giovedì 31 gennaio 2013

Danni da gelata

Dopo, anzi nonostante infierisce ancora la siccità, testardamente ignorata dalle istituzioni e dai mass-media, ecco che in questi giorni pesanti gelate stanno facendo ulteriori danni alle colture della Piana di Catania (se ci sono altre zone segnalatelo e mandatemi foto.
Il giovane collega dott. agr. Cristian Capizzello, che mi ha già scritto in passato, mi scrive una mail con tante foto che pubblico.
Salve collega.
Dopo la siccità arrivano le gelate. Le invio le foto che si commentano da sole.
Questo è un articolo dell'informatore agrario per quando riguarda il piano assicurativo delle colture agrarie.
La Conferenza Stato-Regioni ha approvato il 24 gennaio scorso il piano assicurativo agricolo 2013 che si caratterizza per alcuni aspetti innovativi: 
- abbandono del sostegno alle polizze monorischio e concentrazione delle risorse  sulle forme più complete di copertura dei rischi (pluri e multi);
- maggiori incentivi ai nuovi assicurati;
- differenziazione tra eventi catastrofali, come ad esempio la siccità, da quelli sistemici, come la grandine; 
- associazione del rischio «colpo di sole» con quello di «venti sciroccali» e «gelo/brina» con «sbalzi termici»;
- ampliamento delle possibilità assicurative per la zootecnia, come ad esempio le riduzioni di produzione di latte bovino a seguito di squilibri termo-igrometrici.


 

 

 

 

 

 

Ancora sull'IMU

Ricevo da xxxxx yyyyy e pubblico.
Gentilissimo dottor Vigo,
desidererei sapere cosa pensa dell'incostituzionalità dell'IMU.
Penso che si dovrebbe evidenziare alle forze politiche la pesantezza dell'IMU o sui terreni agricoli così poco remunerativi.
Il Comune di Lentini, ad esempio, ci ha imposto un'aliquota del 10,6 x mille che rende la tassa oltre che iniqua non sostenibile.
In TV si parla sempre dell'IMU sulla prima casa e va benissimo, ma mai sull'IMU dei terreni agricoli.
Si potrebbe farlo rilevare? Grazie se vorrà rispondermi.
Cari Saluti
xxxxx yyyyy

Strani comunicati

Che siamo in campagna elettorale lo sappiamo.
Che il Ministro Mario Catania è in campagna elettorale lo sappiamo.
Che in Sicilia non piove da più di 10 mesi lo sappiamo, a quanto pare solo noi !?!?!?!?
Eppure sul sito internet del Ministero Agricoltura campeggiano dei comunicati da "escusatio non petita, accusatio manifesta".
Li riporto in "copia/incolla" e ... fate voi ...

Catania, polemiche pretestuose del Pd su avversità atmosferiche
(30/01/2013)

"La campagna elettorale fa brutti scherzi e induce a volte ad affermare cose che hanno un rapporto molto esile con la realtà. Un nutrito gruppo di candidati del PD, che dovrebbero essere esperti in materia agricola, mi accusa di fare campagna elettorale firmando decreti sullo stato di eccezionale avversità atmosferica". 

Così il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania replica alle dichiarazioni fatte oggi da alcuni parlamentari e candidati del PD sui decreti per la dichiarazione di stato di eccezionale avversità atmosferica.

"I predetti fingono di ignorare (o addirittura ignorano veramente!) che la dichiarazione di eccezionale avversità atmosferica è un atto dovuto del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - prosegue il Ministro - in presenza di una documentata richiesta delle Regioni. Tutte le dichiarazioni adottate conseguono a precise richieste delle Regioni interessate, che non mancano di sollecitarne la più tempestiva adozione".

"Il Ministero non ha alcuna discrezionalità al riguardo. La dichiarazione è un presupposto per attivare la sospensione dei contributi previdenziali e i rimborsi in favore delle aziende agricole danneggiate, nei limiti previsti dalla dotazione del bilancio nazionale e dei contributi aggiuntivi delle Regioni, che possono anche ricorrere ai fondi comunitari  previsti dai Programmi di sviluppo rurale, nel cui contesto è inclusa un'apposita misura, denominata 
 
''Ripristino del potenziale produttivo danneggiato da calamità naturali'. Se il ministero omettesse tali atti verrebbe meno - conclude Catania - a un preciso dovere e danneggerebbe gli agricoltori. Lascio giudicare agli stessi agricoltori la competenza di chi ha sollevato una simile inutile polemica".

Mipaaf, dichiarazione di eccezionali avversità atmosferiche atto dovuto e indispensabile per attivazione aiuti
(30/01/2013)

La dichiarazione di eccezionale avversità atmosferica è un atto dovuto in presenza di particolari circostanze segnalate dalle Regioni colpite.

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali non ha alcuna discrezionalità in merito alle richieste che pervengono ad esso dalle Regioni.

La predetta dichiarazione dà luogo alla sospensione dei contributi previdenziali e a rimborsi in favore delle aziende agricole danneggiate, nei limiti previsti dalla dotazione di bilancio nazionale, cui possono concorrere le singole Regioni con ulteriori stanziamenti, ove disponibili o attivando anche i fondi comunitari previsti dai Programmi di sviluppo rurale, nel cui contesto è prevista un'apposita misura, denominata 'Ripristino del potenziale produttivo danneggiato da calamità naturali'.

La dichiarazione del Ministero, oltre a essere un atto dovuto, è necessaria per l'attivazione delle misure sopraindicate, altrimenti non compatibili con la vigente normativa comunitaria.

mercoledì 30 gennaio 2013

L'abbandono delle campagne 3°

Innanzi tutto voglio ringraziare il gentilissimo collega dott. agr. Ettore Lombardo che mi ha dato la possibilità di intervenire e di sollevare le problematiche dell'abbandono delle campagne.
Questa mattina mostro una foto satellitare della zona, riferita a fine maggio 2012, dove si vede parte della zona quasi del tutto abbandonata in questione.
Riporto anche il commento lasciato ieri qui sul blog dal dott. agr. Ettore Lombardo, ma prima vorrei segnalare un gruppo apposito creato su Facebook "Quelli che amano i Peloritani".

Nel 2009 Messina e provincia è stata interessata da numerosi incendi che sono arrivati fino alle case. Il territorio incendiato è stato quello della bassa e media collina. Perchè questo fenomeno interessa ed ha interessato questa porzione di territorio.? Semplicemente perchè è in parziale e totale abbandono dalla destinazione agricola. In atto gran parte è occupato dagli armentisti.
Allora sulla Gazzetta del Sud di Messina dichiarai che per me i terreni abbandonati da più di 20 anni dovevano essere espropriati per pubblica utilità  in caso di eventuali destinazioni, è rimboschiti dall'Azienda Forestale. O comunque dati in prestito a persone che ne avrebbero fatto richiesta per coltivarli. In questo caso di poteva superare l'estrema parcellizzazione della proprietà agricola.

I prezzi dei limoni

Sempre da Auchan i limoni venivano venduti a 1,29 €/chilo, nonostante il "chilometro zero".
Ma se l'ing. Agostino Pennisi mi scrive che li ha venduti a 0,14 €/chilo ... raccolta a carico suo ... apponendo i costi di trasporto, nemmeno 0,02 €/chilo, i costi di lavorazione, all'incirca 0,10 - 0,15 €/chilo, retine, ricarico dell'Operatore Commerciale, e trasporto alla GDO ... si arriva nemmeno a 0,55-0,60 €/chilo.
Come può un prezzo così ... più che raddoppiare in un solo passaggio, ovvero dall'Operatore Commerciale alla GDO?
Eppure la GDO grida al tracollo ... ma incassa soldi "liquidi" (o cash) non appena viene emesso lo scontrino (anzi pochi secondi prima dell'emissione) ...
Non si capisce e non si capirà mai questa moltiplicazione "del pane e dei pesci" ...

Terapia anti calcolosi renale

Ieri mattina mi sono dovuto recare con alcuni agricoltori e due avvocati a Palermo, al Tribunale delle Acque, ovviamente per questioni inerenti allagamenti ed esondazioni di fiumi, ecc.
Chi mi segue su Twitter si sarà accorto che, visto che ero seduto nel posto posteriore dell'auto, mi sono scatenato su considerazioni sulla autostrada Catania - Palermo (non siamo in Europa davvero!), piena di buche, "scaffe" e saltelli causati dai giunti all'altezza dei piloni che la sorreggono in grande parte.
E' proprio in uno di questi innumerevoli punti che, visto il sonoro salto, mi è venuta l'ispirazione che ho immediatamente lanciato su Twitter: percorrere l'autostrada da Catania a Palermo (e/o viceversa) dovrebbe essere presa dalla Organizzazione Mondiale della Sanità quale rimedio immediato ed efficace contro la calcolosi renale. La tratta autostradale dovrebbe essere inserita nel protocollo di cura per l'espulsione dei calcoli renali senza bisogno, quindi, di costosi ricoveri, analisi ed interventi chirurgici.
Chi, infatti, percorre questa tratta autostradale ... espelle i calcoli "sic et simpliciter"!
E che se ne fanno in Europa, quella vera, delle autostrade con la moquette? Senza una "scaffa", senza una buca, senza un sobbalzo e ... senza la possibilità di espellere calcoli renali a fine viaggio? 

Campagne assediate

Nemmeno so da quanto tempo lo diciamo tutti: le campagne sono in mano a nessuno.
Le Istituzioni sono impegnate nelle città e nelle campagne succede di tutto.
Ma non voglio togliere il "piacere" di leggere l'articolo di spalla pubblicato ieri sul quotidiano LA SICILIA, nel quale viene messo il dito nella piaga!
Ingrandite l'immagine e leggete.

martedì 29 gennaio 2013

L'abbandono delle campagne 2°

 La mail che il collega mi ha inviato mi dà lo spunto di pubblicare qualche considerazione sull'abbandono delle campagne, in generale, ma in particolare proprio sulla zona in questione.
Se guardate bene, ingrandendole, le foto satellitari prelevate da Google Earth, vedrete che tutta la zona sopra e nei dintorni di Rometta Marea è quasi del tutto abbandonata. Gli oliveti di un tempo sono spariti, o resta di loro solo il ricordo di quelli che non sono andati a fuoco.
Seminativi coltivati ... ZERO ... forestazione ... ZERO, e quindi?
E quindi l'intera zona non agisce più da ammortizzatore in caso di piovosità elevate, non agisce più da polmone verde quale produttore di ossigeno, non agisce più come "creatore" di lavoro, non agisce più come attrattiva turistica, ma diviene un "peso morto" che, al contrario, acuisce le problematiche connesse all'abbandono delle campagne.
In particolare in quella zona in cui sono presenti tantissimi rilievi collinari e montuosi, la coltivazione era uno dei metodi più efficaci non solo di regimare le acque e non farle arrivare a valle con velocità, ma anche di far sì che non succedessero movimenti franosi derivanti giustappunto dalla mancanza di coltivazione e regimazione delle acque.
E così avvengono spiacevoli eventi che sono legati alla pluviometria!
E che dire degli incendi che , in caso di presenza stabile di agricoltura e di agricoltori, erano ridotti al minimo?
E che dire in generale di tutti questi migliaia di ettari dai quali lo Stato incassa IMU (dal 1996 ICI), ma nulla dà e fa per farli "ripartire".
Queste domande sono ... al solito senza risposte, ma hanno un comune denominatore: la totale assenza delle istituzioni e la totale assenza di programmazione ragionata!


Prezzi ... di arance ...

Un noto Operatore Commerciale di Lentini più volte mi ha fatto, e giustamente, notare come spesso alcune catene di GDO applichino dei prezzi "fuori norma" e troppo bassi in città come Milano o Torino, prezzi di 0,99 €/chilo, però per merce di piccolo calibro.
Ieri mattina sono stato appositamente da Auchan di Catania e ...stavolta era la volta buona che mi crescevano i capelli!
Arance tarocco a 1,99 €/chilo ... e arance moro a 1,53 €/chilo ... e, allora, hanno ragione quelli che mi segnalano a Bologna arance tarocco a 3,80 €/chilo o a Roma arance tarocco a 3,50 €/chilo!
Certo è che ... c'è qualcosa che non quadra in tutto ciò: di sicuro c'è che i produttori, rispetto al lavoro ed ai rischi che hanno, ritraggono poco, troppo poco!

 

Figli e figliastri

Pian pianino il Ministro (uscente) Mario Catania sta firmando i Decreti di declaratoria di danni, la maggior parte per siccità dell'anno scorso, di tutte le Regioni d'Italia.
Li firma ... "a rate" così ... per non farsene accorgere ...
E qui in Sicilia? Niente!!! Mai niente!!!
E come se non bastasse, schiaffo sullo schiaffo ... UDITE UDITE ... cosa firma??? "Piano irriguo nazionale. Rimodulazione del programma di completamento per le Regioni del Centro Nord."
Ma come???
Ma se la Nord ed al Centro Italia piove in continuazione!!!!
Come sarebbe stato bello vedere lo stesso per le nostra Regione Sicilia!

Inutile! Al Ministero, Ministro in testa, ci sono figli e figliastri!

lunedì 28 gennaio 2013

L'abbandono delle campagne

Ricevo da un collega e pubblico.
Tengo a precisare che condivido quanto mi scrive e soprattutto l'influenza dell'abbandono delle campagne a causa della scellerata politica agricola in atto.
Ho avuto il piacere di sentirla in occasione dell'incontro sulla PAC a Catania. Condivido appieno il suo discorso. Abito a Rometta Marea e mi creda abbiamo la collina completamente abbandonata  ormai è diventata "terra di nessuno". Il nostro territorio ha una superficie che per il 70% ha una pendenza superiore al 20%. Quindi non è stata applicata nessuna politica tendente ad un ricambio generazionale ed adesso ci troviamo ad un territorio divenuto completamente marginale.
Ritengo che bisognerebbe attuare una politica verso questo territorio che parta dalle giovani generazioni e soprattutto coinvolgendo quella parte della società ancora interessata (è difficile trovarla dalle nostre parti) ad interessarsi del settore primario. Spero che potremmo sentirci per avviare una seria e giusta discussione nell'interesse di un rilancio culturale e di una maggiore consapevolezza che la nostra società dovrebbe avere per il territorio.
XXXXX YYYYY
Caro XXXXX YYYYY, nei prossimi giorni evidenzierò questa problematica che hai giustamente sollevato.

... continua ...

Concentrato di pomodoro cinese

Ricevo dal collega Marco Felicani, dell'Emilia Romagna, e pubblico.

Concentrato di pomodoro importato dalla Cina ed etichettato come “made in Italy“. Clementine di provenienza spagnola e spacciate per calabresi. Prosciutti crudi provenienti dal Belgio, Olanda e Germania e commercializzati come prodotti nostrani. Oli extravergini d’oliva frutta in realtà di adulterazioni e deodorazioni. Funghi porcini acquistati in Asia e messi sul mercato in confezioni riportanti l’Italia come luogo di origine. Sono solo alcuni esempi di lampante contraffazione alimentare riportati dalle cronache giudiziarie.
I trasgressori? Imprenditori campani, importatori emiliani, commercianti veneti e pugliesi. Insomma, tutta “roba de noantri” come direbbero dalle mie parti. Questo per sfatare il mito che i falsi prodotti italiani vengano fatti sopratutto oltre confine.

È ormai unanimemente riconosciuto che l’italian sounding sia una piaga globale che ogni giorno, stando ai dati forniti da Confragricoltura, ruba letteralmente 165 milioni di euro al made in italy nel mondo, per un business illegale di ben 60 miliardi di euro all’anno. Una cifra superiore di quasi due volte e mezzo il valore complessivo medio dell’export agroalimentare italiano. Casi come quello del Parmesan (formaggio fatto con latte di mucche del Wisconsin che imita in maniera palese il Parmigiano reggiano) o dell’improbabile Spicy Thai, (smerciato dagli americani come pesto genovese), sono ormai noti ai più. Negli ultimi 20 anni, c’è stato un vero e proprio boom di “taroccamenti” del meglio dell’italian style enogastronomico. Possiamo dirlo a voce alta: siamo il paese più imitato del mondo dal punto di vista alimentare. Tuttavia, l’italian sounding non è solo che una faccia della medaglia della contraffazione alimentare che da anni ormai affligge le italiche produzioni.

Purtroppo, in molti casi sono gli stessi italiani che sul “falso made in Italy” ci marciano alla grande: un fenomeno che vale circa 7 miliardi di euro l’anno di cui due terzi in capo al solo per il settore agroalimentare. Se dall’estero dunque, si copiano senza pudore i nostri prodotti facendo leva sull’italianità come elemento attrattivo nei confronti dei consumatori, l’agropirateria in salsa tricolore basa invece il suo business illegale sulle sofisticazioni e le falsificazioni delle eccellenze nostrane, di quel patrimonio enogastronomico emblema della Dieta Meditteranea e modello nutrizionale universalmente apprezzato nel mondo, perché fondato su un’alimentazione basata su prodotti locali, stagionali e freschi.

L’Italia vanta oltre il 22% dei prodotti certificati registrati complessivamente a livello europeo. Se a questi aggiungiamo oltre 400 vini Doc, Docg e Igt e gli oltre 4000 prodotti tradizionali censiti dalle Regioni e inseriti nell’ Albo nazionale. Una lunghissima lista di prodotti che quotidianamente deve fare i conti con il rischio taroccamenti e adulterazioni, all’interno dei confini nazionali. In riferimento al solo anno 2010, in Italia sono state sequestrate circa 12 mila tonnellate di prodotti falsamente indicati come Dop. Le agromafie, sono ormai diventate sempre più esperte nell’utilizzo di internet e dell’e-commerce e risulta sempre più difficile seguire le rotte dei bancali di agrumi che partono dalla Spagna o dal Maghreb e, attraverso queste triangolazioni illegali, approdano “miracolosamente” sui nostri mercati con etichette italiane.

Nonostante tutto ciò, sempre nel 2010, i Nas ed altri organi preposti, hanno effettuato circa 1 milione di verifiche e ispezioni, ma per tutelare il made in italy alimentare serve una stretta legislazione al giorno d’oggi permette di spacciare come made in italy quasi la metà della spesa fatta dagli italiani, dal momento che non è ancora obbligatorio indicare in etichetta la provenienza della materia prima in tutti i prodotti alimentari in vendita.

domenica 27 gennaio 2013

Twitter agricol-mania

Da diversi mesi l'uso Twitter sta interessando molti addetti al settore agricoltura, e molti sono quelli che scrivono nel micro-blogging di Twitter con i messaggi da 140 caratteri - leggi qui.
Personalmente lo trovo molto professionale, diretto e senza fronzoli, ma vedo che Facebook, invece, viene utilizzato molto di più per "tutto il resto".
Twitter, come dicevo, è diretto, senza fronzoli, e soprattutto si può decidere di seguire o meno una persona senza bisogno di attendere che venga "accettata l'amicizia". Se ciò che scrive quella persona mi interessa clicco su "segui" e basta; se poi non mi accorgo che non mi interessa seguirla basta cliccare su "smetti di seguire".
Twitter, inoltre, consente di pubblicare i messaggi non solo dal pc di casa o dai cellulari e tablet, ma anche via sms. Anche Facebook consente di pubblicare via sms, ma avviene qualcosa di diverso. Su Twitter una "diretta" come quella che ho fatto al seminario della Riforma delle Professioni (clicca qui) non può farsi ... viene semplice da fare proprio eprchè nei 140 caratteri a disposizione sei conciso e diretto; dai l'informazione e basta.
Io ... con stupore ... vedo che sono seguito su Twitter non solo da testate giornalistiche nazionali, ma anche da importanti case di costruzioni come la Carraro, o da editori come Flaccovio, case di fertilizzanti ed una serie di colleghi agronomi da tutta l'Italia.
E come dico a tutti Twitter, fra i social network, è il mio preferito: informazione in tempo reale, diretta, essenziale e senza fronzoli.

sabato 26 gennaio 2013

Effetti delle grandinate

Ecco qualche effetto delle grandinate del 15 gennaio scorso nella zona di Ramacca .
Su questo frutto di arancia tarocco si distinguono molto bene ben 12 punti in cui i chicchi di grandine hanno fatto danno.

Tristeza agrumi

Sono passati ignobilmente  due anni e nessuno ha fatto niente.
La malattia va sempre più avanti.
Migliaia e migliaia di piante continuano a morire fra l'indifferenza delle istituzioni

Emergenza siccità

Sta per finire gennaio ed ancora non ho avuto il piacere di ascoltare ad un TG, tranne al TG 3 Sicilia, che la Sicilia è in emergenza siccità!
Roba da matti!
Ma appena il ministro griderà all'allarme siccità al nord dopo due mesi di mancanza di piogge... me lo mangio!!!!

Terremoto in Garfagnana

Continua lo sciame sismico nella zona della Garfagnana.
Ecco il tweet dell'ingv

INGVterremoti (@INGVterremoti) ha twittato alle 7:42 p. on sab, gen 26, 2013: #terremoto Ml:2.4 2013-01-26 18:36:30 UTC Lat=44.17 Lon=10.48 Prof=16.8Km Prov=LUCCA

Bum di visitatori

Non so se è merito (o colpa) della notizia del pagamento del premio unico da parte della agea, ma oggi il blog ha avuto una impennata repentina di accessi!

saldo premio unico

Per la gioia e la tranquillità di tutti pubblico il comunicato stampa della'Agea relativo al saldo del premio unico.

arance della salute

Oggi si svolgerà la manifestazione dell'AIRC "Arance della Salute".
Una manifestazione iniziata tantissimi anni fa; tutto merito della Principessa Maria Carla Borghese e della volontà ferrea dell'ex Assessore all'Agricoltura della nostra Regione on.le Sebastiano Spoto Puleo.
E' un modo assai "elevato" di fare promozione alle nostre arance, tanto salutari, ma tanto bistrattate ...
Le caratteristiche organolettiche delle nostre arance rosse sono risapute e la loro funzione anti-cancro lo è altrettanto.
Ieri mattina, però, Joe Faro mi ha fatto notare che ... la manifestazione ... a Catania ... non è presente!
A Catania non si trovano, a vedere la mappa on-line pubblicata sul sito dell'AIRC, le "Arance della Salute"!!!
Mah!!!

dalla cina ... per ammazzare l'agricoltura europea ...

Veramente questa mattina volevo scrivere come "prima notizia" un'altra cosa, ma una mail di un mio amico  inutile dire anche assiduo lettore, non mi ha fatto dormire tutta la notte.
Qualche link ... e molto sconforto.
Leggete le notizie riportate nei vari link che riporto qui sotto ... la Cina, con l'approvazione della UE (?!?!?!) ci ammazzerà definitivamente?
Non sarebbe il caso di finirla e di "chiuderci" un pò per evitare di importare di tutto e di più e di farci del male?
Leggete anche voi ...

terremoto in garfagnana

Se cliccate sulla fotografia qui a sinistra ingrandendola potrete notare come una serie di scosse sismiche hanno interessato la zona della Garfagnana da ieri pomeriggio, dalla prima violenta scossa di 4,8° scala Richter, e fino a tutta la notte.
Evidentemente c'è una faglia che si è messa in moto.
Speriamo che gli eventi si fermino e che non ci siano danni a persone ed anche alle cose visto che ... le ricostruzioni (sciacalli a parte) avvengono, quando avvengono, con immenso ed estenuante ritardo!

tendenza meteo

L'instabilità derivante da una fredda perturbazione atlantica non demorde.
Nei prossimi giorni, così come si può anche vedere dal meteogramma, rimarranno condizioni di tempo perturbato con annuvolamenti e qualche piovasco, ma non certo piogge che possano risolvere la problematica della siccità.
Le temperature saranno alquanto rigide.
Fra stanotte e lunedì notte saranno possibili, inoltre, anche gelate notturne.
L'instabilità, il vento e le rigide temperature potranno anche contribuire a fenomeni grandinigeni, così com'è avvenuto ieri a Lentini.


venerdì 25 gennaio 2013

terremoto in garfagnana


Una serie di scosse di terremoto, iniziate alle ore 15:48 con una violenta scossa di 4,8° scala Richter, stanno interessando la zona della Garfagnana.
Lo sciame sismico non si è ancora esaurito.
Speriamo tutto rientri al più presto nella normalità!

limoni ... dolori ...

L'ing. Agostino Pennisi è una fonte inesauribile di stimoli riguardo il totale disinteresse da parte di tutti della limonicoltura della fascia Jonica, quella che va da Acireale fino ad alcuni comuni della provincia di Messina.
Inutile ridiscutere delle problematiche che hanno portato a ciò, tranne sottolineare l'abulìa politica, ma voglio stamane evidenziare un dato sconfortante ed allarmante.
L'ing. Agostino Pennisi ha venduto la produzione dei limoni invernali al prezzo di € 0,15/chilo, e sappiamo bene a quale prezzo si trovano nel nord Italia o, peggio, in Europa ... nell'Europa vera ...
Ma la raccolta di questi limoni è pari a € 0,11/chilo ... quindi per ogni chilo di frutto raccolto rimangono in tasca ... del limonicoltore ... appena 0,04 €/chilo ... avete letto bene ... quattro centesimi di euro al chilo ... e domani pubblico alcuni dati di costi di produzione ...

spremute di arancia

Martedì scorso mi sono soffermato a discutere con un Funzionario di un Ispettorato dell'Agricoltura di Catania sul costo delle spremute di arancia che si trovano al bar e/o a quelle fatte con le macchinette (purtroppo troppo poche) dislocate in giro per alcuni Uffici Pubblici.
Convenivamo entrambi che il costo della spremuta è troppo alto, anche considerando tutti i costi di ammortamento delle macchinette stesse e del servizio di gestione e rifornimento.
Non può una spremuta di arancia costare 1,5-3,00 €/bicchiere ... il prezzo è talmente alto che chiunque, caffè a parte, si beve uno di quei tanti succhi di frutta o una bevanda coca-cola simile ...
Abbassando ad un prezzo ragionevole il costo della spremuta si potrebbe, di converso, utilizzare le arance di piccolo calibro per dare una spremuta di arancia buonissima e sicuramente più salutare rispetto a tante altre bevande.

nuovi "vettori"

Ormai è ufficiale: da aprile anche l'aeroporto di Catania verrà interessato dalle rotte della compagnia aerea Ryanair, la compagnia aerea a basso prezzo.
Fino ad oggi qualche volo da e per Palermo e da e per Trapani Birgi; Catania era stata esclusa.
Si aprono, finalmente, nuove possibilità di trasferimento a prezzi concorrenziali dall'aerostazione di Catania divenuta, dopo il fallimento della Windjet, una delle aerostazioni con i costi/tratta più alti del mondo!

giovedì 24 gennaio 2013

buon compleanno!!!!

Buon compleanno dott.ssa Sara Barresi!

Vi chiederete: ma la dott.ssa Barresi compie gli anni oggi? Niente affatto! E allora? Che significa?
Ehhh ... oggi son ben due anni, 731 giorni (il 2012 era bisestile), 17.544 ore, 1.052.640 minuti e ... 6.315.840 secondi che ci venne promesso nella sala conferenze del palazzo dell'ESA di Catania, innanzi ad una sal stracolma di tecnici ed agrumicoltori, innanzi ad un mondo produttivo del comparto agrumicolo, ci venne promesso dalla dott.ssa Sara Barresi e dall'allora Assessore dott. Elio D'Antrassi (che giocherellava tutto il tempo con due cellulari - ed oggi sparito nel limbo post assessoriale) un bando veloce ... 
A due anni di distanza ... di fatto ... non c'è nulla ... ma solo la consapevolezza che anche in questo caso l'Assessorato Agricoltura non ha mantenuto le promesse ... e le attese degli agrumicoltori ancora una volta sono vanificate!
Nel lontano 1987 un altra promessa, stavolta arrivata non a voce ma per Legge, venne disattesa: la L.R. 24/87, all’art. 2 imponeva che l’Assessorato all’Agricoltura procedesse all’individuazione delle aree agrumicole … anche in questo caso, e sono passati ben 26 anni (sì ventisei anni!!!), il silenzio ... 26 anni di silenzi e di Omissioni e Ritardi di Atti d’Ufficio (art. 328 C.P.).
Ebbene cosa riscontriamo in questi due anni che sono trascorsi?
- quel giorno si rubarono la mia macchina ... prontamente rimpiazzata dall'assicurazione
- è stato emesso un Decreto Assessoriale che impegnava € 10.000.000,00, ma nulla si sa del bando promesso
- il Ministero Agricoltura non ha mai modificato il Decreto di lotta obbligatoria

Ma nel frattempo ... la malattia ... è avanzata ... gli ettari interessati dalla malattia sono aumentati a dismisura ... e ... il malato, come sempre, muore mentre si attende che dall'alto avvenga qualcosa che ... puntualissimo ... NON ARRIVA!

Ebbene due anni inutilmente trascorsi ...
e per questo oggi si festeggia!

BUON COMPLEANNO!!!

cinesi dappertutto

Riporto un articolo (col copia/incolla) dal sito www.corriereortofrutticolo.it, relativo alle confetture di mandarino provenienti dalla Cina.
Le marmellate, le confetture, sono prodotti a lunghissima conservazione e, quindi, facilmente trasportabili a basso costo, attraverso le vie del mare.
Ecco che i Cinesi hanno deciso di inondare i mercati anche con questo prodotto e, come al solito, il costo della manodopera e delle materie prime è talmente basso che riusciranno nel loro intento!
Posso solo darvi un consiglio: acquistate prodotto locale, non solo per aiutare la già agonizzante economia locale, ma soprattutto per "sapere cosa acquistate"!

CONSERVE DI MANDARINI CINESI INVADONO L'EUROPA

Inserito Mercoledì, 23 gennaio, 2013 - 12:17
Gli agricoltori e le cooperative europee chiedono alla Commissione Ue di "adottare immediatamente misure antidumping contro le importazioni di conserve di mandarini provenienti dalla Cina". Per i produttori europei, riuniti nel Copa e nel Cogeca, "il flusso di quelle importazioni sta avendo conseguenze devastanti sul mercato europeo".
Questo considerando che i costi di produzione nell'Ue sono quasi il doppio di quelli della Cina. Senza contare - aggiungono - che "quei prodotti non sono tenuti a rispettare le stesse regole e prescrizioni onerose, né tantomeno le stesse norme di sicurezza alimentare imposte nell'Ue".
Se questa situazione continua mettono in guardi ai produttori, "le fabbriche saranno costrette a chiudere e gli agricoltori lasceranno il settore, causando maggiore disoccupazione nelle zone rurali, con il rischio di aggravare ulteriormente l'attuale crisi economica".
Per avere poi l'effetto sperato - spiega il segretario generale del Copa-Cogeca, Pekka Pesonen - le misure antidumping devono essere "introdotte immediatamente, con effetto retroattivo a partire dall'inizio della campagna, ossia novembre-dicembre 2012. In caso contrario tutto il settore degli agrumi trasformati sarà messo a rischio". (fonte: Ansa)

cercasi quote vitate 2°

Dopo l'annuncio di qualche giorno fa da parte di una collega che cercava "diritti di reimpianto" di vigneti, anche il collega dott. agr. Gioacchino Buttice, della zona di Napoli, mi scrive su Facebook dicendomi che i diritti di reimpianto di vigneti li cerca anche lui.
Chi avesse notizia di diritti in vendita si metta pure in contatto col collega Gioacchino Buttice, o mandi a me una mail e provvederò io stesso a girargliela.

evoluzione meteo

Finalmente oggi dovrebbe piovere.
Il grafico delle idrometeore elaborato dal sito amatoriale del mio amico dott. agr. Paolo Giglio parla chiaro (www.sicilymeteo.it)!
E questa mattina, inoltre, ho anche trovato il brusco calo termico già preannunciato.
Un'altra giornata di piogge intense e copiose (speriamo!?!?!?) sarà martedì prossimo.
Qui sotto pubblico, come sempre, l'immagine satellitare appena salvata ed anche l'ultimo meteogramma (di Catania) disponibile.


 

mercoledì 23 gennaio 2013

siamo dei "campioni"

Ma il Ministro Mario Catania (@mario_catania) ha mai avuto l'ebrezza di sperimentare ad usare il METAFERT? No!
Qui in Sicilia, caro Ministro, non piove, ma ... il METAFERT fa miracoli!!!!!
Ce la possiamo vantare: siamo l'unica Regione al MONDO ad avere il METAFERT!
La Tangenziale di Catania è al buio, con i lampioni spenti, ma ... abbiamo il METAFERT!

arance rosse ... i succhi 2°

Oggi proseguo la pubblicazione dell'articolo redatto da il salvagente, pubblicando la comparazione fra prodotti, prezzi e contenuto.
Ma quanto vale acquistare le arance sfuse e farsi la spremuta a casa!!!
Costa meno ed è certamente più buona!




Arance rosse: da Bravo a Conad 11 succhi testati (la tabella)

Il Salvagente ha sottoposto a un test comparativo 11 confezioni di aranciate rosse. 
Tra gli altri fattori considerati per il confronto c’è l’effettiva presenza di arance e la quantità di zuccheri, calorie e additivi. 

CONAD
prezzo al litro: 0,92 euro
arance rosse: 30%
vitamina C: 40mg/100ml 
zuccheri: 10,6g/100ml 
calorie: 45 kcal/100ml
coloranti/aromi: no/si

COOP
prezzo al litro: 1,25 euro
arance rosse: 30%
vitamina C: 30 mg/100ml
zuccheri: 10,6 g/100ml (sciroppo di glucosio)
calorie: 46 kcal/100ml
coloranti/aromi: no/no

CARREFOUR
prezzo al litro: 1,14 euro
arance rosse: 25% 
vitamina C: 40mg/100ml  
zuccheri: 10,6 g/100 ml
calorie: 45 kcal per 100ml
coloranti/aromi: no/sì

SIMPLY (SMA) 

prezzo al litro: 0,99
arance rosse: 30%
vitamina C: 30 mg/100ml
zuccheri: 10,6 g/100ml (sciroppo di glucosio-fruttosio)
calorie: 45 kcal/100ml
coloranti/aromi: no/si

SANTAL
prezzo al litro: 1,12 euro
arance rosse: 20%
vitamina C: 12 mg/100 ml
zuccheri: 11,1g/100ml 
calorie: 49 kcal/100ml
coloranti/aromi:  no/si

PFANNER 
prezzo al litro: 1,72
arance rosse: 28%
vitamina C: 12mg/100ml
zuccheri: 10,8g/100ml 
calorie: 48 kcal/100ml
coloranti/aromi: no/no

SKIPPER (ZUEGG)

prezzo al litro: 1,54
arance rosse: 20%
vitamina C: nd
zuccheri: 10,5 g/100ml 
calorie: 43 kcal/100ml
coloranti/aromi: Cocciniglia/ sì

VALFRUTTA 

prezzo al litro: 1,39
arance rosse: 30%
vitamina C: nd
zuccheri: 11,5g/100ml (sciroppo di glucosio-fruttosio)
calorie: 49 kcal/100ml
coloranti/aromi: Cocciniglia/si

BRAVO (RAUCH)

prezzo al litro: 1,12
arance rosse: 30%
vitamina C: nd
zuccheri: 10,8g/100ml
calorie: 46 kcal /100ml
coloranti/aromi: Cocciniglia/si

DODY (TODIS) 
prezzo al litro: 1,20
arance rosse: 45,6% 
vitamina C: nd
zuccheri: 10,1g/100ml
calorie: 45 kcal/100ml
coloranti/aromi: Cocciniglia/no

DERBY
prezzo al litro: 1,51
arance rosse: 30%
vitamina C: nd
zuccheri: 5,1g/100ml 
calorie: 21 kcal/100ml
coloranti/aromi: Cocciniglia/si

il buio

Non cliccate sulla foto! Tanto...è la situazione alla Tangenziale di Catania...del tutto al buio. PERICOLOSSISSIMA!

scritte murali

Anche questa scritta murale, indicante una propensione "al corteggiamento" mi è stata inviata da un lettore del blog e la dedico a Lina Arena!

martedì 22 gennaio 2013

pizza blog

Ricordo che la pizza blog sarà giovedì prossimo ... giusto giusto ... lo stesso giorno dell'evento che scriverò sul blog!
Per partecipare dovete mandarmi una mail.