sabato 20 gennaio 2018

Fioriture fuori periodo

Ieri pomeriggio una pianta di pesche faceva bella mostra dei suoi fiori.
Le alte temperature di questi giorni, rispetto alla media stagionale, stanno facendo sì che le piante stiano entrando in attività, con emissione di nuova vegetazione.
E se dovesse arrivare un ribassamento delle temperature, ecco che le produzioni potrebbero essere compromesse. 

Sul tavolo agrumi romano, 8° puntata

Altro punto "dolente" del comunicato stampa del Ministero per le Politiche Agricole: "Fondo agrumicolo - 10 milioni di euro in legge di bilancio
Al fine di incentivare l'aggregazione, gli accordi di filiera, l'internazionalizzazione, la competitività e la produzione di qualità è istituto con Legge di Bilancio un Fondo agrumicolo con una dotazione di 10 milioni di euro (2 per 2018, 4 per 2019 e 2020)".
C'è da chiedersi a cosa servano questi 10 milioni di euro, fra l'altro spezzettati in tre anni. Vero è che viene descritto "Al fine di incentivare l'aggregazione, gli accordi di filiera, l'internazionalizzazione, la competitività e la produzione di qualità", ma mi chiedo il senso puro di quanto scritto, anche perchè ciò che serve è una programmazione serie di risorse destinate al reimpianto degli agrumeti colpiti dal virus della tristezza.
Ricordo che non stiamo parlando di una fitopatia a cui possiamo porre rimedio con interventi fitoiatrici, stiamo parlando di una fitopatia incurabile e che porta alla morte gli impianti arborei, per cui la prima cosa da fare è il reimpianto degli appezzamenti.
E fin quanto ho letto finora nel comunicato stampa del Ministero, vedo che ancora non è ben chiaro cosa stia succedendo in Sicilia, ma soprattutto vedo che non è stata indicata la soluzione alla problematica, che rimane serissima ed altrettanto devastante economicamente!

Sul pane con i grani antichi

Mentre sulla testata online Il Fatto Alimentare viene pubblicato un articolo "Il pane con grani antichi è davvero migliore? Secondo uno studio del Crea si tratta di una convinzione senza fondamento", che trovate a questo link 
mi pongo lo stesso interrogativo di tempo addietro: ma quanta superficie c' destinata a questi grani antichi, visto che ogni giorno in ogni panificio vengono sfornati prodotti con questa dicitura, e per più volte al giorno? e ogni pizzeria ha anche nel menù l'impasto di grani antichi, così come tutte le paste che troviamo in ogni supermercato: quanti ettari di questi grani sono coltivati?
La tracciabilità, tanto invocata, in questo difetta, ed anche molto!

Autostrada Catania - Ragusa

Mentre al Nord Italia anche i centri non capoluoghi di provincia sono collegati da strade a scorrimento veloce a doppia carreggiata per senso di marcia e spartitraffico centrale, e le autostrade sono provviste di tre corsie ed asfalto drenante, qui da noi abbiamo autostrade degli anni '70, senza manutenzione e pericolosissime.
Per non parlare dell'eterna incompiuta: l'autostrada Catania - Ragusa, che dovrebbe risolvere i problemi di una tratta stradale che risale agli anni '60.
Segnalo il link nel quale è indicato il tracciato, il piano particellare delle espropriazioni, e speriamo che venga realizzata al più presto ... siamo troppo indietro ...
http://www.ragusacatania.it/project.html

venerdì 19 gennaio 2018

Sul tavolo agrumi romano, 7° puntata

Nel comunicato stampa del Ministero delle Politiche Agricole, poi, si legge:
"Riconversione produttiva: avvio piano di riconversione varietale con materiale certificato esente da virus, utilizzando in maniera sinergica e integrata le risorse dei PSR e dell'OCM attraverso le organizzazioni dei produttori".

E qua mi viene da ridere, mi spiace, ma mi viene da ridere leggendo "utilizzando in maniera sinergica e integrata le risorse dei PSR e dell'OCM attraverso le organizzazioni dei produttori".

Innanzi tutto le risorse del PSR, quelle relative agli investimenti, ovvero la 4.1, sono vincolate da criteri di selezione che hanno penalizzato l'agrumicoltura a tal punto che chi avrebbe voluto effettuare delle riconversioni con il bando precedente ... non è riuscito nemmeno a superare la soglia di accesso dei 25 punti ... "galline a parte"!
E le risorse dell'OCM, invece, sono gestite dalle O.P., che assai raramente consentono di effettuare grosse riconversioni, eccezion fatta per gli "appartenenti prioritari" delle O.P. stesse; e questo è sotto gli occhi di tutti, basta andare in giro per la piana di Catania ...

Quindi, a leggere il comunicato, nulla c'è riguardo la riconversione agrumicola ... ed invece occorrerebbe un piano di riconversione serio, con una dotazione finanziaria corposa di oltre 675 milioni di euro (15.000 euro/ettaro x 45.000 ettari), distribuiti in almeno 8/10 anni.

C'è da chiedersi se veramente si è a conoscenza dell'effetto negativo del virus della tristezza, sia quale impatto sugli impianti arborati, ma soprattutto sulle economie aziendali!

... domani continua ...

Ancora niente piogge

Gennaio 2018 lo archivieremo come un altro mese senza piogge, e dalle temperature sopra le medie stagionali.
Il meteogramma previsionale non riporta piogge per tutta la settimana a venire, e la situazione nelle campagne peggiora di giorno in giorno.



giovedì 18 gennaio 2018

Sul tavolo agrumi romano, 6° puntata

Altro punto che il Ministero indica per la risoluzione dei problemi evidenziati:
- "realizzazione del Catasto agrumicolo nazionale: il Mipaaf si impegna a definire il catasto agrumicolo, avviandone la realizzazione già nel 2018, come condizione necessaria per garantire qualsiasi azione di programmazione produttiva orientata al mercato".

Mi chiedo:
1) quando verrà fatto questo catasto?
2) chi dovrà farlo ... l'Agea con i dati in suo possesso, del tutto errati?
3) quanto costerà la redazione del catasto agrumicolo?

Ma soprattutto ... il catasto agrumicolo in quanto tempo verrà fatto?

... domani continua ...

La tassa sui bicchieri da caffè

Leggo su Il Fatto Alimentare che il governo inglese vorrebbe istituire una tassa di 25 centesimi di sterline (0,28 euro circa) per ogni bicchiere da caffè che viene utilizzato, poichè sono ben due miliardi e mezzo i bicchieri buttati annualmente, senza essere riciclati; e si parla della plastica con cui sono realizzati.
Ed il governo inglese vorrebbe addirittura vietarne l'utilizzo dal 2023, qualora il tasso di riciclo dei bicchieri non abbia un riscontro positivo.
Decisione giusta, quella dell'obbligo del riciclo, meno giusta la tassa ... e speriamo che anche in Italia non venga utilizzato questo metodo per "fare cassa" ...

mercoledì 17 gennaio 2018

Sul tavolo agrumi romano, 5° puntata

Lunedì scorso ho pubblicato il comunicato stampa scaturito dal Tavolo Agrumi tenutosi al Ministero per le Politiche Agricole, e quanto riportato mi lascia "scontento", ma soprattutto pensieroso per una serie di motivi che vanno approfonditi.

- Il Ministero ha deciso "Misure di emergenza: ritiro dal mercato di 4500 tonnellate di arance e distribuzione agli indigenti".

Mi chiedo:
1) quando inizierà il ritiro?
2) quali calibri verranno ritirati?
3) quanto verranno pagate le arance ritirate?
4) verranno stabiliti dei prezzi per calibro, o verrà adottato un unico prezzo per tutti i calibri?
5) chi effettuerà il ritiro?
6) quando verranno pagati i ritiri, ovvero aspetteremo anni come per il "bio 2015"?
7) verrà stabilito un quantitativo massimo per azienda agricola, o un quantitativo massimo ad ettaro?
8) verranno ritirate arance rosse o arance bionde?
9) ma 4.500 tonnellate di arance davvero si pensa che possano tonificare il mercato?

Eh, già; l'ultimo punto ha bisogno di una considerazione a parte: 4.500 tonnellate corrispondono a 450 "vagoni", che sono appena il 10% di quanto molti dei grossi operatori commerciai lavorano in una campagna agrumicola. E siccome la quantità che normalmente viene avviata alla trasformazione industriale supera il 30% (in annate come questa anche il 40%), mi domando quale sia l'effetto "ristoro" di un ritiro di appena 450 vagoni di arance su tutto il quantitativo prodotto.

... domani continua ...

Incontro Tecnico Sistemi di Supporto alle Decisioni per la viticoltura sostenibile

Si terrà venerdì prossimo 19 gennaio, alle ore 16.00, a Linguaglossa, presso la Sala Riunioni della Casa San Tommaso l'Incontro Tecnico Sistemi di Supporto alle Decisioni per la viticoltura sostenibile.

Sarò presente.

Concorso Colture e Culture del Calatino

Si terrà a Caltagirone sabato 20 gennaio alle ore 10 la premiazione del  Concorso "Colture e Culture del Calatino", nell'ambito delle celebrazioni 150° dalla fondazione dell’Istituto Tecnico Agrario, in via Balatazze n°32.

Sarò presente.

Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/events/136759947114901

martedì 16 gennaio 2018

Sul tavolo agrumi romano, 4° puntata

Riporto questa mattina il comunicato stampa della Confagricoltura, affidato alle dichiarazioni del dott. agr. Gerardo Diana.

Tavolo agrumi, Confagricoltura: "Risposte parziali per una crisi devastante che ha bisogno di congrui interventi strutturali e contingenti"
“Il settore agrumicolo, che sta vivendo una crisi devastante con quotazioni in forte e continua flessione, con la plv di settore che registra -30% e con problematiche fitosanitarie, ha bisogno di un piano di intervento forte ed incisivo, in grado di promuovere e concentrare l'offerta di agrumi italiani e di sostenere la riduzione dei costi di produzione (ad esempio per quelli di irrigazione e per le forniture di elettricità)”. Lo sottolinea Gerardo Diana, presidente della Federazione nazionale di Prodotto di Confagricoltura, in relazione alla riunione del tavolo nazionale di settore indetto dal ministero delle Politiche agricole.
Gli interventi contingenti annunciati al tavolo, per dare un sostegno immediato e congruo alle imprese agrumicole in gravissima difficoltà (come il ritiro di 4500 tonnellate di agrumi, in gran parte tutto ancora da definire, e il piano di comunicazione e promozione al consumo), ad avviso di Diana, sono assolutamente insoddisfacenti. Per non parlare delle risorse disponibili che per quest’anno ammontano a soli 2 milioni di euro. Troppo poco per le criticità con le quali si confrontano gli operatori in questa difficile campagna.
“Servono poi interventi strutturali diretti al rinnovamento degli impianti produttivi e vanno fronteggiati i problemi legati alle fitopatie e al Citrus  Tristeza Virus (CTV) – pone in evidenza il rappresentante di Confagricoltura -. In tal senso, ad esempio, avevamo proposto un fondo di garanzia Ismea per il preammortamento (di durata di quattro anni) per i reimpianti. E sarà fondamentale dar vita ad azioni a livello interprofessionale per definire la programmazione della produzione, nell’interesse dell’intera filiera”.

PO FESR 2014/2020 – Azione 3.5.1_01 - le graduatorie

Pubblicate le graduatorie della Azione 3.5.1_01 del PO FESR 2014/2020, "Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l’offerta di servizi, sia attraverso interventi di micro finanza. Sub Azione: nuove imprese – Bando a sportello in esenzione".

Qui sotto le graduatorie delle prime 115 istanze.

Quel che resta del terremoto del Belice, 3° puntata

A Gibellina "nuova", città delocalizzata a circa 10 chilometri in linea d'area da Gibellina "vecchia", ma a circa 17 chilometri da percorrere in automobile, si sono sbizzarriti vari architetti, creando delle opere d'arte "a cielo aperto".
Ecco alcune delle "opere" che ho fotografato a capodanno.

lunedì 15 gennaio 2018

Siccità Sicilia: i dati

La situazione delle piogge in Sicilia diviene sempre più critica: continua a non piovere, e tutta questa settimana non pioverà.
Pubblico gli ultimi dati ed i grafici elaborati dall'Osservatorio delle Acque, ma anche il testo "di accompagnamento.

ANDAMENTO METEOROLOGICO DEL MESE DI DICEMBRE 2017

Con l'arrivo di un fronte freddo nord-atlantico, il mese di dicembre è iniziato con un brusco calo termico e con piogge diffuse, che il giorno 1 hanno interessato in modo più persistente e significativo il settore tirrenico, dove sono stati registrati quantitativi tra i 10 e i 30 mm, mentre il giorno 2 hanno interessato il settore occidentale con quantità analoghe, con i massimi valori registrati nelle aree interne del Trapanese. Sono state registrate nevicate su Madonie e Monti Sicani a quote superiori ai 1200 m. La circolazione associata alla saccatura attiva sulla penisola italiana, dopo una breve pausa, di nuovo il giorno 4 ha fatto affluire sulle coste tirreniche sistemi perturbati che hanno prodotto nuove piogge sparse sul settore settentrionale, molto scarse tuttavia nel Palermitano. La quota neve è gradualmente scesa sotto i 900 m, producendo tuttavia accumuli nevosi significativi solo sui Nebrodi, limitati invece sui Monti Sicani, sulle Madonie e sul versante settentrionale etneo. 


Dopo residui fenomeni sul Messinese il giorno 6, strascichi del flusso perturbato, l'espansione di un'area di alta pressione ha prodotto una fase senza piogge, fino al giorno 8, caratterizzata dall'aumento delle massime ma da inversioni termiche notturne pronunciate, con gelate di moderata intensità nei fondovalle. L'indebolimento dell'alta pressione ha permesso l'arrivo di un debole fronte perturbato il giorno 9 con piogge di limitata intensità sui settori occidentale e tirrenico. La formazione di una saccatura sulla Penisola Iberica ha prodotto a partire dal giorno 11 sulla Sicilia forti correnti di Libeccio, con contestuale aumento delle temperature, specie sulla fascia costiera tirrenica, dove le massime hanno sfiorato i 20 °C a causa dei venti di caduta. 

Quel che resta del terremoto del Belice, 2° puntata

Oggi mostro le fotografie riprese per capodanno a Gibellina "vecchia", ovvero dove la città non c'è più, ed al posto suo è sorto il "Cretto" di Burri, che ricreda l'impianto del paese, con i viottoli in parte preesistente.
Il Cretto è stato completato nel 2017; infatti quando andai nel 2014 era ancora incompleto.

Sul tavolo agrumi romano, 3° puntata

Dopo le varie richieste, che ho pubblicato nei giorni scorsi, l'11 gennaio scorso è stato indetto un "tavolo tecnico agrumi" presso il Ministero per le Politiche Agricole, ed ecco la nota che è stata pubblicata dal Ministero in seguito della riunione, che commenterò domani.

Tavolo agrumi: stabiliti aiuti d'emergenza con ritiro di 4500 tonnellate di arance. Al via fondo agrumicolo da 10 milioni di euro


Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che si è riunito questo pomeriggio il tavolo del settore agrumicolo presieduto dal Sottosegretario Giuseppe Castiglione. La riunione è stata organizzata per affrontare con strumenti operativi la crisi del comparto.

... domani continua ...

qui sotto il resto del Comunicato stampa

domenica 14 gennaio 2018

Quel che resta del terremoto del Belice

Esattamente cinquant'anni fa una serie di scosse di terremoto devastarono una vasta area del Belìce: Gibellina, Poggioreale, Salaparuta e Montevago i comuni più colpiti; danni a tantissimi altri comuni, come S. Margehrita di Belìce, Salemi e Partanna.
6.4° della scala Richter, la più forte delle 345 scosse registrate in quei giorni.
Più di 70.000 persone sfollate, e più di 300 morti.

Sono stato in queste città, quelle "fantasma" e quelle ricostruite nel 2014, e ci sono tornato per capodanno.
Ecco alcune immagini di Poggioreale "vecchia", ovvero ciò che resta dopo 50 anni ... la "nuova" città, infatti, è stata ricostruita a circa 4,5 chilometri da quella ormai "fantasma".

Qui sotto alcune fotografie.


Sul tavolo agrumi romano, 2° puntata

In occasione di due incontri, uno organizzato con l'Assessore regionale all'Agricoltura, on.le Edy Bandiera, e l'altro al Ministero con il Ministro (che non c'era), sostituito dal Sottosegretario on.le Giuseppe Castiglione, il Distretto Agrumi di Sicilia ha presentato due documenti di richieste, che allego qui sotto.

... continua ...

Paese che vai, "scaffa" che trovi

Per Natale sono andato in Val di Fassa con la mia famiglia. Dall'aeroporto di Oro al Serio a Vigo di Fassa nemmeno una buca per le strade, in ben 267 chilometri.
Da Trecastagni a San Giovanni La Punta, invece, in soli 6 chilometri ci sono un centinaio di "scaffe" e per evitarle bisogna fare un pericolosissimo zig-zag.
Ma ci posso credere che i due Sindaci di queste città non percorrono mai questa strada?
E ci posso credere che nessuno faccia qualcosa?
Eppure in 267 chilometri di strade "del nord" una "scaffa" non c'era nemmeno a cercarla, mi sono sentito quasi orfano ...

sabato 13 gennaio 2018

Sul tavolo agrumi romano, 1° puntata

L'11 gennaio scorso a Roma, presso il Ministero per le Politiche Agricole, si è tenuto un tavolo tecnico per affrontare alcune emergenze del settore agrumi:
1) citrus tristeza virus
2) siccità
3) problematiche derivanti da pezzatura ridotta dei frutti
Tutti problemi che stanno interessando sempre di più un settore che da anni aspetta risposte.
Al Tavolo erano presenti moltissime persone, ognuna delle quali rappresentava una categoria produttiva.
Ma partiamo dai primi giorni del mese di gennaio:
Il Presidente del Distretto Agrumi di Sicilia, dott.ssa agr. Federica Argentati, chiede un incontro al neo Assessore all'Agricoltura on.le Edy Bandiera, ed il 4 gennaio scorso viene ricevuto.
Questa la nota pubblicata sul sito internet del Distretto Agrumi, relativa all'incontro:
"una delegazione del Distretto ha incontrato l’Assessore all’Agricoltura Edy Bandiera al quale è stato consegnato un documento riepilogativo sulle azioni che si ritengono necessarie a sostenere il comparto. Nel documento si fa presente la necessità di un intervento rapido ed efficace soprattutto nelle zone (arancia rossa) in cui la produzione è rappresentata, almeno per il 60 percento, da prodotto con calibro medio-piccolo, poco appetibile sul mercato del fresco (GDO), che registra prezzi in campagna spesso decisamente inadeguati e che è d’altra parte viene pagato molto poco anche dalla trasformazione industriale: dunque, investire nell’immediato fondi regionali per la comunicazione delle produzioni DOP IGP e Biologico al consumo sia fresco sia trasformato con l’organizzazione di una campagna istituzionale sui media e su web con tecniche di marketing territoriale e Turismo Relazionale Integrato; velocizzare l’iter amministrativo per l’approvazione dei progetti di comunicazione e marketing di riferimento del bando 3.2; incentivare l’uso di spremiagrumi automatiche nelle scuole, negli ospedali, nella GDO, così da incrementare l’impiego di agrumi di piccola e media pezzatura. All’assessore è stato chiesto anche di supportare gli Accordi di filiera quadro siglati dalle Organizzazioni di Categoria, dal Distretto Agrumi e dall’Assessorato con aggiunta di contratti tra privati tra le parti (soprattutto tra OP e trasformazione industriale) in grado di individuare quantità, qualità e prezzi del prodotto oggetto dell’accordo e che siano sostenuti dall’Amministrazione attraverso l’attivazione dell’art. 82 che limita gli aiuti pubblici o altri interventi regionali al rispetto dell’accordo di cui sopra"

... continua ...

Tondo Gioeni: l'ingorgo

Quando ero ragazzo, ed ogni giorno andavo all'Università, percorrevo la circonvallazione di Catania, che ad ogni intersezione stradale era provvista di un semaforo. A volte passavo ore da Ognina per raggiungere Nesima ed andare in Facoltà di Agraria.
Poi arrivò la Tangenziale, che snellì la Circonvallazione dal flusso veicolare proveniente da tutte le varie province dirette verso Messina, e viceversa.
Poi arrivarono i vari "torna indietro", e da Ognina si arrivava a a Misterbianco in 10/15 minuti (circa 8 chimoletri).
E poi ... venne eliminato il ponte del Tondo Gioeni: ed ecco che la città si blocca ... 

Segnalo due articoli apparsi su Lasiciliaweb:

venerdì 12 gennaio 2018

Saldo PAC

Se molti agricoltori sono in attesa del "saldo PAC", ovvero la seconda erogazione da parte di AGEA del premio unico, altri non hanno ricevuto nemmeno l'acconto.
Ogni anno la stessa storia: ritardi su ritardi, e l'Agea che non ne risponde.
E gli agricoltori aspettano ...

Siccità Sicilia: persiste l'anomalia

Qualche evento piovoso dei giorni scorsi non ha certo sminuito il grave problema del deficit idrico accumulatosi nel corso degli ultimi cinque anni, ed accentuatosi nel corso del 2017.
Molti i campi seminati ed in cui la germinazione è stata "timida" o assente.
Molti i campi in cui non si è nemmeno seminato.
Molti gli arboreti, agrumeti in particolare, in cui si continua ad irrigare.
Eppure nei mass-media nazionali permane un "silenzio istituzionale" che preoccupa, perchè allorquando per due mesi non piove al nord ... ecco che i telegiornali sono invasi dalla notizia, mentre qui ... il silenzio: è tutto normale, evidentemente.

Però ... l'estate del 2018 ... sarà dura da affrontare ...


PSR Sicilia 2014/2020: Scadenza Misura 6.1

Ricordo che la scadenza della consegna di tutta la documentazione cartacea relativa ai progetti del "pacchetto giovani", Misura 6.1 (e misure collegate) scade domani 13 gennaio.
Qualora la documentazione verrà trasmessa per Raccomandata tramite le Poste Italiane, la data di "introito" allo sportello degli Uffici Postali rimane quella del 13 gennaio.
Qualora la documentazione verrà trasmessa con Corrieri Privati la scadenza di arrivo presso gli Ispettorati deve essere quella del 15 gennaio, alle ore 13.00.
Qualora la documentazione verrà trasmessa "a mano", siccome il 13 è sabato e gli Ispettorati sono chiusi, la data di presentazione è quella del 15 gennaio (lunedì prossimo), entro le ore 13.00.

PSR Sicilia 2014/2020: Misura 6.4

Sul sito internet del PSR Sicilia 2014/2020 è stato pubblicato:

SOTTOMISURA 16.4 “Sostegno alla cooperazione di filiera, sia orizzontale che verticale, per la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali e sostegno di attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali” - DISPOSIZIONI ATTUATIVE – Con D.D.G. n. 4594 del 29.12.2017 sono state approvate le Disposizioni Attuative (parte specifica) della sottomisura 16.4.

Qui sotto i documenti

Agea: programmi di attività a sostegno dei settori dell'olio di oliva e delle olive da tavola

Pubblico le Istruzioni Operative Agea n. 2 del 9 gennaio 2018

Modalità di applicazione dei Regg. (UE) n. 611/2014 e 615/2014, così come modificati dai Regg. (UE) n. 1962/2017 del 9 agosto 2017 e n. 1963/2017 del 9 agosto 2017 inerenti i programmi di attività a sostegno dei settori dell'olio di oliva e delle olive da tavola. Campagna di commercializzazione 2018-2021.

Qui sotto i documenti.

giovedì 11 gennaio 2018

L'evoluzione tecnologica

In questi giorni è rimbalzata un pò ovunque la notizia che la Procura di Nanterre (Francia) ha avviato una indagine per capite se gli aggiornamenti del software degli Iphone potessero in qualche modo essere stati fatti apposta per rallentare il funzionamento dei telefonini, e quindi indurre all'acquisto di nuovi cellulari tecnologicamente più evoluti.
La cosa non mi stupisce affatto, poichè è "da una vita" che inseguiamo gli aggiornamenti dei sistemi operativi dei PC, e che installiamo software sempre più "potenti" (a volte inutilmente), e che la "pesantezza" dei software rallentano i sistemi informatici (qualunque essi siano). A causa di ciò servono sistemi sempre più performanti.
L'alternativa è "restare al passo" ed accontentarsi.
Ricordo, ad esempio, che nel 1990 Autocad "stava" in una decina di floppy disk da 3,5", e adesso lo scaricamento dal serve della Autodesk sfiora i 4Gb: ma serve davvero avere un software che "impegna" la memoria del PC, ma soprattutto la CPU per il funzionamento stesso?

Sul sisma '90

Nessuna nuova riguardo i rimborsi del sisma '90, ormai passato alla storia come "rimborsi lumaca".
E nel frattempo, parliamo di 27 anni fa, le persone sono anche decedute ...

Evoluzione meteo

Nella giornata di ieri una parte della Sicilia è stata "graziata" da piogge, ma un'altra parte, quella occidentale no.
Le temperature sono diminuite, ma ancora non si avvicinano alle medie stagionali.
Il meteogramma previsionale riporta piogge nella giornata di sabato, ma di modesta entità.


mercoledì 10 gennaio 2018

Siccità in Sicilia: il riuso delle acque

Un altro modo per poter "reperire" acque è quello di attivare le procedure per poter effettuare il "riuso" delle acque.
Acque utilizzate per gli usi domestici riutilizzate per l'agricoltura, per destinazione industriali, insomma, accumulare grandi quantità di acque per redistribuirle successivamente in altri settori, che altrimenti andrebbero disperse.
In questo campo le soluzioni ci sono, ma spesso per attuarle servono investimenti onerosi e, soprattutto, la realizzazione di reti di captazione e successiva redistribuzione.
Ma in situazioni di gravità, come quella in cui siamo attualmente in Sicilia, qualunque strada va percorsa.
Siamo a gennaio e sono mancate le piogge di novembre e dicembre scorso; la fine di gennaio ed la prima quindicina di febbraio sono altri mesi statisticamente piovosi: speriamo che le piogge siano abbondanti, altrimenti l'estate prossima sarà tragica per tutti.
E, per fortuna, la zona del catanese "ai piedi" dell'Etna, è parzialmente "salva", grazie alle falde che vengono alimentate proprio dal sistema idrico sotterraneo presente; ma tutto il resto della Sicilia?

Una volta c'erano i forum

Tantissimi anni fa uno dei "luoghi di aggregazione per tematiche" su internet erano i "forum", distinti per categorie e nei quali si scriveva con apposita registrazione.
Anche oggi i forum sono presenti, ed anche molto frequentati, ma da quando su Facebook ci sono i "gruppi" tutto è diventato (dobbiamo ammetterlo) più semplice, più immediato, ma soprattutto le informazioni "per tematiche" vengono veicolate più rapidamente, ed anche ad una maggiore quantità di persone.
E l'evoluzione dei "forum" non è dovuta solo alla modalità di gestione dei gruppi di Facebook, ma anche alla facilità do accesso che tramite gli smartphone tutti noi abbiamo quotidianamente.

La fatturazione elettronica

Segnalo che con la legge di bilancio 2018 l'obbligo della fatturazione elettronica fra privati è stata spostata al 1° gennaio 2019.
E al 1° gennaio 2019, inoltre, verrà eliminato il così detto "spesometro".

Sui sacchetti della frutta

Segnalo un articolo apparso sulla testata online Il Fatto Alimentare, che trovate qui
dove trovate l'elenco dei supermercati ed i prezzi dei famigerati sacchetti a pagamento della frutta.

martedì 9 gennaio 2018

Siccità in Sicilia: ormai è allarme

Ormai è allarme siccità in Sicilia.
Un pò in tutte le contrade, chi possiede arboreti o sta facendo coltivazioni di ortaggi invernali, sta continuando ad irrigare.
Moltissimi seminativi sono rimasti "seminati e basta", senza che vi sia stata alcuna germinazione.
Pubblico questa mattina una immagine del deficit idrico elaborato dal collega dott. agr. Luigi Pasotti, in attesa di leggere il bollettino dell'Osservatorio delle Acque, una immagine allarmante.

Agea: disposizioni per la gestione dei Programmi Operativi delle O.P.

Pubblicate le Istruzioni Operative Agea n. 1 del 5 gennaio 2018

Disposizioni per la gestione dei Programmi Operativi realizzati dalle Organizzazioni di produttori e loro Associazioni, per l'erogazione dell'aiuto finanziario ai sensi dei Reg. (UE) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio e del Regolamento delegato (UE) 2017/891 e del Regolamento di esecuzione (UE) 2017/892.

Qui sotto le istruzioni ed i link per scaricare tutti gli allegati.

Evoluzione meteo

La perturbazione che ha interessato il nord ed il centro Italia si sposta a sud, ed anche verso la nostra regione.
Domani dovremmo avere delle piogge sparse, a tratti anche intense, ed un calo delle temperature.
Speriamo, poi, che anche la perturbazione attualmente presente ad ovest dell'Inghilterra e della Francia prosegua il suo cammino verso la nostra regione portando piogge abbondanti.

I rimborsi dal conto fiscale

Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 5, è stato pubblicato:

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 22 dicembre 2017  
Modalita' di attuazione delle disposizioni in materia di rimborsi da conto fiscale.

Qui sotto il decreto.

lunedì 8 gennaio 2018

Siccità in Sicilia, e l'Egitto va avanti ...

Qualche giorno fa ho scritto della possibilità di installare dei dissalatori lungo le coste siciliane, per risolvere il problema dell'approvvigionamento idrico, dissalatori alimentati da pannelli fotovoltaici, come le pompe di rilancio.
Qualcuno "mi ha preso per pazzo", ma mentre qui attendiamo le piogge, attendiamo la revisione delle reti irrigue consortili ... in altre parti del mondo, ma molto vicine a noi, fanno ben altro.

In Egitto, dove la superficie agrumicola nell'ultimo decennio è cresciuta da circa 35.000 ettari ad oltre 120.000 ettari, e dove altre colture sono in grande espansione, anche grazie al costo di manodopera molto basso, a causa della richiesta idrica elevata, ed alla cronica e storica mancanza di piogge, si sta realizzando il più grande dissalatore del mondo, con una capacità di 164.000 metri cubi al giorno.

Questo impianto servirà anche per soddisfare le esigenze idriche di alcune città, ma facendo quattro rapidi calcoli ... in un anno questo impianto avrà prodotto ben 59 milioni di metri cubi di acqua, ovvero sue volte quanto al Lago di Ancipa, così per rendere l'idea.

E, sempre in Egitto, allo studio altri tre impianti da 150.000 metri cubi di acqua desalinizzata al giorno ...

E nel frattempo noi "restiamo al palo", loro vanno avanti ...

Europa dove sei che non ti vedo ...