Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2010

Produzioni forzate

Ieri parlando con un collega sulle produzioni forzate, si è parlato del limone verdello, produzione che nasce dopo una fioritura forzata estiva del limone. Tempo fa scrissi di come si ottiene la produzione verdellifera, ed anche come nacque la stessa (leggi qui).
Ieri, però, ci siamo soffermati sulle modalità di ripresa vegetativa della forzatura, ovvero del fatto che allorquando si irriga la pianta di limone per farla rifiorire si effettuano concimazioni azotate, al fine di spingere ancor di più la pianta ad emettere nuovi germogli, sia a fiore che a foglie.
Quello che, però, il collega non sapeva è che per indurre ancor di più la pianta in uno stato di sofferenza, prima del periodo di “non irrigazione” si effettuano dei trattamenti con oli minerali, non solo per eliminare eventuali attacchi parassitari di cocciniglie, ecc., ma anche, e soprattutto, per forzare ancor di più lo stato di sofferenza delle piante.

Arance a “stabulazione fissa” 2°

Ieri ho ricevuto una email da G.T. che mi chiede di pubblicare, qualora lo avessi fatto, la foto integrale della “locandina” dove veniva riportato “l’ingrassamento” delle arance.
Certo che ho fatto la foto integrale; le faccio sempre, altrimenti arriva qualcuno e smentisce!
Eccola. E nella foto si legge anche la marca. Non l’ho cancellata, ma non per fare pubblicità. Ma solo per far vedere la foto integrale.

Perdite dannose

Questa è una delle tante gabbie che proteggono le saracinesche di sezionamento dei “comizi irrigui” del Consorzio 9 – Catania (ex Consorzio di Bonifica della Piana di Catania).
Ingrandendo la foto si vede bene come dallo sfiato fuoriesca dell’acqua.
Anche se la perdita è limitata, è continua, con la conseguenza che tutta la parte basale della gabbia è invasa dall’acqua, che si riversa nel terreno attorno.
Conseguenza? Il malcapitato agricoltore che ha questa gabbia nel proprio terreno, si vede costretto a pulire continuamente la zona attorno la vasca, a causa del proliferare di erbe infestanti e canne, ed inoltre tutta la zona in questione soffre per ristagni idrici. La foto a destra … è assai eloquente!
Un doppio danno, dunque, che non è relegato solo alla “gabbia comiziale” da me fotografata, ma è un fenomeno esteso a quasi tutta la rete irrigua!

Novità dall’Assessorato all’Agricoltura

La doppia avventura 2°

Venerdì scorso, UNICO giorno di ricevimento al pubblico dell’Ufficio Tecnico Comunale di Misterbianco, sono ritornato in quegli Uffici chiusi e sbarrati, per effettuare quelle verifiche che mi servivano per rispondere al mandato del Giudice.
Questa volta la porta era aperta. Faccio tre piani di scale, e mi trovo innanzi alla macchinetta che “elimina-code”; un computer dedicato all’operazione. Pigio il tasto relativo al Geometra con cui desidero parlare e fuoriesce un tagliando, su carta termica, che mi dice che sono il numero 049, e ci sarebbero 17 utenti in coda.
In realtà nella piccola saletta di attesa c’erano solo 5 persone, ma tutte dovevano parlare con altro Geometra … mi avvicino all’impiegata allo sportello e chiedo come mai sono il 49°, ma utenti in coda sono 17, ma non ce n’è nemmeno uno.
Lei non sa rispondere. A questo punto le racconto dell’accaduto di martedì. Lei alza le spalle e chiama un altro signore, che non è quello col quale volevo parlare. Gli racconta dell’accaduto,…

Arance “a stabulazione fissa”

Da un rivenditore di concimi e antiparassitari c’era una tabella che indicava i rimedi ed i prodotti da utilizzare contro patologie varie, o contro attacchi parassitari:
Ho scoperto che c’è anche “l’ingrassamento dei frutti”.
Eppure era una locandina scritta dalla “casa” … chissà cosa ne pensano i Professori di Patologia Vegetale, di Entomologia, di Agrumicoltura … potremo mandare i frutti “all’ingrasso”, magari a stabulazione fissa … se lo vengono a sapere all’Assessorato … chissà … fanno un bando apposito!

Il muro storto

Quello che si vede nella foto è una delle pareti divisorie dell’Ispettorato dell’Agricoltura di Catania.
Il muretto alla base, quello che sorregge il vetro, è storto nel punto indicato dalla freccia.
Non ci avevo mai fatto caso, ma qualche giorno fa mentre aspettavo di parlare con il Capo, dott. agr. Gaetano Aprile, l’occhio mi è andato giusto lì, e allora ho iniziato a guardarlo e a squadrarlo.
Ecco che mi sono accorto che il muro divisorio è storto.
Ci vuole tanto a farne uno dritto? Eppure questi muri li hanno fatto in un edificio sgombra da tutto, e in un edificio di recente costruzione.
Eppure è storto. Quando andate all’IPA di Catania fateci caso!

La doppia avventura

La settimana scorsa, di martedì, mi sono recato all'Ufficio Tecnico Comunale di Misterbianco, quale CTU in una causa, per effettuare alcune verifiche ad un immobile. Arrivo nella zona vicino allo stadio, dove è allocato l'avveniristico palazzo degli Uffici Comunali, e trovo un Vigile Urbano. Mi fermo e chiedo informazioni. Lui era intento a parlare al cellulare, assai divertito; dopò un pò chiude la telefonata e mi dà le indicazioni richieste. Il cellulare? Un telefono LG da polso, cioè un orologio/cellulare con auricolare ... il primo che vedo "in esercizio", cioè fuori dalle vetrine dei negozi. Costa il doppio di un Iphone ... Lasciamo stare. Vado negli Uffici e trovo scritto: si riceve solo il venerdì. Il giovedì si riceve per appuntamento. Trovo anche il numero di telefono. Provo a telefonare. Non risponde nessuno. Provo a suonare il campanello col citofono. Non risponde nessuno. Allora vado negli Uffici accanto e chiedo informazione, lamentandomi del fatto che n…

Produzioni "forzate"

Alcune produzioni vengono "forzate" dall'intervento umano, come nel caso dei limoni "verdelli". Altro caso di forzatura è quello della produzione dei fichi d'india, quelli che si trovano in commercio. La produzione "naturale" è di pessima qualità, mentre quelli che troviamo in commercio, di vari colori a seconda delle varietà, sono ottimi. Anche per i fichi d'india è stato un caso la scoperta di una produzione "forzata": nel periodo di "San Giovanni", ovvero attorno al 24 giugno, vengono eliminati a mano i frutti che le piante stanno producendo. La pianta, a questo punto, rifiorisce ed emette una nuova produzione, i "bastardoni", che sono quelli che noi mangiamo. Nella foto ... ahimè ... ci sono delle piante di fichi d'india ... all'interno di una canale di sgrondo consortile ... senza manutenzione ... Di chi sono i frutti che queste piante produrranno? Del Consorzio di Bonifica della Piana di Catania o de…

Demolizioni forzate

Contrada Gerbini - Paternò (CT) Questo cumulo di mattoni, calcinacci, tegole, ecc, è ciò che resta di una piccola casetta rurale, abbattuta in nemmeno un paio di ore. Per costruirla, invece, furono fatti sacrifici, e ci volle anche molto amore! Perchè mai queste demolizioni forzate in giro per le campagne? Due motivi, uno peggio dell'altro! 1) L'AGEA, ente impositore o pagatore, ente sorvegliatore o pagatore, insomma ente che fa e sfa come vuole incurante delle realtà aziendali (a nulla valgono le proteste) non riesce a farle caricare sul SIAN (che funziona sempre peggio), e quindi blocca ogni tipo di pratica. 2) I Comuni a caccia perenne di soldi, invece, esigono l'accatastamento dei fabbricati rurali al Catasto Urbano (come da normativa vigente), e poi ... arriva la mazzata dell'ICI. L'ICI su queste casette di modesta entità, per lo più abbandonate, ma ricordi di una economia florida, di un tempo che fu! Ecco che i proprietari di queste case, casette, magazzini, …

Colture in agguato

Misterbianco (CT)
Non una, ma dieci, cento e forse mille di queste giovani piantine di ricino. Questa è la "visione" che si ha arrivando nella zona in cui sorge il campo di calcio, il Palatenda e parte degli Uffici Comunali di Misterbianco.
Oltre al ricino l'amaranto, ecc.
La zona sembrava scerbata, ma non da poco tempo. E tutto il resto in abbandono, come parte degli Uffici Comunali, di cui nei prossimi giorni ne racconterò "una avventura" in due puntate ...

Lavori infiniti

Misterbianco (CT)
Da oltre tre mesi, ma forse quattro, la strada che porta da Catania a Paternò, quella che passa in mezzo al polo commerciale di Misterbianco, è interessata da lavori di sistemazione dei guard-rail centrale.
File infinite si susseguono ad ogni ora del giorno e della notte.
I lavori vengono fatti ad oltranza, ma stanno durando troppo!
Ogni volta si fanno i cosiddetti “giri della briscola pazza”, e tutto per poter evitare queste file chilometriche, come se non bastasse la Tangenziale di Catania, con i suoi rallentamenti, o le file dovute ad un incidente o, peggio, a qualcuno che cambia una ruote … e tutti lì a rallentare per vedere cos’è successo!

Aspettando l’acqua

Siamo già alle porte di luglio e nonostante gli invasi principali siano pieni, e parlo del lago di Pozzillo, dell’Ancipa e del Biviere di Lentini, i piccoli invasi di raccolta acque degli agricoltori sono a secco.
I Consorzi di Bonifica 9 e 10 (Piana di Catania e Lago di Lentini) non hanno ancora iniziato ad erogare l’acqua, se non in qualche comizio. Nel frattempo l’evaporazione “si mangia” l’acqua che ristagna nei laghi e … tutti aspettano che le casse Consortili consentano questo “miracolo”.
E tutto ciò avviene quando gli invasi sono pieni! E se fossero stati vuoti?

Seminario ed inaugurazione

A Castiglione di Sicilia il 30 giugno p.v. verrà inaugurata la nuova sede periferica dell’Istituto Regionale della Vite e del Vino con laboratorio per analisi chimiche multiparametriche enologiche.
All’inaugurazione interverranno:Claudio Scavera - Sindaco di Castiglione di SiciliaSalvatore Barbagallo – Dirigente Generale del Dipartimento Regionale degli Interventi Infrastrutturali per l’AgricolturaLeonardo Agueci – Presidente dell’ Istituto Regionale Vite e VinoDario Cartabellotta – Direttore dell’Istituto Regionale Vite e VinoSalvatore Giuffrida - Consulente dell’Istituto Regionale Vite e VinoGiuseppe Leotta – Dirigente Responsabile SOAT di Castiglione di SiciliaL’inaugurazione avverrà durante il SEMINARIO “VITICOLTURA ed ENOLOGIA SOSTENIBILI”
Le esperienze di coltivazione e vinificazione non convenzionali, che si terrà presso la sala Consiliare.

Novità dall’Assessorato Agricoltura

Oggi in GURS

Nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana di oggi, la n. 28 sono stati pubblicati:Assessorato delle risorse agricole e alimentariDECRETO 28 maggio 2010.
Decreto legislativo n. 102/04, nel testo modificato dal  decreto legislativo n. 82/08. Determinazione dei quantitativie dei prezzi di riferimento medi del triennio precedente, nonché dei prezzi medi dell’anno 2009, relativi alle produzioni vegetali più rappresentative nel territorio della Regione Siciliana.Avviso relativo all’approvazione delle graduatorie definitive delle domande ammissibili e non ammissibili del bando concernenti l’annualità 2009-2010 del Reg. CE 1234 del 22 ottobre 2007 di attuazione dei regolamenti comunitari sul miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura.

Terremoto ad Augusta

Alle ore 13.17 un sisma è stato registrato ad Augusta (SR). Il sisma ha avuto una magnitudo di 2° della scala Richter, ed è stato localizzato ad una profondità di 10,3 chilometri.

Programmazione aziendale

In tutte le aziende si effettuano investimenti programmandone la tempistica e le fonti di finanziamento.
In agricoltura, considerati i tempi lunghi di attuazione delle esecuzione dei lavori, e considerato anche i tempi di rientro degli investimenti stessi, a causa dei ritorni economici ridotti e  dei tempi di crescita e di “messa a frutto” delle colture, la programmazione è importantissima. Ma ciò che serve è anche la celerità nelle decisioni, che scaturisce anche da eventuali finanziamenti.
Ebbene, tutti coloro che hanno partecipato alla 1° sottofase della Misura 121 del PSR Sicilia, in mezzo ad una infinità di polemiche e di difficoltà a causa di un PAI (Piano Aziendale degli Investimenti) malfunzionante e risibile, oltre che del tutto inutile, speravano di avere “in mano” il Decreto di Impegno (AGV) per iniziare i lavori, o per collaudarli.
Invece? Niente! Ritardi su ritardi. La graduatoria è stata pubblicata con cinque mesi di ritardo, e con “l’ammazza-ammazza” pratiche (che discenda…

I tre Presidenti

Siamo nella strada provinciale n. 209/II, quella che porta alla contrada S. Antonino (Ramacca).
Ne ho già scritto e fatto vedere alcune foto, ma mi piace mostrare questa foto. La strada, rifatta anni fa … adesso non è più manutenuta … e si comprende … in base alla Presidenza ….

Uscire si può?

Acireale (CT)
Ho già scritto innumerevoli volte sul caotico traffico acese.
Chi entra, con difficoltà, ad Acireale è proprio sicuro che può uscirne con rapidità?
Niente affatto!
Questa che vedete è l’uscita nella zona di Via Lazzaretto. Tempo di attesa 10 minuti. L’uscita della zona di Via Loreto è pressappoco simile.
Vigili Urbani? Bah! Meglio lasciare il semaforo incustodito: si fa prima!

La flebo

Si passa da una comunicazione all'altra con grande disinvoltura!
Fino a qualche mese fa il Ministro Tremonti dichiarava a destra e a manca che i conti dell'Italia erano a posto.
Ieri, invece, il Ministro ha dichiarato che senza la mega-manovra si rischia il collasso economico: e che è successo in un paio di mesi? Bohhhh
Una bella flebo con denari dentro, come quella della foto. Ecco cosa serve!

Vince il buonsenso

Sul quotidiano LA SICILIA di oggi è apparso un bell'articolo sulla demolizione di quel distributore di benzina sorto come un fungo proprio sullo svincolo dei "Paese Etnei". L'apertura del distributore avrebbe certamente provocato disagi alla circolazione, e forse proprio lì sarebbe dovuta nascere, parrebbe così, la bretella di uscita dall'autostrada Catania-Messina. Avevo scritto di questo distributore un bel pò di tempo fa, il 20 gennaio e il 23 febbraio. Finalmente vince il buon senso! Evviva!!!!

I Crediti Formativi 3°

Completo oggi la carrellata dei quesiti posti durante la riunione organizzata dall'Ordine degli Agronomi di Catania su "Formazione Permanente". Ieri pomeriggio ho ricevuto una lunga telefonata della collega dott. agr. Marcellina Bertolinelli, che ho scoperto essere "mia gemella" in quanto è nata il giorno dopo di me. Abbiamo parlato a lungo della vicenda, e mi ha assicurato che a giorni riceverò una risposta ufficiale da parte del CONAF a tutti i quesiti posti. Ovviamente li pubblicherò. Ecco gli altri quesiti che avevo scritto, ma non ho avuto il tempo di esporre: Sulle riviste tecniche si scrive solo se si hanno articoli interessanti, e ben fatti. Inoltre gli articoli, spesso, vengono scritti in base all'esigenza della Direzione, e si può scrivere solo se si ha un contatto diretto con i redattori.I dipendenti pubblici hanno moltissimi corsi: chi vigila su questi corsi e sulla effettiva presenza e partecipazione attiva dei dipendenti stessi?Ogni attività d…

Graduatorie Misura 125

Sul sito internet dell'Assessorato per le Risorse Agricole sono state pubblicate le graduatorie del PSR Sicilia 2007/2013, Misura 125, DDG n° 379 del 22/06/2010, reg.to alla C.C. il 15/06/2010 rg. 1- fg. 52, unitamente agli allegati "A" e "B", relativo all'approvazione della graduatoria definitiva - prima sottofase, in attuazione della Misura 125, azione "A" - rete di trasporto interaziendale.

Strane compagnie

Qualche giorno fa, non dico dove, ma chi frequenta l'Ufficio sa dove mi trovavo, negli scaffali di un Ufficio Assessoriale sono stato attratto da questa strumentazione di una autovettura. Dapprima pensavo si trattasse di una versione sperimentale di una "macchinetta fabbrica PAI", poi speravo in una "macchinetta inventa METAFERT", ed invece ... era solo un malinconico cruscotto ... che faceva, e fa tutt'ora, compagnia al Funzionario! Forse anche questo cruscotto è stato colpito dalle proroghe Assessoriali, e di più: non è pertinente?

I Crediti Formativi 2°

Oggi pubblico la 2° parte dei quesiti inoltrati al CONAF, riguardo i Crediti Formativi. Fra quelli di ieri e quelli di oggi siamo a n. 18 quesiti. Domani pubblicherò gli altri 11. In totale, quindi, i quesiti sono n. 29, e sono quelli che ho, come già scritto ieri, rilevato durante l'esposizione della collega dott. agr. Marcellina Bertolinelli. Ma prima di riportare i quesiti, una domanda: nel tavolo del rinfresco a metà convegno ... che ci faceva una "aranciata" ... con arance non siciliane???? Chi ci "forma" deve avere anch'esso dei CF obbligatoriamente conseguiti? Possiamo seguire un seminario/convegno di altro Ordine Provinciale o di altro Ordine Professionale (Ingegneri, Architetti, Geologi) per il quale abbiamo interesse formativo? E come verranno trasferiti i CF oggi, e domani con la CARD elettronica? La pubblicazione degli eventi formativi sul sito del CONAF ci costringerà ad una consultazione continua del sito. Non potremmo venire informati t…

Il depuratore di Mineo

Ricevo dal collega dott. agr. Domenico Costa, e pubblico.
Caro Corrado,
non so se sei mai stato al depuratore di mineo, ecco lo stato della strada  comunale che porta al luogo, abbandonata a se stessa, da notare la solidità dei  muri di recinzione, il cemento dov'è? mi sa che, se tutto è stato costruito come il muretto.....
Domenico CostaNo, non sono mai stato in quella zona, ma le foto che mi mandi sono assai eloquenti. Quante di queste “opere morte” dobbiamo vedere? E perchè mai i “colpevoli” non vengono mai puniti?

Terremoto alla Piana di Catania

Oggi pomeriggio, alle ore 16.58, un sisma ha interessato la zona della Piana di Catania, fra Catania e Lentini, ed esattamente fra le contrade "Carmito" e "Passo Martino". Il sisma ha avuto una magnitudo di 2,1° della scala Richter, ed è stato localizzato ad una profondità di 9,5 chilometri.

I Crediti Formativi

Venerdì scorso gli Agronomi della Provincia di Catania siamo stati chiamati a partecipare ad una riunione, organizzata dal nostro Ordine, sulla Formazione Permanente.
E’ arrivata dal CONAF la collega dott. agr. Marcellina Bertolinelli. Ha relazionato su questa nuova norma che ci impone una formazione permanente, e sull’obbligo di acquisire dei “Crediti Formativi” annui.
La riunione ha visto la partecipazione di una ottantina di colleghi, perchè il tema è nuovo ed interessante. Forse avremmo voluto avere più tempo, o magari una intera giornata, poichè il tempo a disposizione è stato troppo poco.
Durante la relazione della dott.ssa Bertolinelli ho scritto delle domande, dei quesiti da porre, e appena aperto il dibattito, visto che c’era poco tempo, ho posto solo una metà di quesiti, ai quali la collega ha risposto velocemente, sempre per brevità di tempo (aveva l’aereo da prendere).
Mi sono ripromesso, quindi, di inoltrarglieli via email, cosa che ho fatto ieri sera, e li pubblico “a puntat…

Benvenuti a Ramacca

Mercoledì scorso ho mostrato le foto satellitari di una frana, del 2006, che ha interrotto l’accesso al comune di Ramacca; da quattro anni e mezzo la strada da ripristinare, appena 215 metri, è abbandonata a se stessa (leggi qui).
Ieri mattina sono ritornato a Ramacca, e ho ripreso le foto della vergogna: per arrivare a Ramacca si entra dentro il mercato, si attraversa un cancello e finalmente si riprende la vecchia sede stradale; e tutto per non rifare 215 metri di strada! Dal 2006!

Manutenzione assente

Autostrada Catania – Messina; svincolo di Fiumefreddo
Ecco come si presenta lo svincolo. Il cemento armato dei muri di contenimento dei terreni è arrugginito e fuoriuscito; il cemento si sgretola, e la sicurezza stradale … con quello che costa l’autostrada va a farsi benedire!
Che ci fa il Consorzio Autostradale con i soldi che incamera quotidianamente?

Arance-pomodoro

Ieri mattina in un supermercato sono stato "attratto" da questa confezione di arance Valencia, ma solo perchè erano veramente brutte! Non appena mi sono avvicinato, ecco che ho scoperto una cosa: l'etichetta riportava la dicitura "POMODORO CILIEGINO", così come il prezzo al chilo era riferito al ciliegino. Il malcapitato acquirente, quindi, se non si fosse accorto dell'errore avrebbe acquistato queste arance al prezzo stratosferico di € 3,29 al chilo, e magari non se ne sarebbe accorto al momento di pagare, perchè questa vaschetta "passava" assieme a tutto il resto della spesa. Ho chiamato i proprietari del supermercato, ed in effetti "sono trasecolati", ritirando immediatamente dal banco frutta queste vaschette, e spiegando l'accaduto come un errore (del resto possibile e plausibile) derivante dall'aver pigiato, in fase di etichettatura del prezzo con codice a barre, un tasto/codice errato. Racconto la cosa perchè quante volte …

Le mozzarelle blu

Sabato i NAS hanno sequestrato circa 70.000 confezioni di mozzarelle che diventavano di colore blu non appena venivano aperte. Queste mozzarelle sono state importate da una ditta tedesca, ed erano distribuite nella zona del Torinese. Dalle prime indagini sembra che la colpa sia da addebitare ad un batterio, che in presenza di elevata quantità di ossigeno vira il proprio colore. Ma mi domando: è questa la sicurezza alimentare? E che cosa ci fanno fare tutte quelle cartazze (a questo punto del tutto inutili) per la tracciabilità, tutte quelle restrizioni sui trattamenti, di tutto e di più, se poi succedono queste cose? Vi ricordate del Galbanino fatto con residui ammuffiti, rigenerati, ecc?Mangiamoci la frutta. Sicuramente quando va a male si butta, e non viene riciclata all'infinito. Una "chicca": la mozzarella verde. L'ho fatta io con ... l'ausilio di un programma di foto-ritocco; volevo fare anche quella con i colori della Bandiera Italiana ....

Oggi inizia l'estate

In teoria oggi è già estate, almeno così "recita" il calendario: oggi è il 21 giugno.
Le temperature sono, invece, molto al di sotto della media stagionale, e tutta l'Italia è sott'acqua, con alluvioni, straripamenti di fiumi, frane e ... tutto ciò che condisce l'autunno, come le nevicate in Trentino.
Ieri mattina e stanotte timide piogge hanno contribuito a far diminuire le temperature, e anche da noi non c'è il caldo degli altri anni.

C'è tempo ...

Noto (SR)
All'uscita dello svincolo autostradale di Noto, assai distante dalla città tanto che gli abitanti di Noto preferiscono utilizzare lo svincolo di Avola, mi sono imbattuto sulla solita mancanza di manutenzione. Ma all'improvviso ecco due "omini" che facevano una "timida" manutenzione. Erano tranquilli; tutto procedeva piano, pianissimo, tanto che sembravano immobili, tanto ... che fretta c'è?

Piccoli anfratti

Le foto che pubblico oggi sono relative a Calamosca, un anfratto bellissimo pochi chilometri prima della riserva di Vendicari.
Ci siamo stati ieri, con mia moglie e mia figlia, in occasione dell’11° anniversario di matrimonio.
Ci andavo nel 1985-86 e si arrivava in auto fino alla “caletta” che nessuno conosceva.
Poi verso il 1992 iniziarono i lavori della riserva, e oggi tutta la zona è protetta dalla Forestale. Si accede alla “caletta” solo a piedi, dopo un percorso di circa 1,2 chilometri.
La spiaggia era, come al solito, bellissima. L’acqua cristallina.
Calamosca merita la lunga camminata sotto il sole!