ieri il blog ha avuto 8.659 accessi

mercoledì 31 dicembre 2014

Buon 2015

Ryanair andata e ritorno

Oggi, in conclusione dell'anno 2014, vi racconto cosa è successo in un volo Ryanair da Catania a Treviso, andata e ritorno.
Oggi racconto l'andata; per il ritorno ... ci vogliono almeno due "puntate".
Arriviamo all'aeroporto di Catania; dico arriviamo perchè sono con mia moglie e mia figlia.
Innanzitutto, dovendo imbarcare due bagagli, ci dirigiamo verso il banco accettazione; ci mettiamo in fila, ed attendiamo l'apertura. La fila, nel frattempo arriva alle vetrate dell'entrata, proprio dove ci sono le porte di ingresso.
Una signorina, di oltre 16 anni, chiede "l'assistenza perchè non è mai salita sull'aereo", ma si accontenta di una signora sconosciuta che la tranquillizza e le dice che la accompagnerà lei ....
Fatto l'imbarco delle valigie, con molta, ma molta calma, ci dirigiamo al controllo passeggeri.
Nel frattempo la fila delle persone era arrivata ... "allo svincolo dell'autostrada".
Il bello è che il 75%-80% delle persone facevano la fila senza che dovessero imbarcare bagagli, ma solo per far vedere il biglietto elettronico ricevuto per email.
Per entrare nel circuito "labirinto" per il controllo dei passeggeri, però, si deve fare lo slalom fra le persone che si "inficcano" (si infilano abusivamente) per veder partire i parenti e gli amici.
Ma la sorpresa "europea" è che di 11 (forse 12) varchi per il controllo passeggeri disponibili, se ne trovano aperti solo quattro (4), così ... la fila delle persone ... lasciamo stare.
Secondo me ne aprono pochi "per farsi fare compagnia" durante la giornata.
Finalmente arriva il momento dello "spogliarello", con persone con le calze bucate, persone che si sistemano anche le mutande, insomma si vede di tutto e di più.
I cannoli dei turisti, o degli emigranti, acquistati prima del controllo passeggeri, notoriamente oggetto di pesanti e pericolosissimi dirottamenti aerei, non vengono fatti passare, e rimangono a disposizione dei controllori, che così possono più tardi fare festa.
Finalmente si passa il varco e si arriva alla porta di imbarco vera e propria, il gate ...
Ecco che in fila si attende l'apertura, ma ... ad un certo punto una signora di circa 65-70 anni, simile ad uno scoiattolo, sia per com'era vestita, ma anche in viso, una signora alta m 1,50, larga m. 0,55, profonda m. 0,55 (quasi una palla con i piedi) passa "all'attacco" insieme al figlio, con tuta blu, scarpette da ginnastica gialle fosforescenti, cappellino blu a coprire le orecchie e sorella al seguito. Il figlio di circa 40 anni, veniva tenuto per mano dalla "mammina", altrimenti si perdeva ...
La signora passa la fila e ... viene bloccata da me: "signora c'è la fila da rispettare".
Mi guarda malamente e dice: "non si passa?"
Io "signora c'è una fila; se vuole passare avanti, deve chiedere permesso".
La signora fa finta di niente, e poi ad un certo punto si gira e dice "e che ho fatto? Passano tutti".
Io mi arrabbio e dico "passi pure, ma si chiede il permesso; e poi signora, lo sa che l'aereo parte quando siamo tutti seduti, quindi questa sua premura a che serve?"
La signora, a questo punto si rivolge al figlio ed alla sorella e dice "fa quello che vuole questo".
A questo punto mi blocco e dico ad alta voce "signora passi pure avanti a tutti, e che tutti sappiano che non ha rispettato la fila; io non mi muovo così lei passa avanti ed è contenta." E continuo "Europa dove sei che non ti vedo".
La signora tentenna ... si ferma ... cerca di andare avanti e si blocca; la faccio breve: la signora è passata avanti, ma nel frattempo esce dalla nera borsetta "stile anni '50" un cellulare "saponetta", quelli da € 9,90. Telefona e ad alta voce riferisce di un ritardo di cui non sa quantificarne il tempo.
Finalmente entriamo nel finger per andare a prendere l'autobus, ma la signora, la sorella ed il figlio "perdono pezzi". Cominciano a cadere le borse, borsette e pacchi e pacchettini ... non avevano trolley, ma solo buste della spesa, quelle rigide ... all'interno delle quali c'era sicuramente il materiale occorrente per "il viaggio"!
Io mi fermo; attendo, e finalmente si riparte verso l'autobus.
Ma ecco che la signora, la sorella ed il figlio, sbagliano autobus ... prendono, dei due disponibili, quello vuoto, forse perchè "così stavano più larghi".
Io, mia moglie e mia figlia, prendiamo quello indicato dall'operatore, ovvero quello in completamento.
E ... miracolo ... noi, nonostante la signora avesse effettuato con successo "il sorpasso" ... arriviamo prima all'aereo.
E, mentre che ci sono devo dire che l'aereo era posteggiato quasi a San Giuseppe La Rena, forse in prossimità del ponte di Primosole ...

Finalmente a bordo, mi "sono sentito a casa": sembrava di essere in via Etnea, con persone che entravano davanti per andare dietro, persone che entravano dietro per andare avanti, e nel frattempo litigavano per i posti, per i bagagli a mano da mettere sulle proprie teste, e nè un metro avanti, nè un metro indietro.
Altri, come quello della foto, che hanno tenuto "coppola", sciarpa e cappotto indossati ... non si sa mai "colpi d'aria in colo" ...
Non ho scritto, invece, che il volo è stato imbarcato con tre quarti d'ora di ritardo, ma che  causa della "passeggiata in via Etnea" è partito con un'ora e mezza di ritardo.
Della signora, del figlio e della sorella nessuna traccia ...
A causa del ritardo accumulato succede anche che ... a Treviso "cala la nebbia", e pertanto il volo viene dirottato a Venezia.
Finalmente atterriamo e ... noi abbiamo preso l'auto a nolo, consegnata a Venezia invece che a Treviso, ma all'aeroporto di Venezia quel pomeriggio si è assistito ad un vero e proprio "formicolio" di persone, spaesate e visibilmente scosse per il dirottamento.

Domani ... continua ... il ritorno ... che "di puntate" ne avrà bisogno due!

Buon 2015 a tutti i lettori del blog!

Freddo e neve

Il freddo intenso annunciato è arrivato.
Temperature a cui non siamo abituati.
Neve anche in bassa quota.
Mentre scrivo a Trecastagni nevica, poco, ma nevica.
E queste gelide temperature non ci lasceranno, così come si vede dal meteogramma, fino a sabato compreso.
Da domenica ci sarà un rialzo delle temperature sia nelle massime che nelle minime.
Un capodanno "ghiacciato"!


martedì 30 dicembre 2014

Agronomo per scelta

Oggi su Twitter è comparso fra i miei "follower", ovvero fra quelli che mi seguono, Daniel Puglisi.
La cosa che mi ha fatto molto piacere è stato nel suo profilo aver letto "agronomo per scelta".
Grazie Daniel, oggi mi hai fatto un bellissimo regalo.
Agronomo per scelta ... in tre parole hai descritto nel tuo profilo il mio stato d'animo quotidiano ...
Chi volesse seguirlo il suo account su Twitter è @DanielPuglisi8.

Variazioni colturali

Riporto in "copia/incolla" un interessante articolo pubblicato dalla rivista on-line Sicilia Agricoltura, al seguente link: http://www.siciliaagricoltura.it/2014/12/30/variazioni-colturali-2014-aggiornate-le-particelle-del-catasto-terreni/

Variazioni colturali 2014, aggiornate le particelle del Catasto terreni
È consultabile da sabato 27 dicembre sulla Gazzetta Ufficiale l’elenco dei Comuni per i quali è stata completata l’operazione di aggiornamento della banca dati catastale sulle particelle di terreno che nel 2014 hanno subito variazioni colturali.
I soggetti che effettuano variazioni della coltura praticata su una particella di terreno, rispetto a quella censita nella banca dati del Catasto terreni, hanno infatti l’obbligo di dichiarare queste variazioni, a meno che l’uso del suolo sulle singole particelle catastali non venga dichiarato correttamente a un Organismo pagatore, contestualmente alla richiesta presentata ai fini dell’erogazione dei contributi agricoli.
L’aggiornamento delle informazioni censuarie viene effettuato, infatti, sulla base degli elenchi che l’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) ha predisposto a partire dalle dichiarazioni dei contribuenti titolari delle singole particelle catastali.
Le dichiarazioni presentate agli Organismi pagatori, riconosciuti dalla normativa comunitaria, esonerano i soggetti obbligati dall’adempimento previsto dall’art. 30 del Testo Unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

Dove trovare i dati – È possibile consultare l’elenco delle particelle catastali variate anche sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, nella sezione Cosa devi fare > Aggiornare dati catastali e ipotecari > Variazioni colturali.
Nei 60 giorni successivi alla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, gli elenchi possono essere consultati anche presso gli Uffici Provinciali – Territorio dell’Agenzia delle Entrate e presso i Comuni interessati.

Cosa fare in caso di incoerenza – I soggetti che riscontrano delle incoerenze nell’attribuzione delle qualità di coltura, possono presentare una richiesta di rettifica in autotutela. Una volta compilato il modello per segnalare le eventuali incoerenze, scaricabile anche dal sito www.agenziaentrate.it, basta inoltrarlo all’Ufficio provinciale – Territorio dell’Agenzia delle Entrate di competenza.

Inizio commercializzazione dell'Arancia Rossa di Sicilia IGP

Ricevo dal Consorzio Arancia Rossa di Sicilia IGP e pubblico.

Arancia Rossa di Sicilia Igp, a Gennaio il via alla campagna di commercializzazione del frutto pigmentato.

Il nuovo Anno porterà nelle tavole dei consumatori la produzione dell'arancia rossa di Sicilia Igp. Tra qualche giorno prenderà il via la campagna di commercializzazione del frutto pigmentato come stabilito dal cda del Consorzio di Tutela nel corso della riunione del 19 dicembre. Il "moro" sarà il vendita dal 7 gennaio, il "tarocco" dal 10, mentre per il "sanguinello" occorrerà aspettare qualche settimana. La decisione del consiglio di amministrazione segue il criterio di maturazione del frutto così come prevede il disciplinare di produzione.

Secondo gli esperti, quella di quest'anno, sarà una campagna agrumicola dai volumi ridotti a causa degli eventi atmosferici. Inoltre Il caldo prolungato non ha favorito ancora la giusta maturazione del frutto. Da qui la necessità di posticipare la data d’inizio della vendita delle arance rosse ad indicazione geografica protetta.

"Le miti condizioni meteorologiche stanno ritardando la pigmentazione delle arance - ha affermato Luca Ferlito presidente del Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia. In questi giorni sono stati effettuati sopralluoghi congiunti da esperti tecnici e commerciali in diverse aree agrumetate per valutare i livelli di maturazione delle arance rosse definiti nel disciplinare di produzione. Di conseguenza il consiglio di amministrazione con il supporto di alcuni confezionatori, che negli anni passati hanno commercializzato volumi significativi di arancia rossa, hanno stabilito congiuntamente le date di avvio della commercializzazione. Un segno inequivocabile di unione d’intenti ampiamente condivisa dalla base".

Intanto la decisione di vendere ai consumatori le arance di piccolo calibro in retine ha avuto il via libera oltre che dal Ministero, dall'Istituto centrale della qualità per la repressione frodi che ha approvato il piano dei controlli. Spiega ancora Ferlito: "Tra breve l'organismo di controllo Check Fruit emanerà le direttive e le prescrizioni per la imminente campagna che riguarda la vendita delle arance in retina. Ferlito sottolinea infine che, per quanto riguarda l'approvazione del nuovo statuto e il relativo riconoscimento, in questi giorni il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali darà luogo all'emissione del decreto di riconoscimento da parte del responsabile della direzione del servizio qualità del Mipaaf. 


-- 
Cordiali Saluti.

Gianluca Ferlito
         Presidente
       Consorzio di Tutela
"Arancia Rossa di Sicilia IGP"                    
Via San Giuseppe la Rena 30/B
95121 CATANIA CT
Tel\Fax +39.095.7232990

www.tutelaaranciarossa.it
E-Mail: consorzioditutelaaranciarossadisiciliaigp@arubapec.it
 
              aranciarossadisicilia@gmail.com
 

Violenta grandinata

Ieri pomeriggio una violenta e lunga grandinata si è abbattuta lungo la fascia jonica della Sicilia.
In particolare sono stati interessati dai fenomeni grandinigeni Acireale, Acicatena, Aci S.Antonio, Aci Bonaccorsi, Giarre, Riposto, Valverde.
Anche Siracusa ed Augusta sono stati interessati dall'evento.
La grandinata è durata anche diverse decine di minuti, lasciando una coltre bianca di diversi centimetri.
Disagi lungo tutte le strade e le autostrade.
Ed il forte calo termico, accompagnato da eventi grandinigeni o nevosi, non è ancora terminato.
Oggi, domani, e fino a sabato, ci saranno temperature molto basse, associate a fenomeni "da alta montagna".

Queste alcune fotografie che mi hanno inviato ieri pomeriggio.



Acireale: il teatro Bellini

Poche parole accompagnano questo post; il resto è riportato nell'articolo che allego, articolo de LA SICILIA di qualche giorno fa.
Aggiungo solo che non ho MAI visto il teatro Bellini di Acireale aperto, pesantemente rovinato da un incendio del 1952; e l'apertura, anche se parziale, è un atto di grande sforzo dell'Amministrazione acese.
Il Sindaco, ing. Roberto Barbagallo, mi aveva invitato alla inaugurazione, ma trovandomi fuori sede con la mia famiglia non sono potuto andare.
Il resto ... lo leggete nell'articolo.
Un caloroso grazie.

lunedì 29 dicembre 2014

Ricominciamo ... la risposta

Il 22 dicembre scorso ho pubblicato un post nel quale riportavo foto e commento di un agricoltore su arance rosse spacciate per IGP (http://corvigo.blogspot.it/2014/12/ricominciamo.html).
In seguito a questa segnalazione fatta sul blog, il Presidente del Consorzio di Tutela dell'Arancia Rossa di Sicilia IGP dott. agr. for. Luca Ferlito mi ha contattato, ho riferito il nominativo di contatto e il numero telefonico dello stesso, e la località della rivendita.
L'altro ieri ricevo, sempre dal collega dott. agr. for. Luca Ferlito questa risposta ufficiale:
Frodi a danno del consorzio
Caro Corrado,
grazie alla segnalazione del 22 dicembre sul tuo blog siamo riusciti a risalire all'autore del comportamento illecito che è stato subito identificato e la anomala vendita immediatamente interrotta. Il caso sara'oggetto di discussione del prossimo CdA per la comminazione di una sanzione adeguata.
Sono grato a te e a tutti quelli che continueranno a segnalarci casi analoghi che questo nuovo CdA perseguirà' con fermezza, inflessibilità' e determinazione, presupposti imprescindibili se vogliamo "crescere" è affermarci. Non per nulla abbiamo voluto e portato a buon fine il riconoscimento da parte del MiPAAF in tempi rapidissimi dal nostro insediamento; se tutto va bene entro il 15 gennaio 2015 il Consorzio avrà' il giusto e sacrosanto riconoscimento.
Francamente non comprendo perché' il Signor Ciccio Castiglia, che non ho il piacere di conoscere, si rivolge in questi termini nei confronti miei e del Consorzio.
Sin dalla mia elezione sono stato da subito a disposizione di chiunque avesse un problema o necessità' di parlarmi e non mi sono mai negato a nessuno. Peraltro vorrei rassicurarlo che tutti i componenti eletti nel CdA sono fortemente motivati a perseguire un programma articolato e ambizioso che abbiamo tracciato insieme sin dalle prime riunioni. Certamente non sarà' facile e il percorso, per ora, e' tutto in salita, ma ci stiamo provando senza tralasciare nulla e qualche risultato lo abbiamo già' ottenuto. 
Ti ringrazio ancora.
Luca Ferlito

Eruzione sull'Etna

Ieri "toccata e fuga" sull'Etna.
Una violenta eruzione ha "spiazzato" un pò tutti.
Purtroppo le condizioni meteo non consentono di avere delle buone immagini dalle webcam dell'INGV poste sull'Etna.
Ieri sera il dott. Mario Di Guardo, che gestisce il sismografo di Mascalucia, mi ha inviato questa email, che pubblico con piacere.

Caro dottore, anche l'Etna, a modo suo, vuole farci gli auguri.
Da qualche ora è in atto un episodio parossistico con fontane di lava, non chiaramente visibili a causa della spessa coltre di nubi.
E' come se avesse stappato una bottiglia gigante di spumante fiammeggiante.
Speriamo sia solo questo...
Ancora Auguri di buone feste.
Mario Di Guardo

Ed in realtà basta guardare il tracciato del sismografo per osservare come il tremore vulcanico sia aumentato a dismisura, fino a ridursi; ancora, però, è molto elevato.
Una piccola notazione: la scossa che si vede verso le ore 21.45 è quella di 4,4° della scala Richter registrata tra Aprigliano e Casole Bruzio in provincia di Cosenza.

Chiudo questo post con delle fotografie che ho prelevato scaricandole dall'account Twitter @ciccioetna  (https://twitter.com/ciccioetna), che ringrazio, relative alle pietre cadute a Riposto (CT), e delle immagini spettacolari dell'Etna. 


Evoluzione meteo

Una perturbazione ci ha appena lasciato, ed un'altra è alle porte.
Piogge e pioggerelle ci accompagneranno in questa settimana fino al capodanno.
Nella Sicilia occidentale maggiori quantità di piogge, e nella Sicilia orientale quantità inferiori.
Il deficit idrico del triennio 2012-2014 non si è colmato. E' piovuto un terzo in tre anni, come dire ... è piovuto un anno su tre!
Continua l'allarme siccità.




Meteogramma su Catania



Meteogramma su Palermo

domenica 28 dicembre 2014

Il post più seguito

Il post in assoluto più seguito del blog Vigopensiero è questo
http://corvigo.blogspot.it/2013/10/agea-premio-unico-in-pagamento.html
relativo ai pagamenti Agea.
Il più seguito ed il più commentato

Piogge in arrivo

Abbiamo dovuto attendere un anno intero, ma alla fine le piogge sono arrivate.
La perturbazione che sta attraversando l'Italia è arrivata sulla nostra regione.
Da oggi piogge diffuse su tutto il territorio.
Qui sotto l'immagine satellitare dell'Italia, e i due meteogrammi di Catania, il primo, e di Palermo, il secondo.

sabato 27 dicembre 2014

Limoni-i soliti furbi

Non cambieranno mai le regole della compravendita.
I produttori, di qualunque cosa, investono denari, investono fatica, attendono le produzioni, e poi ... le briciole.
Poi, passaggi, contropassaggi, e l'ultima "ruota del carro" rincara giocando al raddoppio, o anche di più.
E l'altro ieri un mio collega ha ripreso i "limoni d'oro" a Parigi venduti alla modica cifra di 5.99 euro al kg, ovvero la bellezza di 11.598 delle vecchie lire.
E per di più erano limoni spagnoli ...
Europa dove sei che non ti vedo!

venerdì 26 dicembre 2014

I pistacchi

Quasi tutti crediamo che i pistacchi che acquistiamo provengono da Bronte.
Purtroppo non è così poiché la maggior parte dei pistacchi che troviamo venduti nei supermercati provengono dall'America, dall'Iran, dall'Egitto, dalla Turchia.
La grande distribuzione organizzata infatti non ha tanto a cuore le economie locali, ma va alla ricerca della esasperazione del proprio profitto
Così l'unico consiglio che posso dare, e che continuo a ripetere, è quello di acquistare i prodotti locali, e soprattutto di controllare le etichette prima di acquistare ogni prodotto verificando nella provenienza.
Solo dopo aver verificato la provenienza di quel prodotto acquistate con la consapevolezza di cosa state acquistando.
E le foto che oggi pubblico parlano chiaro!
Ciò che manca è una corretta informazione ai consumatori, ma anche una efficace azione promozionale a livello nazionale di tutti i prodotti agroalimentari italiani.
E oltre a "Frutta nelle Scuole", si dovrebbe fare anche una operazione "Ortofrutta nelle case".

mercoledì 24 dicembre 2014

Protocollo di intesa Agronomi e Forestali - Anci Sicilia


Questo Protocollo di Intesa fra la Federazione Regionale degli Ordini dei dottori Agronomi e Forestali della Sicilia e l'Anci Sicilia è il regalo di Natale che nella qualità di Presidente, ed insieme a tutti i Presidenti Territoriali degli Ordini, facciamo a tutti i colleghi della Sicilia.

Buon Natale, e buon 2015
Corrado Vigo





Pistacchi ... nostrani o no?

In giro per il supermercato Auchan ... pistacchi ... Mah!!!
Prima di acquistare... guardate le etichette con la provenienza!



martedì 23 dicembre 2014

Ricominciamo ... ogni anno la stessa storia...

Ieri ho pubblicato una foto riguardante delle arance non IGP, spacciate per tali.
Oggi pubblico alcune foto "scandalo" riprese da me ad un supermercato CONAD.
Ebbene, a parte il prezzo che mi sembra elevato soprattutto per i limoni, ma è possibile che la CONAD venda prodotti provenienti dalla Spagna e nessuno dall'Italia??

Quel prezzo dei limoni di 3.30 euro/kg ... non si può vedere ... un insulto ai produttori siciliani!

Ed è mai possibile che la CONAD venda delle clementine, indicandone "percorso qualità", aumentando il prezzo, ma non indicando nemmeno la provenienza dei frutti???

Insomma...sugli agrumi, come ogni anno, vediamo delle grandi speculazioni, dei prezzi esageratamente gonfiati, ma ai produttori...ogni anno va sempre meno, e...vanno sempre più tasse!

Una vergogna tutta italiana