mercoledì 31 gennaio 2018

La cantierabilità dei progetti, 3° puntata

Altra domanda sulla cantierabilità: ma è sempre necessaria?
La cantierabilità nei progetti è necessaria quando una idea progettuale va attuata nel breve periodo, e quando la stessa va richiesta ad Enti di cui si conosce la lunghezza nelle emissione dei pareri/nulla osta/autorizzazioni.
La cantierabilità è necessaria, inoltre, su specifiche opere da realizzare, anche nel campo agrario, molte delle quali, però rientrano fra quelle indicate dal Decreto Legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004, e meglio descritte all'articolo n. 149,  comma 1, lettera b), ovvero: "per gli interventi inerenti l'esercizio dell'attività agro-silvo-pastorale che non comportino alterazione permanente dello stato dei luoghi con costruzioni edilizie ed altre opere civili, e sempre che si tratti di attività ed opere che non alterino l'assetto idrogeologico del territorio".
E su quest'ultimo comma si aprono infinite interpretazioni, che tralascio ... "altrimenti facciamo notte", come si suol dire.

Poi ci sono anche diversi "tipologie" di cantierabilità richieste, ma ne parlerò nei prossimi giorni.

... domani continua ...

Protocollo di intesa Ministero Politiche Agricole per aziende confiscate

Dal sito internet dell'AGEA:



MIPAAF: FIRMATO PROTOCOLLO D’INTESA MINISTERO – AGEA – ANBSC PER GESTIRE  E VALORIZZARE AL MEGLIO I TERRENI E LE AZIENDE AGRICOLE CONFISCATE 




martedì 30 gennaio 2018

La cantierabilità dei progetti, 2° puntata

Ieri ho posto alcune domande sulla cantierabilità, e da oggi cerchiamo di dare le risposte.
La cantierabilità dei progetti è sempre necessaria?
La risposta è duplice, in base alle finalità dei progetti, ed anche in base alla urgenza/necessità di realizzarli.
Qualora un progetto deve essere eseguito nel giro di poco tempo, la cantierabilità è condizione indispensabile per poterlo eseguire.
Qualora un progetto, invece, preveda opere che vanno differite nel tempo, ad esempio in due/tre anni, la cantierabilità non è necessaria.
Un esempio per tutti: se in un progetto di impianto/reimpianto di qualsivoglia frutteto è stata prevista anche la realizzazione di una struttura, piccola o grande che sia, per la lavorazione, stoccaggio, confezionamento della produzione, è chiaro che dapprima si impiegheranno le risorse finanziarie per effettuare i miglioramenti fondiari "puri", ovvero quelli destinati alla realizzazione di tutte quelle operazioni di campo atte a consentire l'impianto delle colture; poi verranno poste in atto tutte le operazioni colturali per portare a frutto le colture stesse e, non appena l'impianto inizia la propria produzione, ecco che si inizierà a realizzare la struttura prevista.
E la realizzazione differita della struttura di lavorazione segue delle logiche imprenditoriali che, spesso, cozzano con la burocrazia, spesso troppo rigida.
La realizzazione differita della struttura, infatti, consente di spostare nel tempo la realizzazione di una struttura che, nell'immediato non ha alcuna necessità di esistere, perchè non vi è alcuna produzione da esitare; una struttura realizzata anzitempo, e nella quale non si effettuano lavorazioni, inoltre, rimane inattiva e senza manutenzione per anni; lo stesso dicasi per tutta l'impiantistica installata anzitempo: diviene obsoleta e inaffidabile dopo anni di "fermo".
Oltre a ciò c'è una cosa che la macchina burocratica non tiene in considerazione: "il costo del capitale immobilizzato". Per realizzare una struttura, qualunque essa sia come dimensioni economiche, vanno impiegate risorse finanziarie, che rimangono inutilizzate per anni.
E qualunque imprenditore non può permettersi di tenere del capitale "immobilizzato" per nulla.

... domani continua ...

Prodotti ortofrutticoli: prezzi pazzi


Prendo spunto da una segnalazione fatta dal sig. Carlo Torrisi alla rubrica "lo dico a La Sicilia", per rimarcare come sia eccessiva la forbice dei prezzi fra quanto viene corrisposto agli agricoltori in campagna, e quanto viene proposto ai consumatori.
I prezzi indicati dal lettore del quotidiano sono a dir poco iperbolici ...

Evoluzione meteo

L'immagine satellitare ci mostra una Italia sgombra da nuvole, ed il centro del mediterraneo ancora scevro da possibili piogge.
Anche il meteogramma previsionale ci mostra l'assenza di piogge sulla nostra regione, per tutta la settimana.
E, nel frattempo, si consuma una delle più grosse crisi idriche della nostra regione, come quella del 1990/91 e del 2001/2002. 

lunedì 29 gennaio 2018

La cantierabilità dei progetti

La cantierabilità dei progetti ... bella parola, dietro la quale spesso la burocrazia si nasconde, ma imperversa.
Se cercate la parola "cantierabilità" su internet trovate molte definizioni, ma tutte riconducenti ad un concetto, e la definizione che mi piace di più è quella riportata da Il Sole 24 Ore:
"È la somma dei requisiti di un'opera pubblica pronta per essere cantierata. Il primo requisito è avere un progetto esecutivo approvato. Questo progetto dovrà inoltre essere in possesso di tutti i permessi, l'autorizzazione e le licenze necessari per l'avvio del cantiere, non da ultimo quello dei finanziamenti per garantire il completamento dell'intero lotto".
La definizione appena scritta (in copia/incolla) "non fa una piega" e rende perfettamente l'idea di cosa significhi questo abusato termine di "cantierabilità".
Ma questa cantierabilità:
- è sempre necessaria? 
- è sempre indispensabile? 
- è sempre attuale? 
- ed, infine, quanto costa?
A queste domande cercherò di rispondere nei prossimi giorni, con uno sguardo alla cantierabilità dei progetti del PSR Sicilia 2014/2020, sia quello del bando settimino della Misura 4.1, che del bando settimino bis della Misura 6.1, e vedremo che ... la cantierabilità esiste anche in "modalità differita" ed in "modalità condizionata".

... domani continua ...

Registro del vino

Sul sito internet del Ministero per le Politiche Agricole è stata resa disponibile la versione 4.6 del Registro Vino dematerializzato.
Questo il link:

Sul sito, inoltre, viene riportato:
Questa nuova versione recepisce alcune osservazioni e risolve alcuni refusi relativamente agli aspetti seguenti:
- Sono stati modificati/inseriti due codici Esito: V11 e V12 
- Nei servizi di visualizzazione delle tabelle di decodifica: VisZonaViticolaSiRPV, VisMenzioneSiRPV, VisSottozonaSiRPV, VisVarietaSiRPV, VisEbacchus-SiRPV il messaggio di input è stato rinominato da Vis-SiRPVIntput in VisSiRPVInput 
- Nella ListaSottozona sono stati aggiunti i campi DescrVinoZona e Tipo-Zona 
- Nella ListaEbacchus è stata aggiunta la descrizione del Paese. 

Aggiornamento di DraftSight 2018

Segnalo che è stata rilasciata la versione SP1 di DraftSight 2018, il software gratuito per disegnare con il CAD.

domenica 28 gennaio 2018

Ancora sulla siccità

Niente da fare! Non piove!
Un altro mese, questo di gennaio, che cataloghiamo come mese senza piogge.
E per tutta la settimana prossima nessuna pioggia all'orizzonte, con un fronte di alta pressione che staziona al centro del mediterraneo.


Tremore vulcanico

Da diverse settimane l'Etna continua a dare segnali di attività; il tremore vulcanico, che registra il tracciato del sismografo di Mascalucia del dott. Mario Di Guardo, nè è testimonianza.
E se l'Etna "fuma" e "borbotta", ecco che Stromboli,invece, continua la sua attività effusiva, come mostra la foto della telecamera termica dell'INGV, prelevata dal web questa mattina.

La faglia di Trecastagni

Già nel 2016 ho scritto un post sulla "faglia di Trecastagni", quella faglia che si vede benissimo percorrendo la strada provinciale che da Trecastagni porta a S.G. La Punta.
Da qualche mese il dislivello stradale nella zona della faglia è aumentato, e si vede proprio una sorta di "gradino".
La faglia è costantemente monitorata dall'INGV, come potete leggere da questo link:

sabato 27 gennaio 2018

Il boomerang delle inefficienze burocratiche

Ieri sulla testata online Ilgiornale.it è apparso un articolo dal titolo "L'Europa elimina gli aiuti alla Sicilia: così imparerete a non sprecare soldi".
Si tratta di un ricorso respinto per ben 380 milioni di euro di «Agenda 2000», a leggere l'articolo, da restituire all'Unione Europea.
Nell'articolo si legge che "erano state registrate alcune irregolarità quali: «operazioni relative a progetti presentati dopo la naturale scadenza del termine di presentazione delle domande; spese di personale non correlate al tempo effettivamente impiegato per i progetti; consulenti esterni privi delle qualifiche richieste; giustificativi di spesa insufficienti; spese non attinenti; esecuzione delle attività non conforme alla descrizione dei progetti; e violazione della procedure di appalto e di selezione di docenti e consulenti».
Nello stesso articolo si legge che i Giudici di Lussemburgo hanno riscontrato "esistenza di errori di sistema, causati soprattutto dall'inadeguatezza dei sistemi di vigilanza sulla trasparenza dell'uso stesso dei fondi".
Ed in fondo all'articolo si legge ancora "si chiedono i nomi dei responsabili".
Ebbene ... sappiamo tutti in quegli anni chi furono i Dirigenti Generali ... un avvocato ... e un architetto ...

Gelate 2017: la Delibera integrativa

Nei vari Decreti Ministeriale per le gelate 2017, era sfuggito l'inserimento di 2 comuni della provincia di Catania: Scordia e Militello V.C., come avevo scritto il 12 novembre scorso:
Con apposita Delibera, la n. 516 del 18/12/2017, è stato messo in atto l'iter procedurale per l'inserimento di questi due comuni.
Adesso si attende il Decreto Ministeriale di declaratoria, e poi solo per questi due comuni si riapriranno i termini per le poter avanzare le domande.

Qui sotto la Delibera ARS.

Agea: saldo PAC 2017

Pubblico la Circolare AGEA.6059.2018 del 26 gennaio 2018

Pagamenti saldi domanda unica 2017.

Qui sotto il documento

Agea: verifica agricoltore attivo

Pubblico la Circolare AGEA.6100.2018 del 26 gennaio 2018

Chiarimento verifica requisito agricoltore attivo.

Qui sotto il documento.

venerdì 26 gennaio 2018

Siccità Sicilia

L'allarme siccità cresce di giorno in giorno.
Invasi a secco, falde non rifornite dalle piogge autunnali (che non ci sono state), e previsioni di pioggia .... zero!
Eppure sono cinque anni che parliamo di questo problema, cinque anni in cui le precipitazioni meteoriche si sono ridotte tantissimo, così come avviene nella decennalità degli eventi, ma cinque anni in cui la politica e le istituzioni tutte hanno fatto solo una cosa: "mettere la testa sotto la sabbia".
E come si affronterà la primavera, o peggio l'estate prossima?
Il problema non riguarda solo l'agricoltura, che comunque rimane un grande consumatrice di acqua, ma anche le città, che hanno difficoltà per l'approvvigionamento idrico.
Ed i maggiori costi da sopportare in agricoltura per l'emungimento delle acque dai pozzi, ovviamente per chi ne è provvisto?
Il problema, come scrivo da anni, è serio, serissimo.
Ecco la mappa del "rischio acqua"; molte zone della Sicilia sono paragonate ad alcune zone del nord Africa:


Registro vitivinicolo telematico

Segnalo il link relativo al nuova versione 4.2 della guida alla tenuta del registro vitivinicolo, pubblicato sul sito internet del Ministero per le Politiche Agricole:

giovedì 25 gennaio 2018

Arance rosse dall'altro lato del mondo

Ieri la notizia di arance rosse importate dall'Australia, e destinazione Sicilia ha fatto "il giro del web".
Sul sito internet Fruitnet e sul sito internet Freshplaza spagnolo la notizia è stata data con grande risalto.
E qui in Sicilia ... apprendere che una industria di canditi siciliana faccia "shopping" in Australia di arance rosse, mentre le nostre arance cadono per terra o, peggio, sono "quotate" 4 centesimi di euro al chilo ... certamente non ha fatto bene!
Potremmo aprire un pst "a infinite puntate", ma c'è da interrogarsi del perchè avvengono certi fenomeni!
Ecco i due link citati in premessa:


La patacò

Sabato scorso sono andato a Caltagirone per presenziare alla premiazione del concorso Colture e Culture del Calatino, concorso per le scuole promosso dall'Istituto Tecnico Agrario.
Uno dei premi un lavoro sulla "Patacò".
Non avevo mai sentito questo nome, ed informandomi ho saputo che è un pietanza che si prepara con la cicerchia, e per il quale il comune di Licodia Eubea organizza una "festa" cittadina.
Ecco la ricetta (in copia/incolla), per chi volesse cimentarsi in cucina (devo provare anche io), dal sito internet ilDailySlow:
Si tratta di un piatto a base di cicerchia (latyrus sativus), legume dalle origini antiche, della famiglia delle Papilionacee, di cui abbiamo parlato nel precedente articolo. In Sicilia un tempo coltivata ovunque, era alla base del pranzo dei contadini in campagna, oggi si coltiva solo in pochissime aree. Una di queste è appunto Licodia Eubea.

Ingredienti per 4 persone:

250 grammi di farina di cicerchia
broccoletti
salsiccia
peperoncino
olio
sale

Preparazione: Soffriggere l’aglio finemente tritato e peperoncino,aggiungere della salsiccia privata del budello e fare rosolare il tutto; unire i broccoletti precedentemente cotti in acqua salata, mescolare per alcuni minuti aggiungendo anche l’acqua utilizzata per cuocere i broccoli (ca. 2 litri per 4 persone). Poco prima che l’acqua vada in ebollizione, cominciare a versare poco per volta la farina di cicerchia e mescolare ripetutamente. Appena il composto raggiunge la consistenza voluta, aggiungere dell’olio e servire.

mercoledì 24 gennaio 2018

Lo scempio

Non credo di poter aggiungere altro. La foto parla da sola.


Aggiornamento sulla potatura dell’olivo

Oggi al CREA di Acireale si terrà un incontro tecnico su "Aggiornamento sulla potatura dell’olivo".


Qui sotto la locandina con il programma

Deducibilità dell'IVA delle fatture

Dopo la fattura elettronica per il carburante utilizzato a fini professionali nelle nostre automobili, di cui è detraibile la vergognosa percentuale del 20%, ecco cosa mi segnala il mio amico dott. Carlo Cocina:
Detrazione dell’Iva sulle fatture ricevute: pare che l’Agenzia delle Entrate con la circolare n° 1E/2018 sia intervenuta prevedendo che "faccia fede ai fini della detrazione la data di ricevimento della fattura". Diventa così importante conservare le *buste delle fatture ricevute via posta* e *la copia della mail*.
Praticamente in difetto potrebbe essere disconosciuta l’IVA portata in detrazione in caso di verifica.

Qui sotto la Circolare dell'Agenzia delle Entrate.

Evoluzione meteo

Continua a non piovere in tutta la Sicilia, ma le temperatura hanno avuto un leggero calo.
Il meteogramma previsionale indica per la giornata di domenica delle piogge in provincia di Catania, ma niente piogge in provincia di Palermo.







meteogramma su Catania








meteogramma su Palermo


martedì 23 gennaio 2018

Fattura elettronica per i carburanti

Mi sono già lamentato del fatto che dalle tasse possiamo detrarre solo un misero 20% dei costi relativi all'uso delle nostre automobili, che, invece, prevalentemente destiniamo alla attività professionale.
Dal 1° luglio prossimo, grazie ad un comma inserito nella legge di bilancio 2018, non potrà più essere utilizzata la "scheda carburante", ma ad ogni rifornimento il gestore dovrà erogare una fattura elettronica, relativa all'acquisto, per certificare l'effettiva erogazione.
Contestualmente, però, non vi è alcun aumento delle detrazioni.

E come faremo sui distributori "self"?
Ecco il comma 920 inserito nella legge di bilancio 2018:
All'articolo 22, terzo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e' aggiunto, in fine, il seguente periodo: « Gli acquisti di carburante per autotrazione effettuati presso gli impianti stradali di distribuzione da parte di soggetti passivi dell'imposta sul valore aggiunto devono essere documentati con la fattura elettronica ».

Oltre a ciò al comma 922 è stato inserito altro "paletto":
«Le spese per carburante per autotrazione sono deducibili nella misura di cui al comma 1 se effettuate esclusivamente mediante carte di credito, carte di debito o carte prepagate emesse da operatori finanziari soggetti all'obbligo di comunicazione previsto dall'articolo 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605"».
vietando, di fatto, la possibilità di utilizzare del contante per il pagamento dei carburanti.
Ma mi chiedo: quando troviamo quei distributori "diversamente europei" che non consentono l'utilizzo di "moneta elettronica" cosa facciamo????

Europa dove sei che non ti vedo!

Nuovo Codice della Protezione Civile

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, la n. 17:

DECRETO LEGISLATIVO 2 gennaio 2018, n. 224  

Codice della protezione civile.

Qui sotto il documento.

Saldo PAC

Uno degli argomenti più "gettonati" del blog è quello relativo al saldo del premio PAC, dove i commenti sono centinaia e centinaia, e dove si leggono le notizie più disparate.
Molti agricoltori, con anomalie al SIAN diffuse, attendono ancora l'erogazione dell'acconto, tutti gli altri il saldo, che ogni anno ritarda sempre più.

Agea: circolare sull'antimafia

Pubblico la Circolare AGEA.4435.2018 del 22 gennaio 2018

Procedura per l'acquisizione delle certificazioni antimafia di cui al D.lgs. 6 novembre 2011 n. 159 e successive modificazioni e integrazioni.

Qui sotto la circolare.

lunedì 22 gennaio 2018

I lupini a km 12.000

La globalizzazione selvaggia porta ad assistere allo sconvolgimento delle economie, prima fra tutte quella agricola, per cui prodotti "locali" vengono surclassati da quelli "dell'altro lato del mondo" sol perchè vengono prodotti a costi molto più bassi, tanto da consentirne un guadagno nonostante i costi di trasporto.
E questa cosa l'ho sollevata più di una volta, ma purtroppo ormai è così, e possiamo solo difenderci decidendo, ognuno di noi, di acquistare prodotti locali.
Ma ecco cosa mi è capitato fra le mani in un supermercato ... i lupini ... del Cile! Invece di avere quelli di "Reitana", a Km 5, abbiamo quelli del Cile a Km 12.000!
Inutile commentare oltre.


Sicilia: l'inverno che non c'è

Un inverno strano, questo che stiamo vivendo, una sorta di anticipo di primavera, senza piogge e con temperature al di sopra delle medie stagionali.
E per tutta questa settimana le previsioni meteo non lasciano spazio a piogge o a bruschi cali di temperature, mentre al nord Italia le piogge e le abbondanti nevicate nell'arco alpino mostrano che l'inverno lì esiste.
Nel frattempo i terreni "chiedono l'acqua" a gran voce, e molti fruttiferi hanno già le gemme pronte a far riprendere un nuovo vegetativo, con la paura,. da parte degli agricoltori, che eventuali gelate possano compromettere il raccolto futuro.

Inkscape

Oggi segnalo un software Open Source, ovvero gratuito ed aggiornato dalla "comunità", che serve per la realizzazione di disegni ed il loro "editing", una sorta di "Corel Draw" in piccolo, ma con enormi potenzialità, compreso l'utilizzo dei "livelli".
E' disponibile per tutti i sistemi operativi, da Windows a IOS a Linux.
Potete scaricarlo da qui: https://inkscape.org/it/

La tassa di soggiorno

Fra le tante tasse ... eccone una che incide ogni qualvolta si va ad utilizzare un albergo, un B&B, o comunque una struttura in cui alloggiare, sia per vacanza, ma anche per lavoro.
In genere si tratta di importi bassi, da uno a due euro, ma spesso, però, gli albergatori non rilasciano la ricevuta, che servirebbe a giustificarne l'incasso. La tassa di soggiorno può anche arrivare ad un importo giornaliero di cinque euro.
Questi soldi, poi, che fine facciano non si sa. Dovrebbero andare ai Comuni ai sensi della legge n. 42/2009 sul federalismo fiscale, e dovrebbero servire per “essere destinato a finanziare interventi in materia di turismo, manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e ambientali locali e dei relativi servizi pubblici locali”, così come indicato dal D.L. 23/2011 stabilisce.
In realtà, però, i Comuni li riversano nei propri bilanci, punto!

domenica 21 gennaio 2018

Sul tavolo agrumi romano, 9° puntata

Mentre si discute su come reimpiantare gli agrumeti affetti dal virus della tristezza, e mi pare che c'è poco o niente, nel frattempo persiste la solita esagerata forbice dei prezzi fra il campo e la vendita al dettaglio.
Qualche giorno fa in Svizzera le arance cv. tarocco venivano vendute a 3,95 franchi svizzeri al chilo, ovvero a 3,36 euro al chilo!

E nel frattempo le piante muoiono ... a migliaia ...

Linee guida per l'agricoltura di precisione

Pubblico, in formato grafico, il documento "Linee guida per lo sviluppo dell'agricoltura di precisione in Italia", redatto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Cinquanta sfumature di asfalto

Qualche giorno fa, in una delle tante strade provinciali abbandonate della nostra provincia, ecco che incontro un carrellino trainato da un cavallo ...
Ma la foto non l'ho fatta perchè c'era questo arcaico mezzo di locomozione, fra l'altro rispettabilissimo, ma l'ho fatta per far vedere che il cavallo ed il carrello potevano pur star bene in questa strada, ma le automobili non più.
Infatti la strada ha centinaia e centinaia di rattoppi, assai raffazzonati, e decine e decine di buche larghe anche più di un metro quadro, che formano gradini devastanti, ma al contempo pericolosissimi.

Europa dove sei che non ti vedo!

sabato 20 gennaio 2018

Fioriture fuori periodo

Ieri pomeriggio una pianta di pesche faceva bella mostra dei suoi fiori.
Le alte temperature di questi giorni, rispetto alla media stagionale, stanno facendo sì che le piante stiano entrando in attività, con emissione di nuova vegetazione.
E se dovesse arrivare un ribassamento delle temperature, ecco che le produzioni potrebbero essere compromesse. 

Sul tavolo agrumi romano, 8° puntata

Altro punto "dolente" del comunicato stampa del Ministero per le Politiche Agricole: "Fondo agrumicolo - 10 milioni di euro in legge di bilancio
Al fine di incentivare l'aggregazione, gli accordi di filiera, l'internazionalizzazione, la competitività e la produzione di qualità è istituto con Legge di Bilancio un Fondo agrumicolo con una dotazione di 10 milioni di euro (2 per 2018, 4 per 2019 e 2020)".
C'è da chiedersi a cosa servano questi 10 milioni di euro, fra l'altro spezzettati in tre anni. Vero è che viene descritto "Al fine di incentivare l'aggregazione, gli accordi di filiera, l'internazionalizzazione, la competitività e la produzione di qualità", ma mi chiedo il senso puro di quanto scritto, anche perchè ciò che serve è una programmazione serie di risorse destinate al reimpianto degli agrumeti colpiti dal virus della tristezza.
Ricordo che non stiamo parlando di una fitopatia a cui possiamo porre rimedio con interventi fitoiatrici, stiamo parlando di una fitopatia incurabile e che porta alla morte gli impianti arborei, per cui la prima cosa da fare è il reimpianto degli appezzamenti.
E fin quanto ho letto finora nel comunicato stampa del Ministero, vedo che ancora non è ben chiaro cosa stia succedendo in Sicilia, ma soprattutto vedo che non è stata indicata la soluzione alla problematica, che rimane serissima ed altrettanto devastante economicamente!