2015 Milano.

«Siamo onorati dalle parole e dall’attenzione del ministro Martina – commenta il presidente Conaf Andrea Sisti – che ha parlato del nostro impegno ad Expo e del ruolo di “veri artigiani del territorio” come ha definito i dottori agronomi e i dottori forestali. Il nostro lavoro ad Expo prosegue quotidianamente, abbiamo elaborato ulteriori idee per i progetti di sviluppo della Carta di Milano, il lascito più significativo di Expo 2015. La Carta infatti, dovrà essere supportata da progetti concreti, uno tar tutti è lo sviluppo del sito di EXPO: un grande Campus per la ricerca e l’innovazione sul cibo dove ricercatori professionisti e studenti dell’ultimo anno di ogni disciplina si confrontano per studiare problemi globali a cui vanno date risposte globali. Un’agenzia sotto l’egida dell’ONU che dia l’opportunità a tutti i Paesi aderenti all’esposizione e non di continuare l’esperienza dell’esposizione attraverso questa niova metodologia che parte dal basso, dal confronto e dalla condivisione. Su questo e su altri progetti vogliamo supportare l’esperienza EXPO contribuendo alle volontà di cambiamento che cercano risposte.
Inoltre – aggiunge Sisti - fra poche settimane (dal 14 al 18 settembre) gli Agronomi mondiali celebreranno il sesto congresso mondiale, che per la prima volta si tiene in Italia a cui parteciperà il ministro Martina, che ha definito il nostro congresso “un momento importante di condivisione di idee, di scambio di know how e di ricerca di soluzioni per nutrire il pianeta negli anni futuri, in perfetta sintonia con gli obiettivi di questa Esposizione milanese”. Sarà proprio così – prosegue il presidente Conaf – idee e know how che andranno a comporre il documento congressuale, la Carta mondiale dell’Agronomo, frutto del lavoro colleghi professionisti provenienti da tutto il mondo, di rappresentanti della ricerca scientifica e addetti ai lavori. Siamo fieri di poter dare il nostro contributo concreto al futuro della produzione di cibo, tema portante di Expo: il nostro documento vuole porre alcuni limiti etici alla ricerca agronomica, esplicitando degli indicatori, che andranno periodicamente rivisti, che limitino la pressione dell’uomo sull’ambiente e misurino il livello di benessere della Terra nel corso del tempo».

Il link per leggere l’articolo “Agronomi protagonisti all’Expo” di Maurizio Martina http://www.conaf.it/node/116590

Domani a Radio Anch'io - Migranti

Radio anch'io torna in onda. 
Con la questione che ha dominato l’estate, ed è destinata a accompagnarci forse per anni: l’emigrazione. Ogni giorno arrivano nuove notizie, di naufragi e sbarchi, di morti, di vertici, di promesse, ma noi – senza tacere ovviamente l’attualità, incluso l’omicidio di Palagonia – vorremmo partire dal quadro generale e riassumere quello che è accaduto nelle ultime settimane. Le crisi e le guerre extraeuropee e i movimenti di massa, di rifugiati e migranti economici. Ci collegheremo con tutti i punti caldi, Ungheria, Serbia, Grecia, centri profughi qui in Italia. E proveremo a fare ordine tra le tante domande e preoccupazioni che attanagliano ciascuno di noi. Come sempre con l’aiuto di voi ascoltatori.

L'insostenibile arroganza dell'Enel, 4°

Ricevo ancora una email, da altro agricoltore, e pubblico.

Volevo portare alla sua attenzione che dal 10 giugno la mia azienda agricola  è sfornita di energia elettrica  con 2 ha di agrumeto da irrigare  ed una casa di campagna, ciò è dovuto per il furto dei cavi elettrici fuori della mia proprietà ed ancora ad oggi non si è visto nessuno dell Enel, nonostante 2 R.A.R.
Per sopperire a ciò ho dovuto acquistare un gruppo elettrogeno sostenendo maggiori costi inoltre la casa è fornita di pannelli fotovoltaici da 6 kw che non stanno più producendo energia ma la cosa ancora piu assurda che ho ricevuto la fattura del bimestre giugno/luglio da pagare, e non è riferita  alla sola quota fissa ma anche al consumo, ma se non c'erano i cavi cosa ho consumato?
Vi sembra una situazione da stato civile , moderno ed europeo?
Secondo lei posso chiedere un risarcimento o il gioco non vale la candela?

Risposta: secondo me può chiedere certamente di non pagare, ma dovrà rivolgersi ad un legale. A nulla, infatti, vale rivolgersi ad uno dei tanti sportelli Enel.si; una o più richieste via fax ... lasciano il tempo che trovano ... a meno che ... inizi la battaglia fax con centinaia e centinaia di fax, se non migliaia ...

Rimane il fatto che l'ENEL fa ciò che vuole, fattura ciò che vuole, e non si riesce a contrastare questo andazzo, assai deleterio!

Vendita dei terreni del demanio

Il Demanio ha realizzato una piattaforma web per la vendita dei propri immobili, terreni compresi; questo l'indirizzo internet:
Da Siciliaagricoltura.it:
L’Agenzia del Demanio ha pubblicato i bandi di gara per la vendita di terreni agricoli o a vocazione agricola di proprietà dello Stato in Campania, Sicilia e Marche, come previsto dal decreto TERREVIVE; 19 i lotti in vendita in Sicilia, per i quali le offerte dovranno essere presentate entro le ore 16.00 del 5 ottobre 2015.
Per tutti i bandi l’offerta dovrà avere un valore pari o in aumento rispetto al prezzo base di vendita. Per gli avvisi d’asta telematici di Campania e Sicilia le Commissioni di gara appositamente costituite procederanno ad aprile ed esaminare in via telematica i plichi digitali e tutti i soggetti connessi al portale potranno visualizzare in tempo reale i video con l’esito delle aggiudicazioni provvisorie. Mentre per il lotto delle Marche il Presidente della Commissione aprirà i plichi, esaminerà la documentazione e comunicherà l’esito della gara.

Ogni lotto verrà aggiudicato all’offerta più alta rispetto al prezzo base d’asta tenendo conto che i giovani imprenditori agricoli avranno il diritto di prelazione per i terreni liberi.

Tutti i dettagli sul bando possono essere consultati direttamente sul sito www.agenziademanio.it nella sezione dedicata al progetto TERREVIVE.

domenica 30 agosto 2015

La catena del freddo e del fresco

Durante la distribuzione dei prodotti da banco frigo e da banco surgelati nei punti vendita di tutti i supermercati molte volte troviamo prodotti già "andati a male", e ce ne accorgiamo non appena li sconfezioniamo a casa.
Spesso ciò accade con i latticini, con le mozzarelle, con gli yogurt, ma quello che avviene con i prodotti surgelati non lo sappiamo ...
Infatti dopo la produzione vera e propria di tutti i prodotti che vanno nella catena del freddo o del fresco a volte la "catena" viene interrotta proprio nei punti vendita dai dipendenti, che lasciano per molto tempo i prodotti nei corridoi dei supermercati durante la loro sistemazione.
E questo lo vediamo spesso, troppo spesso ...

L'estate continua

Domani è l'ultimo giorno di agosto, e settembre dovrebbe portarci in autunno.
Invece in Sicilia, come ogni anno, l'estate continua.
Il metogramma parla chiaro: niente piogge, almeno fino a venerdì prossimo, e temperature elevate.
I turisti saranno contenti, gli agricoltori per niente ... l'Enel ... gongola ... 



meteogramma su Catania



meteogramma su Palermo

sabato 29 agosto 2015

I crudisti

Dopo i vegetariani ed i vegani, oggi è il turno dei "crudisti", cioè di coloro i quali si alimentano solo con prodotti "crudi", non lavorati, e preferibilmente ottenuti da agricoltura biologica.
Ecco cosa Wikipedia riporta (in "copia/incolla") alla voce "crudismo" https://it.wikipedia.org/wiki/Crudismo:
Il crudismo è una dieta alimentare che prevede il consumo unicamente, o in larga parte, di alimenti crudi, non lavorati e spesso provenienti da agricoltura biologica. A seconda del tipo di stile di vita e dei risultati desiderati, la dieta crudista può includere una selezione di frutta cruda, verdura, noci, semi ed altri elementi nutrizionali, inclusi quelli di origine animale.
E sui "crudisti", però, si apre uno scenario nuovo ... perchè ci sono
Sempre su wikipedia è ben spiegata la storia dei crudisti

E ... penso che ... onnivori, vegetariani, vegani, crudisti ,,, può bastare questa carrellata fatta in questi giorni.
Ognuno sceglie l'alimentazione che più gli piace, a cui più si sente portato, e soprattutto quella che lo fa stare meglio anche con la mente.

Citrus app, 3°

Altra applicazione gratuita dedicata agli agrumi è
Citrus Diseases Key
scaricabile, per android, da qui:
In questa app si trovano descritte quasi tutte le fitopatie degli agrumi, con un ricco reportage di fotografie.
La versione per IOS è a questo indirizzo:

venerdì 28 agosto 2015

I vegani

Ieri ho riportato la definizione di vegetariano; oggi quella dei vegani.
Su Wikipedia (in rigoroso "copia/incolla) alla voce "veganismo" viene riportato:
Il veganismo è un movimento filosofico basato su uno stile di vita fondato sul rifiuto – nei limiti del possibile e praticabile – di ogni forma di sfruttamento degli animali (per alimentazione, abbigliamento, spettacolo e ogni altro scopo).
Il termine è un'italianizzazione della lingua inglese veganism, derivante da vegan, neologismo ideato nel 1944 da Donald Watson.
Il termine indica una filosofia di vita basata sul rifiuto di ogni forma di sfruttamento degli animali (per alimentazione, abbigliamento, spettacolo e ogni altro scopo).La sola pratica alimentare di una dieta a base vegetale con l'esclusione di tutti i cibi di origine animale, separata dall'aspetto etico, è definita vegetalismo. Il vegetalismo può avere all’origine motivazioni etiche (se tale pratica alimentare viene adottata all’interno del veganismo), ma può anche essere dettata da ragioni di altra natura (quando tale pratica alimentare fa parte di una più ampia concezione di vita salutistica, ecologistica o religiosa). Il vegetalismo, oltre alla dieta vegana classica, comunemente adottata nel veganismo, comprende anche altre diete più restrittive che non implicano l’uso di ingredienti di origine animale, come la crudista vegana, la fruttariana o la dieta senza muco. Colui che adotta il veganismo come filosofia di vita viene definito vegano (o, con prestito dalla lingua inglese, vegan) mentre il termine vegetaliano indica strettamente un soggetto che segue un regime alimentare vegetariano, per lo più nella forma di una dieta vegana classica.

Sulla Treccani, inoltre, questa è la definizione che viene data del veganismo:
Concezione dietetica che rappresenta la forma più radicale del vegetarianismo, escludendo dall’alimentazione umana qualsiasi alimento di provenienza animale (e quindi anche latte e derivati, uova, miele) e consentendo solo l’uso di alimenti vegetali. In un’alimentazione rigorosamente vegetalista sussistono rischi nutrizionali (carenza di ferro e di calcio, di amminoacidi essenziali, di vitamina B12), prevenibili solo con precisi accorgimenti dietetici. Ai vegani appartiene il ristretto novero dei crudisti (consumatori di alimenti vegetali non cotti) e dei fruttisti (che si alimentano di soli frutti e semi), regimi alimentari ritenuti assolutamente inadeguati da nutrizionisti e medici.

Citrus app, 2°

Oggi segnalo un'altra applicazione per agrumi per smartphone:
Citrus ID
E' un'altra applicazione americana, ma questa volta è una sorta di database delle varietà di agrumi.
Anche questa applicazione è disponibile per il sistema IOS:

giovedì 27 agosto 2015

I vegetariani

Premesso che ognuno è libero di fare le scelte alimentari che preferisce, e nelle quali crede, riporto (in "copia/incolla") una serie di notazioni sui vegetariani; e ciò perchè "a morire" qualche giorno fa un vegetariano doveva convincermi a diventarlo.
E con tutto il rispetto delle ideologie personali ... una cosa è ragionare sui fatti, l'altra è obbligare l'interlocutore ad assimilarsi ai propri convincimenti, passioni, metodi e usanze.

Premesso ciò ... ecco cosa riporta Wikipedia alla voce "Vegetarianismo" (https://it.wikipedia.org/wiki/Vegetarianismo):
Il vegetarianismo (da vegetariano, adattamento dell'inglese vegetarian[1][2][3]), o vegetarismo, nell'ambito della nutrizione umana, designa un insieme di diverse pratiche alimentari accomunate dalla rigorosa esclusione delle carni di qualsiasi animale[4][5].

Nel vegetarianismo si distinguono il latto-ovo-vegetarianismo, il latto-vegetarianismo, l'ovo-vegetarianismo, il vegetalismo o veganismo dietetico, il crudismo vegano e il fruttarismo. Coloro che seguono queste pratiche alimentari sono classificati comunemente come vegetariani[5][6]. Però è opportuno segnalare che vegetariano e vegano non sono sinonimi. Colui che è vegano implica che esso è vegetariano, poiché applica una specifica dieta vegetariana, invece un vegetariano non è necessariamente un vegano.

E per chi volesse saperne di più, esiste anche un sito, fra i tanti, che parla espressamente dei vegetariani, quello della Associazione Vegetariana Italiana: http://www.vegetariani.it/

L'insostenibile arroganza dell'Enel, 3°

Ricevo da altro agricoltore e pubblico.

Preg. dott. Vigo,
ho letto i due articoli precedenti e io sono in condizioni ancora peggiori. mi spiego.
Tre anni fa un incendio bruciò il contatore dell'enel e vennero a cambiarlo.
Due anni fa mi mandarono una bolletta di 27 mila euro e siccome non pagai mi staccarono la fornitura.
I miei consumi annui sono di cinque seimila euro, ma come hanno potuto mandarmi una bolletta di 27 mila euro?
Sono stato alla sede centrale a dimostrare i consumi passati e far vedere le pompe che utilizzo. Niente da fare. Ho dovuto acquistare un gruppo elettrogeno per irrigare e nel frattempo ho fatto causa perchè questi signori mi hanno fatto un decreto ingiuntivo per una cifra che non gli debbo.
La prego di pubblicare questa mia lettera perchè come si ci difende da queste cose?
N.T.

Citrus app

Oggi segnalo una applicazione per gli smartphone, dedicata agli agrumi.
Citrus Pest key
E' una applicazione americana, che descrive oltre 300 insetti che interessano la coltivazione degli agrumi.
Nella applicazione sono presenti molte fotografie e anche una breve descrizione del ciclo riproduttivo, oltre che dei danni che provocano.
Esiste anche per il sistema IOS

martedì 25 agosto 2015

L'insostenibile arroganza dell'Enel, 2°

L'email pubblicata ieri mi ha dato lo spunto per raccontare cosa mi è successo venerdì scorso.
Mi arriva venerdì pomeriggio scorso un SMS da Enel Energia, nel quale c'è scritto che stanno provvedendo alla risoluzione del contratto di fornitura di energia elettrica in campagna.
Mi collego sabato mattina al sito internet e trovo una lettera in pdf mandata per R.A.R. in campagna!!!
Nella lettera c'è scritto che sono moroso di  €111,08 e di € 19,24, per due bollette, la prima di gennaio scorso e che ho pagato nella tempistica indicata, la seconda di cui non so nulla.
Così alle 05.00 telefono al call center, che non sa darmi spiegazioni della bolletta di € 19,24 ... insomma stiamo al telefono fino alle 05.40 ... poi recupero il bonifico col quale avevo pagato la bolletta di € 111,08, preparo una lettera di diffida, pago i 19,24 euro, specificando che li pago solo per non avere il distacco della fornitura, ma che non so di cosa si tratta, e ... inizia la battaglia fax ... 500 fax tanto per iniziare ...
E ... siccome sino ad oggi non ho nessuna notizia ... ecco che gli sparerò altri 500 fax ...

Europa dove sei che non ti vedo!

Ancora su gallerie al buio

Ieri mattina percorrendo una delle gallerie dell'autostrada Catania - Siracusa, ormai al buio da quasi due anni, mi sono accorto che all'interno della galleria c'era più buio che fuori ... e all'uscita ... il gran carro mi attendeva ... visibilissimo nonostante i fari ...
Chissà quando si potrà ritornare alla normalità ... anni ed anni ...

lunedì 24 agosto 2015

L'insostenibile arroganza dell'Enel

Ricevo dal signor Xxxxx Yyyyy e pubblico, una email nella quale evidenzia dei disservizi Enel nel proprio agrumeto.
L'email è molto lunga, quindi domani pubblicherò anche ciò che mi è capitato venerdì scorso a me stesso.

caro dott.vigo le vorrei raccontare l'inferno che sto passando in questi giorni di agosto mentre gran parte dell'italia si rilassa al mare e in vacanza.
sono un agricoltore e ho svariati contratti con l'enel per l'irrigazione dei miei agrumeti, poco dopo ferragosto ho scoperto di essere stato accusato dall'enel di furto di energia elettrica per prelievi irregolari in un mio agrumeto.
in questo agrumeto ho un contratto di 10 kw e un motore elettrico di 6 cv per il prelievo di acqua da un pozzo freatico e l'irrigazione di circa 3 ha.
ad aprile 2014 ho stipulato un nuovo contratto con l'enel in quanto il vecchio era cessato per morosità a gennaio 2015, perciò ho pagato la morosità e mi è stata riallacciata l'utenza. i primi di maggio sono stato chiamato al cellulare alle 14 da un operaio enel per riallacciare l'energia in campagna, non abitando vicino all'agrumeto,ma a circa 60 km di distanza ho chiesto se potevo mandare un operaio mi è stato risposto di si.
una volta che l'operaio si è recato in campagna gli operai dell'enel gli hanno detto che dovevano cambiare il contatore perchè era guasto....poi ho scoperto che non era guasto ma distrutto da vandali...infatti poco dopo ferragosto collegandomi al mio account enel su internet x controllare l'emissione della bolletta di fine agosto ho scoperto, con stupore e terrore, che vi era una bolletta di circa 9000 euro oltretutto già scaduta ma da me mai ricevuta...ho chiamato subito il call center dove mi hanno detto di andare ad un punto enel.
l'indomani mi sono recato al punto enel e ho scoperto che mi era stata anche inviata una raccomandata dove mi si accusava di aver manomesso il contatore e dove vi era ricostruito un fantasioso presunto consumo da agosto 2014 a maggio 2015 appunto per l'ammontare di 9000 euro.
ebbene ho questo contratto per questa utenza da più di 10 anni e i consumi sono stati sempre costanti dai 1000 ai 2000 euro massimo a seconda dei mesi di irrigazione e dei rincari enel...
inoltre l'utenza nel 2014 era staccata per morosità e riallacciata ad agosto dopo il pagamento del dovuto e poi ristaccata a gennaio 2015 per cui come avrei potuto prelevare energia irregolarmente e poi per farne cosa???? per irrigare in inverno quando pioveva e quando non c'era bisogno?????
e dal fantasioso grafico dei consumi presunti enel si evidenzia che nel periodo da agosto a novembre 2014 ci sono dei consumi in linea con quelli degli anni precedenti!!!
e i consumi poi sono ripesi a maggio 2015 con il riallaccio dell'utenza.
ora rischio che mi venga sospesa la fornitura anche se in regola con i pagamenti delle regolari bollette ma non della fantasiosa bolletta di 9000 euro e mi dovrò probabilmente difendere da una accusa penale per furto di energia elettrica mai commesso...
mi chiedo ma gli operai quando sono venuti a cambiare il contatore non avrebbero dovuto pretendere la mia presenza per contestarmi la manomissione del contatore in modo che mi sarei potuto difendere a tempo debito e mi chiedo ancora perché in italia pagano sempre le persone perbene e i veri ladri si arricchiscono e sono tranquilli????

Le "lape"

La moto ape della Piaggio è nata nel 1948 ... ed ancora, con modifiche sostanziali, è in produzione.
Ne abbiamo visto, da bambini, l'evoluzione dei modelli, ma oggi ne vediamo la trasformazione nei mezzi più disparati.
In pochi, però, sanno da quando mi è venuta questa "fissazione" delle "lape": ero poco più che dodicenne, ed ero con mio papà in macchina a Trecastagni. Davanti a noi una "lapa" carica "a tappo" di legna, e nella salita di S'Alfio ... impenna ... e ribalta, facendo cadere tutta la legna. Mio padre mi spiegò che le #lape andavano caricate con attenzione e con coscienza, mettendo quanto più peso possibile fra l'asse delle ruote posteriori ed il vano cabina.
Ecco che da allora ... guardo le "lape" con attenzione.
Così ho anche messo on-line un album su Facebook, denominato "l'esercito delle lape":

Ebbene ... ricevo "contributi" da tutti ... via mail, via whatsapp, via messenger ... e l'album ... cresce!

domenica 23 agosto 2015

Novità fiscali in agricoltura?

L'altro ieri su Il Sole 24 Ore è stato pubblicato un articolo "Martina: il Governo lavora alla cancellazione dell’Irap agricola" (clicca qui).
Secondo quanto dichiarato dal Ministro Maurizio Martina il Governa sta lavorando ad una revisione delle tassazioni in agricoltura:
  • alla cancellazione dell'IRAP
  • abolizione dell'IMU agricola
  • rimodulazione dell'IVA agricola
Quando vengono "sparate" queste notizie fiscali non si sa mai bene se accoglierle con entusiasmo o cominciare a spaventarsi.

Sicuramente l'IMU è una di quelle tasse non solo ingiuste, ma talmente elevata che è insostenibile, e proprio perchè gli agricoltori non riescono a pagarla ... il Governo avrà pensato che introdurla è stata un autogol ... con milioni di contenziosi aperti, e mancanza degli incassi preventivati.

Anche l'IRAP ha pesato annualmente talmente tanto da deprimere gni investimento aziendale, anche il minimo ....

Per quanto riguarda l'IVA agricola ... ahimè ... vero è che si fattura con un importo ridotto (il 4%), ma quanti agricoltori vendono le proprie produzioni "più IVA"?
Quindi andare a toccare (in alto) questa imposta che altro non è che una effettiva riduzione del prezzo netto di vendita delle produzioni sarà un altro autogol, come quello dell'IMU.

Staremo a vedere ...

I biscotti con la "liffia"

Se fate una ricerca su internet inserendo la parola "biscotti con la liffia", tutti i motori di ricerca vi descrivono un biscotto tipico siciliano.
Il biscotto con la "liffia" altro non è che un biscotto secco con la parte superiore ricoperta da uno strato di "glassa" al cioccolato, al latte, fondente o bianco, messo in forno.
La glassa non è morbida, ma fa quasi parte integrante del biscotto.
Alcuni identificano il biscotto con la "liffia" negli "sciatori", biscotti tipici di Zafferana Etnea, ma non sono gli stessi biscotti.
Infatti gli "sciatori" sono del tutto avvolti dalla glassa di cioccolata e quest'ultima è anche un pò morbida.
Ad Acireale i più buoni biscotti con la "liffia" si trovano alla Pasticceria Trovato, di via Galatea, che da sempre li fa spettacolari.
E mi ricordo che quando ero bambino andavamo ad acquistarli lì.

Ultima notazione: a volte, in siciliano, si usa il termine"con la liffia" riferito ad una persona, intendendo che quella persona è una persona "dolce", ma di poche parole, ma al contempo "ricercata".

sabato 22 agosto 2015

Alternative al diserbo sui vigneti

Segnalo oggi un interessante articolo di Maurizio Boselli pubblicato sul sito internet dei Georgofili su IL DISERBO CHIMICO DEI VIGNETI: LA RICERCA DI TECNICHE ALTERNATIVE
All’inizio degli anni ’60 la comparsa degli erbicidi chimici ha rivoluzionato la gestione del suolo dei vigneti per la semplicità d’impiego, l’efficacia e i costi contenuti.

Sulle luci autostradali

Le lamentele sulle gallerie senza alcuna illuminazione della autostrada Catania - Siracusa continuano.
L'ANAS nel proprio sito internet ha pubblicato:
A - CATANIA - SIRACUSA: dal Km 0,000 al Km 25,142
LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA A SEGUITO DI FURTO CAVI DI ALIMENTAZIONE PER IL RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI A SERVIZIO DELLA SICUREZZA DELLE GALLERIE DELL°AUTOSTRADA CATANIA - SIRACUSA

Tipologia di lavoro: Lavori di manutenzione straordinaria.
Importi (Euro)
Importo lavori principali: 693.723,54
Importo totale: 738.323,54

Stato dei lavori
Consegna all'impresa: 13/07/2015
Avanzamento lavori: 0,00%
Ultimazione prevista: 06/07/2016
Impresa esecutrice - F.LLI GINTOLI COSTRUZ.ED INFRASTR.

Da notare 0,00% su avanzamento lavori ... e fine lavori al 6 luglio dell'anno prossimo ....
Forse facciamo prima a chiamare Archimede e ... montare degli specchi che convoglino all'interno delle gallerie la luce del sole ...

venerdì 21 agosto 2015

Il mais e ... le etichette ...

Estate, tempo di insalate e insalatone. Insieme a lattuga, lattughina, pomodoro, cipolla, tonno ecc, troviamo spesso il mais (che a me nelle insalate piace molto).
Quando andate a comprare le classiche confezioni in scatola, che trovate ovunque e in confezioni di diverso peso, controllate sempre la provenienza.
Come per la frutta (cilena, argentina, sudafricana, ecc) ecco che il mais che acquistiamo non è quello italiano, ma francese greco (sì! greco), ed anche polacco.
Ancora non ne ho visto cinese, indiano e/o sudamericano ... 
Controllate sempre durante gli acquisti al supermercato la provenienza dei prodotti!

La birra artigianale

A fianco della birra "classica", ovvero quella prodotta dalle grandi aziende, e che si trova in decine e decine di "varianti", ecco che da un pò di tempo si fa avanti un prodotto di nicchia, sempre più apprezzato, soprattutto dai giovani: è la birra artigianale, con sapori più marcati e particolari rispetto a quelli "classici", o comunque già ben conosciuti ed apprezzati dai consumatori.
In Sicilia esistono già ben 47 piccoli birrifici artigianali, sparsi in tutto il territorio, di cui 10 hanno sospeso la produzione. E la tendenza è al rialzo del consumo di queste birre.
Esiste un sito internet che raggruppa tutti i microbirrifici
http://www.microbirrifici.org/default.aspx
all'interno del quale potete trovare l'elenco di tutti i produttori siciliani

giovedì 20 agosto 2015

Danni da fauna selvatica

La vicenda dei "conigli/gatti" o "gatti/conigli" ha riaperto una ferita larghissima, proprio quella dei danni che gli agricoltori subiscono dalla fauna selvatica.
Quando poi gli agricoltori si trovano ad operare all'interno di Parchi e/o riserve, ecco che le problematiche aumentano.
E dopo aver descritto l'altro ieri che il Parco dell'Etna un tempo risarciva gli agricoltori per i danni alle produzioni, e che oggi, per ristrettezze finanziarie, non riesce più a farlo, mi è arrivata una email che pubblico.

Buongiorno Dottor Vigo,
conduco un' azienda agricola biologica a Randazzo, suddivisa in ha 1.70 di vigneto, ha 1.30 di uliveto e ha 3.60 di bosco ceduo.
Nel 2009 ho subito un danno nel vigneto così richiesi all'ente parco dell'Etna l'indennizzo per danno causato al frutto pendente da fauna.
Inoltro l'istanza, pago il bollettino da € 30, viene un ispettore a fare un sopralluogo e il procedimento prosegue.
Finalmente, dopo un anno, nel 2010 mi arriva un assegno dall'ente parco di € 4,85.
Consideri che la spedizione di questo assegno al Parco è costata € 5.00.
Come può notare nella risposta del Parco il danno è stato stimato in kg 0,02= (a che valore corrisponde?) sul 25% di viti espressamente conteggiate dal tecnico in 5000 esemplari.


Inoltre la documentazione del tecnico è a mia disposizione previo pagamento di 15 centesimi per le fotocopie che dovrei pagare tramite ccp.

Il danno reale relativo al 2009 è di circa 25 quintali di uva mangiata dalla fauna selvatica che come ben sa qui all'interno del Parco è protetta e non può essere cacciata.
Inoltre sono stata fortunata perché la mia azienda è in biologico , altrimenti l'indennizzo sarebbe stato di € 3,50.
Sconsiglio vivamente di finanziare questi falsi contributi creati per far perdere tempo e denaro a chi lavora tanto e onestamente. 
Le allego documentazione comprovante ciò di cui ho descritto.
La ringrazio e buon lavoro.

Novità su Agenzia delle Entrate

La sesta sezione Civile Tributaria della Corte di Cassazione ha emesso il 27 luglio scorso l'Ordinanza n. 15807, con la quale, accogliendo un ricorso da parte della Agenzia delle Entrate, ha chiarito che il Fisco, senza motivare le necessità, può effettuare indagini sui conti correnti bancari.
Qui sotto l'Ordinanza completa.

mercoledì 19 agosto 2015

Dopo i cinghiali ... i conigli/gatti, 4°

L'altro ieri pomeriggio ho sentito telefonicamente Alessandro Chiarelli, Presidente regionale della Coldiretti, ed ecco come sono andate le cose ... 
Lui mi riferisce che si trovava ad Ustica ed un signore amico suo che aveva un agriturismo si lamentava fortemente dei danni causati dai conigli.
Così, verso mezzanotte, si sono diretti nei campi ... e lì Alessandro Chiarelli ha trovato tantissimi conigli che "non avevano nemmeno paura" dell'uomo.

Questi conigli saltavano le reti, a detta degli agricoltori, ma reti alte poco più di un metro.
E queste sono state le parole che ha riferito all'intervistatore del quotidiano "i conigli saltavano le reti di oltre un metro di altezza, tanto che sembravano dei gatti".

Quindi non corrisponde al vero che lui abbia riferito che i conigli si accoppiavano con i gatti.

Certamente la distorsione giornalistica non ha fornito ai lettori la giusta informazione, con una notizia irreale e inimmaginabile.
Rimane il fatto che ... la fauna selvatica provoca, come detto ieri, danni ingenti sia alle produzioni che alle strutture.

Oggi, infine, sul quotidiano che ha diffuso la notizia ... dovrebbe comparire un articolo/intervista a rettifica di quanto riportato qualche giorno fa.

E con questo archiviamo questa notizia che ha scatenato un putiferio sui social network, sui blog ed è rimbalzata su tutte le testate giornalistiche on line ...

martedì 18 agosto 2015

Novità dalla Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate ha diramato la circolare 29/E del 7 agosto su Intrasmissibilità delle sanzioni agli eredi in caso di pagamento rateale delle somme dovute in base agli istituti definitori dell’accertamento e deflattivi del contenzioso
La allego qui sotto, insieme al comunicato stampa.



I prezzi dei carburanti

Quante volte lo abbiamo detto e scritto che i carburanti potrebbero costare pochissimo.
Invece no! Fra accise ed IVA (tassa sulla tassa) costano ancora troppo, soprattutto se i dati si raffrontano con il costo del petrolio che attualmente è a 42$/barile.
Questi i dati diffusi dal Ministero per lo Sviluppo Economico:



 
PrezzoAccisaIVANettoVariazione
Carburanti (1000 litri)
   Benzina Senza Piombo1.563,33728,40281,91553,02-10,86
   Gasolio Autotrazione1.395,66617,40251,68526,58-6,51
   GPL Auto597,69147,27107,78342,640,58

Dopo i cinghiali ... i conigli/gatti, 3°

Ieri pomeriggio, come ho scritto ieri, ho realizzato una "intervista" ad Alessandro Chiarelli, Presidente regionale di Coldiretti.
Ma prima di pubblicare il contenuto della intervista devo esprimere la mia solidarietà a tutti gli agricoltori, situati in riserve naturali o meno, riguardo ai danni che subiscono dalla fauna selvatica, sia dai conigli, che dalle volpi, che dagli uccelli, così come da qualsiasi altro animale ... e spesso anche da mandrie introitate nei fondi agricoli a fare pascolo abusivo.

E fra gli agricoltori danneggiati ci sono quelli che ricadono all'interno dei Parchi, come quelli che ricadono all'interno del Parco dell'Etna.
"L’Ente Parco ha applicazione a quanto disposto dalla normativa vigente e in particolare dalla l.r. n° 33 del 01.09.97 e successive modifiche ed integrazioni, dal decreto del Presidente della Regione Sicilia del 07.07.2000, e dalla l.r. n° 14 del 09.08.1988 in materia di prevenzione dei danni determinati dalla fauna selvatica e degli indennizzi".

Il regolamento del Parco dell'Etna prevede indennizzi agli agricoltori per:
  • danni determinati dal coniglio selvatico alle piante da frutto, alle piante forestali utilizzate nei rimboschimenti e alle barbatelle di vite utilizzate per il recupero delle fallanze in vigneti preesistenti
  • danni determinati dal coniglio selvatico ai vigneti e ai fragoleti
  • danni determinati dalla volpe al patrimonio zootecnico

Qui il Regolamento per la concessione di contributi per la prevenzione e di indennizzi per i danni causati dalla fauna selvatica nel territorio del Parco dell’Etna:

A causa della crisi finanziaria generale di tutti gli enti, però, ecco che per il 2014 il Parco dell'Etna ha diramato questo avviso per il 2014:
A V V I S O  P U B B L I C O
Indennizzi per i danni causati nell’anno 2014 dalla fauna selvatica
Si porta a conoscenza della operosa collettività’ degli agricoltori etnei che, a causa delle ben note ristrettezze di finanza pubblica, per il corrente esercizio finanziario non possono essere assicurati i pagamenti relativi agli indennizzi per danni causati dalla fauna selvatica nel territorio del parco dell’etna; gli agricoltori che volessero comunque presentare istanza possono sempre effettuarlo secondo le modalita’ gia’ conosciute omettendo di allegare il versamento di € 30,00= per spese istruttorie.

Ma a dicembre 2014 lo stesso Parco ha diramato questo avviso:
Si porta a conoscenza della operosa collettività degli agricoltori etnei che il Consiglio del Parco ha approvato l’assestamento di bilancio per l’esercizio finanziario dell’anno 2014, provvedendo ad assegnare la somma di € 40.000,00= al capitolo di bilancio “Indennizzi danni causati dalla fauna selvatica” nel territorio del Parco. Gli agricoltori che nel corso dell’anno 2014 hanno presentato domanda di indennizzo senza provvedere al pagamento del contributo per spese istruttorie, pari a € 30,00=, devono adesso perfezionare la richiesta provvedendo al pagamento. Si invitano pertanto gli agricoltori a provvedere in tempi brevi a presentare ai competenti uffici la ricevuta dell’avvenuto pagamento. Si precisa che il mancato pagamento delle spese istruttorie comporta l’impossibilità di procedere al pagamento dell’indennizzo, come previsto dall’art. 8 del vigente regolamento. In allegato, l'avviso pubblico.

Quindi risorse finanziarie davvero esigue per danni, invece, ingenti.

Per quest'anno, invece, questo è l'avviso diramato dal Parco dell'Etna:
In esecuzione della delibera n° 19 del 28 novembre 2014, pubblicata in data 09 aprile 2015, si porta a conoscenza che a causa delle forti ristrettezze finanziarie il Consiglio del Parco ha individuato fra i propri obiettivi prioritari “un diverso approccio con gli interventi a sostegno dell’agricoltura, facendo venir meno la concessione di indennizzi, ormai, per evidenti ragioni di bilancio, estremamente ridotti, puntando invece a convogliare risorse sulla creazione del Marchio che possa contraddistinguere i prodotti agricoli in area Parco, e sulla individuazione e concretizzazione di forme di aiuto all’agricoltura che possano avere una natura strutturale, utilizzando le risorse regionali, statali e comunitarie”.

Quindi ... zero risarcimenti ...

Ecco che appare prioritario cercare di reperire le risorse finanziarie per risarcire tutti quegli agricoltori che si ritrovano, loro malgrado, all'interno dei parchi e delle riserve, e che subiscono danni consistenti non solo alle produzioni, ma anche alle strutture.

Il pericolo maggiore è quello che gli agricoltori che ricadono in queste aree prima o poi dismettano la loro attività, continuamente danneggiata, e facciano venir meno la tutela esercitata dai Parchi, svuotando intere aree dalla attività agricola stessa.
Da ciò ne scaturirebbe il mancato controllo del territorio, la mancata regimazione delle acque, l'abbandono del territorio stesso, con incendi ecc.

Insomma la tutela dei Parchi, all'interno dei quali esistono attività agricole, va esercitata con diligenza, ma con rispetto verso chi, ancor oggi, coltiva quelle aree e ne mantiene inalterato l'ambiente nel rispetto della biodiversità, delle tradizioni, ma anche del reddito personale.

E se la fauna danneggia le strutture o i raccolti, considerando che non si può intervenire altrimenti, va effettuato un giusto risarcimento, così come, ad esempio, il Parco dell'Etna ha effettuato fino all'anno scorso.

Domani l'intervista ad Alessandro Chiarelli....

lunedì 17 agosto 2015

Dopo i cinghiali ... i conigli/gatti, 2°

Ho appena concluso una intervista telefonica ad Alessandro Chiarelli, Presidente Regionale della Coldiretti, sulla vicenda "conigli che si accoppiano con i gatti".
Domani mattina qui ... un post apposito.

A domani!

Dopo i cinghiali ... i conigli/gatti


Dopo l'allarme cinghiali ecco che su un quotidiano arriva l'allarme conigli. ma non un allarme "così" ... "da due lire" ... un allarme serio ... "conigli voraci che in molti casi si sono accoppiati con i gatti e sono diventati ancora più aggressivi".

Ieri mattina su Facebook il dott. for. Giovanni Giardina pubblica l'estratto dell'articolo, che riporto più giù ... e si è scatenato il putiferio (più giù riporto in "copia/incolla tutti i commenti)!

Personalmente ho interessato il mio amico veterinario dott. Valerio Cullò, il quale mi riferisce che un gatto potrebbe anche avere un "rapporto copulativo", ma non "riproduttivo".

In poche parole: può anche capitare che un gatto "assalti sessualmente" un coniglio e viceversa, ma non è possibile che questo rapporto puramente "copulativo" possa generare una riproduzione di esseri "misti".

Ieri, poi, il mio amico veterinario dott. Valerio Cullò ha anche scritto su Twitter all'autore dell'articolo, il quale ha risposto "era un virgolettato. Mio errore non avere controllato." 

Insomma, ciò che è stato riportato dal giornalista era una vera e propria sciocchezza (per dirla pulita).

Il guaio è che le persone ... leggono ... e poi ci credono ...



Mi riesce, infine, difficile credere che Alessandro Chiarelli abbia potuto riferire questa sciocchezza dei gatti ... fermo restando che il problema della fauna selvatica che funesta le campagne è evidente e molto dannoso.

Ma di ciò ... ne riparlerò domani mattina ...


Qui sotto (in rigoroso "copia/incolla) tutti i commenti sul post del dott. for. Giovanni Giardina

Il sito del PAI è on line

Quasi un mese di disservizio ... un periodo lunghissimo per "staccare" un servizio pubblico, che tutti i tecnici consultiamo.
Il problema dei condizionatori è stato risolto ... o si è atteso il calo delle temperature ... non si sa.
Da qualche giorno il portale del PAI (Piano per l’Assetto Idrogeologico) è di nuovo on line:

domenica 16 agosto 2015

L'isola di Mozia

Siamo in un periodo di vacanze, e quindi oggi "vi porto" a Mozia (TP), quella piccola isola che un tempo (XIV a.c.) fu una cittadina ... ma leggete la storia su Wikipedia:
Pubblico questa mattina una serie di fotografie che ho ripreso nell'aprile del 2014.

sabato 15 agosto 2015

Cinghiali - insoliti avvistamenti ...

Ci ricorderemo di questa estate 2015 per le temperature molto alte, per le piogge di giugno (con grandinate impressionanti) e le piogge di agosto, ma soprattutto per l'allarme cinghiali nella nostra regione, con un morto ed un ferito.
E ieri Ciccio Castiglia, da Lentini, mi ha mandato questa foto con questo testo:
Egregio Dott.,
nel terzo millennio ci si aspettava l'invasione degli alieni ed invece...... abbiamo l'invasione dei cinghiali.
Periferia di Lentini ingresso di via Ventimiglia
Buon ferragosto.

Evoluzione meteo

L'estate non è terminata, è solo stata interrotta per qualche giorno da una serie di perturbazioni.
Ancora per qualche giorno avremo una instabilità diffusa, e qualche pioggia. Poi ... l'estate riprenderà, e come sempre ci accompagnerà fino a settembre.
Le temperature altissime non dovrebbero più ripresentarsi.



Meteogramma su Catania



Meteogramma su Palermo